Hosting per blog: le migliori piattaforme gratuite Scopri come aprire il tuo blog in pochi click grazie a Blogger e WordPress

<span class="entry-title-primary">Hosting per blog: le migliori piattaforme gratuite</span> <span class="entry-subtitle">Scopri come aprire il tuo blog in pochi click grazie a Blogger e WordPress</span>

Devi aprire oggi stesso il tuo blog, non vuoi spendere nulla e desideri una piattaforma facile da gestire e possibilmente in italiano? In questo articolo ti darò un po’ di suggerimenti utili per trovare rapidamente quello che ti serve, passando in rassegna le principali opzioni che il web attualmente offre ai blogger.

Vediamo quindi la lista dei principali servizi che potete provare, con le caratteristiche di ognuno.

wordpress.com (vedi anche la guida: come aprire un blog in WordPress)

Si tratta della scelta probabilmente più diffusa in assoluto, e anche una delle più pratiche, comode ed efficaci che possano esistere.

Andando sulla pagina di WP in italiano (all’indirizzo it.wordpress.com/) troverete quello di cui avete bisogno: inserite anzitutto il nome che volete dare al blog e cliccate su “crea sito web” per cominciare. Successivamente vi verrà richiesta la registrazione con un indirizzo di posta elettronica (potete anche usarne uno appositamente per questo, se preferite) e in questo modo avrete a disposizione un’interfaccia web adatta a creare non uno, ma tutti i blog che vorrete.

L’indirizzo di terzo livello su cui poi potrete lavorare sarà del tipo mioblog.wordpress.com, ma potrete sempre passare ad un dominio di secondo livello acquistando a pochi euro all’anno mioblog.estensione a vostra scelta.

Screen 2014-10-02 alle 10.40.02

All’interno delle opzioni troverete modo di scrivere post in cui poter caricare immagini, inserire video in embed (da Youtube ad esempio), e poi categorizzare i contenuti, associare dei tag, localizzare il post ed inserire un riassunto dello stesso. I theme grafici sono personalizzabili a vostra scelta, scegliendo dall’immenso archivio gratuito di template di WordPress, mentre come unica, sostanziale limitazione, non vi sarà concesso di installare plugin: se avete bisogno di plugin specifici wordpress.com non fa per voi, e dovrete ricorrere ad una soluzioni hosted, nel senso che acquisterete un pacchetto di hosting per WordPress (ad esempio su Pop.it, SupportHost e tanti altri), ci andrete ad installare WP ed avrete la possibilità di personalizzarlo come vorrete. Gli hosting adatti al vostro blog sono tutti quelli che trovate in giro che siano condivisi, a meno che non abbiate un grosso carico di visite da subito (ad esempio se siete fashion blogger o blogger di cucina), per cui avrete bisogno di un webmaster abbastanza esperto e potete valutare un hosting cloud o un dedicato.

blogger.com (la piattaforma di Google, vedi anche: come aprire un blog su Blogger)

Blogger è la piattaforma di blogging di Google: ogni volta che vi capita di leggere un blog con indirizzi blogspot.com, per intenderci, siete capitati in un sito di questo tipo. Si tratta di una scelta molto interessante e, anche qui, comoda da usare, visto che per ogni account Gmail viene associata la possibilità di fare blogging direttamente: basta andare su blogger.com, fare login con le credenziali di accesso alla casella di posta e sarete pronti a cominciare.

Screen 2014-10-02 alle 10.48.30

Anche qui, come nel caso di WordPress.com, potrete aprire tutti i blog che vorrete, e vedrete da un pannello unificato tutte le statistiche ed i dati di interesse di ognuno dei vostri siti. Cliccate in particolare su “Nuovo blog” per aprire rapidamente un nuovo indirizzo da cui poter scrivere. Gli indirizzi risultanti saranno del tipo mioblog.blogspot.com, ma anche qui potrete facilmente passare ad un dominio di secondo livello (mioblog.est). Anche qui, come nel caso precedente, non potrete installare plugin aggiuntivi, per quanto i theme grafici siano un po’ di flessibili da gestire: molte opzioni, come quelle sui post più visitati oppure i rating sui post, non sono banalissime da mostrare di default ma si riesce comunque a farlo cercando un po’ su Google.

Per aprire blog un po’ più semplici (con meno opzioni), potete optare per moltissime altre soluzioni tra cui:

  • blogfree.net
  • typepad.com
  • weebly.com
  • storify.com
  • blog.libero.it
  • blog.tiscali.it
  •  blog.com

Come alternativa, potete sempre affidare la realizzazione del vostro blog ad un professionista, ovvero farvelo configurare da qualcuno (tipicamente in WordPress) e poi gestirlo mediante un hosting.

Ti piace questo articolo?

1 voto

Su Trovalost.it puntiamo sulla qualità dei contenuti da quando siamo nati: la tua sincera valutazione può aiutarci a migliorare ogni giorno.

Hosting per blog: le migliori piattaforme gratuite

Devi aprire oggi stesso il tuo blog, non vuoi spendere …
Votato 8 / 10, campione di 1 utenti

Ti potrebbero interessare (Visti e provati):

Cerca altro nel sito

Clicca sul box, e scegli la sezione per vederne i contenuti.