WalMart diffida l’autore di Questionable Content dall’uso di walmart.horse Entro due settimane l'artista, che difende la propria scelta, dovrà cedere il dominio ai detentori del marchio

<span class="entry-title-primary">WalMart diffida l’autore di Questionable Content dall’uso di walmart.horse</span> <span class="entry-subtitle">Entro due settimane l'artista, che difende la propria scelta, dovrà cedere il dominio ai detentori del marchio</span>

Le nuove estensioni di dominio sono numerosissime, e tra le estensioni più curiose vi è senza dubbio il dominio .horse, considerato uno standard per il settore equestre e destinato, nelle intenzioni, ad allevatori, ranch ed appassionati di cavalli. Jeph Jacques, cartoonist ed autore delle strisce a fumetti Questionable Content, ha deciso un bel giorno di registrare il dominio walmart.horse, facendolo puntare ad un account Thumblr e raffigurando in esso la foto di un cavallo di fronte alla famosa catena di vendita al dettaglio.

Peccato che, in questo caso, la Walmart Stores Inc (multinazionale statunitense fondata da Sam Walton nel 1962) l’abbia presa decisamente male, invitando Jacques a cedere loro il dominio per abuso (le accuse sono di violazione di un marchio registrato, abuso dei diritti esclusivi di Walmart e concorrenza sleale). Di fatto, alla celebre azienda americana da’ fastidio l’associazione tra l’artista ed il proprio marchio: l’immagine sfruttata sarebbe di pubblico dominio, secondo Jacques, e questo suggerisce l’idea già consolidata da tempo che, per le aziende, i domini con le nuove estensioni siano a proprio uso esclusivo, specie nel caso di marchi registrati.

La difesa del cartoonist non si è di fatto fatta attendere, riportata da ArsTechnica, raccontando come l’idea sia nata dalla considerazione su quante combinazioni assurde di nomi di dominio siano disponibili sul mercato, specie oggi dopo l’introduzione progressiva dei nuovi TLD. In altri termini, walmart.horse non sarebbe altro (secondo il vignettista) che una forma di arte satirica, citando l’artista “the highest possible satire, and the fact that this accusation came from Walmart itself is a most delicious piece of irony“. Dal canto suo, Walmart ha richiesto la restituzione del dominio entro due settimane, pena possibili conseguenze sul piano legale. Dal canto suo, l’ICANN continua ad invitare i detentori di diritti di copyright e marchi registrati a registrare domini del genere con tutte le estensioni, proprio per evitare situazioni del genere (anche se, nel caso in esame, si è trattato di una semplice provocazione che Jacques aveva, a suo dire, previsto). Difficile prevedere come andrà a finire la vicenda, anche se la sensazione è che l’azienda avrà la meglio sull’artista.

Ti piace questo articolo?

0 voti

Su Trovalost.it puntiamo sulla qualità dei contenuti da quando siamo nati: la tua sincera valutazione può aiutarci a migliorare ogni giorno.

Ti potrebbero interessare (News):

Cerca altro nel sito

Clicca sul box, e scegli la sezione per vederne i contenuti.