Come effettuare un test di verifica prestazioni su un sito

Come effettuare un test di verifica prestazioni su un sito

Test di velocità, di prestazioni del sito, dei DNS e tutto il resto: ecco come capire come si “comporta” in media il vostro sito web.Non ci sono dubbi che i test debbano essere effettuati in momenti differenti e soprattutto si debbano “incrociare” (ovvero confrontare tra loro) prima di poter dire una parola definitiva in merito. Le cause principali di prestazioni molto scarse sui siti, per la cronaca, sono tipicamente legate a server configurati male (colpa del provider), a problemi di rete temporanei (a volte capitano, ovviamente) oppure script del sito che non funzionano a dovere / cattive configurazioni da parte del webmaster. Il test effettuato da remoto fornisce pero’ spesso un’indicazione di massima specie se i server dove sono alloggiati i servizi sono all’estero: questo non tanto per la distanza geografica maggiore, quanto per il fatto che non sempre coincidono con la provenienza dell’utente medio del vostro sito. Riuscire a fare coincidere questi due dati, di fatto, è una delle tecniche migliori per comprendere al meglio se sia il caso di cambiare hosting o meno.

Come al solito riporto il risultato dei test che ho effettuato, senza ripetizioni, per alcuni siti: è necessario osservare che i confronti dovrebbero essere effettuati tra portali dello stesso genere, e che la “lentezza” di certi siti è determinata da fattori legati al funzionamento degli stessi. Ad esempio, da quando sono stati introdotti i widget social (tipo quelli di facebook) è normale che si verifichi un rallentamento nel caricamente del sito, che non è di fatto eliminabile se non togliendo di mezzo gli stessi (compromesso inaccettabile). Altri eventuali rallentamenti – che potete vedere dal tempo di caricamento delle singole componenti del sito – sono invece da considerarsi eliminabili ad esempio mediante plugin di cache.

Il caricamento di Facebook impiegava addirittura 10 secondi a completarsi, in un caso.

Schermata 2013-06-17 alle 16.43.09

Nella prima riga, la più interessante, troviamo invece il tempo di caricamento dell’hosting, ovvero quello di risoluzione del nome e della primissima richiesta HTTP.

Schermata 2013-06-17 alle 16.33.53

In generale test del genere, che potete effettuare anche con lo strumento di Google, dovrebbero sempre essere valutati con la dovuta cautela.

http://tools.pingdom.com/fpt/

Ti piace questo articolo?

0 voti

Su Trovalost.it puntiamo sulla qualità dei contenuti da quando siamo nati: la tua sincera valutazione può aiutarci a migliorare ogni giorno.

Ti potrebbero interessare (Hosting e domini):

Cerca altro nel sito

Clicca sul box, e scegli la sezione per vederne i contenuti.