Domini internet ed intestazioni: tutto quello che c’è da sapere A chi intestare i domini su internet: guida pratica ad uso generale, anche per la privacy

<span class="entry-title-primary">Domini internet ed intestazioni: tutto quello che c’è da sapere</span> <span class="entry-subtitle">A chi intestare i domini su internet: guida pratica ad uso generale, anche per la privacy</span>

Ogni dominio internet è intestato ad una persona oppure ad un’azienda: questa è una regola che vale per tutti i domini di secondo livello, che come sappiamo sono del tipo mionome.net oppure qualcosa.com.

Se invece registriamo un sottodominio come mionome.altrosito.est, ad esempio, il dominio risulterà comunque a nome di chi ha registrato altrosito.est, per capirci.

Se ragioniamo su un dominio (di secondo livello) di nostra proprietà, che sarà nostro e gestito interamente da noi o che stiamo in altri termini per acquistare, dovremo intestarlo a nostro nome, oppure dell’azienda per cui operiamo. Su questo non dovrebbero esserci ulteriori dubbi: se volessimo nascondere la nostra identità per qualsivoglia ragione (sperabilmente lecita), non dovremo fare altro che associare un servizio di privacy WHOIS: esso impedirà che le richieste di WHOIS sul dominio siano nascoste con dati farlocchi, ma attenzione che questo non è possibile in maniera equivalente su tutte le estensioni (ad esempio non si può attivare sulle estensioni / TLD .US e sui .EU, per citarne due).

Passiamo oltre, e partiamo dal miglior motivo in assoluto per cui è indispensabile intestare il dominio al cliente (se il sito sarà suo, ovviamente): la questione delle  responsabilità, oltre a quella (ben più materiale) dei pagamenti. Chiunque voglia un sito deve sapere che è necessario sostenere di norma tre costi distinti:

  1. il costo di realizzazione (da concordare);
  2. quello del dominio, a cadenza annuale (fisso);
  3. quello dell’hosting che permette al dominio di essere online (variabile a seconda del servizio di hosting).

Intestandolo a sè stessi come webmaster, consulenti e via dicendo, il rischio è quello di risultare a proprio nome per tutto ciò che il cliente, in autonomia (se usa un CMS come Joomla o WordPress) deciderà di utilizzare.

Ovvio, quindi, che qualsiasi webmaster faccia un sito su commessa dovrà intestarlo a nome del cliente, che dovrà a sua volta fornire l’anagrafica propria con:

  • nome e cognome (o intestazione azienda);
  • indirizzo;
  • località, CAP;
  • numero di telefono;
  • recapito email.

Attenzione che a tale riguardo molti provider di domini distinguono tra contatto del sito, contatto tecnico ed amministrativo: sono tre figure che a volte convergono in soltanto due o addirittura una, ma che è importante lasciare come recapito per quanto richiesto dalle regole dell’ICANN. Una buona ragione per attivare il servizio di privacy è proprio occultare il numero di telefono, che altrimenti resterebbe come dato pubblico: si consideri infatti che i servizi di WHOIS tendono a propagare nel tempo queste informazioni, e trascorso un certo lasso temporale può diventare difficile farle rimuovere da internet o da Google.

Come sappiamo interrogando un qualsiasi servizio di WHOIS (come quello offerto dal nostro sito), ogni dominio viene intestato ad una persona, ad un’ente oppure ad un’azienda a seconda dei casi: ed è opportuno che essa coincida con chi utilizzerà quel sito, non con chi abbia contribuito alla sua creazione o ottimizzazione (che, al limite, potrebbe apparire in una pagina tra i collaboratori, che è una cosa ben diversa, oltre che più logica).

Ti piace questo articolo?

0 voti

Su Trovalost.it puntiamo sulla qualità dei contenuti da quando siamo nati: la tua sincera valutazione può aiutarci a migliorare ogni giorno.

Ti potrebbero interessare (News):

Cerca altro nel sito

Clicca sul box, e scegli la sezione per vederne i contenuti.