Come impostare i permessi del file .htaccess?

Come impostare i permessi del file .htaccess?

Ogni utente di CMS come WordPress, Drupal o Joomla avrà avuto a che fare, almeno una volta nella vita, con le modifiche al file htaccess, ovvero l’elenco di direttive per il server Apache che servono, tra l’altro, a far funzionare gli URL SEO-friendly, ad impostare la cache del sito ed abilitare i vari moduli disponibili. La prima cosa da capire è se vogliate modificarlo manualmente o mediante plugin: le impostazioni possono variare leggermente in base al server che state usando.

In genere per il file htaccess il codex di WordPress consiglia un CHMOD 644, cioè permessi di scrittura solo per il proprietario e sola lettura per tutti gli altri. Questa impostazioni va bene per ogni CMS e dovrebbe togliere di mezzo qualsiasi dubbio: se pero’ modificate htaccess via plugin, può essere opportuno utilizzare un CHMOD 777, permettere le modifiche al plugin e poi riportare allo standard 644. Quando scrivo CHMOD 644 ciò si traduce in FileZilla con l’indicazione del solo numero 644 all’interno della schermata apposita (illustrata di seguito), in quanto il client provvederà a eseguire il CHMOD in automatico, come vedrete anche dal log del programma in alto.

La spiegazione passo-passo è la seguente: da FileZilla, cliccando col tasto destro sul file htaccess che vi interessa, scegliete “Permessi File” dal menù a tendina (mostrato di seguito).

Screen 2015-04-08 alle 13.34.28A questo punto apparirà una finestra in cui dovrete specificare i permessi, solo per il file interessato chiaramente, e dovrete scrivere 644 nella casella di testo apposita, cliccando infine su OK per confermare la modifica.

La screen successiva mostra la procedura.

Screen 2015-04-08 alle 13.36.18

 

 

 

Il log di esempio, visibile in alto, è il seguente.

Screen 2015-04-08 alle 13.40.11

Procedura analoga nel caso in cui impostiate qualsiasi altro permesso, ricordandovi di lasciare 777 solo temporaneamente, e non dimenticarlo così nel seguito: di norma, infatti, qualsiasi hosting che sia ben configurato non richiede di norma un 777, e lasciarlo così è un errore oltre che un rischio per la sicurezza. Nota: su alcuni server può essere necessario impostare un CHMOD 664 perchè il permesso di scrittura va esteso anche al gruppo e non solo al proprietario.

Leggi anche: Come impostare chown quando WordPress non carica le immagini sul server (senza fare il CHMOD 777) e Permessi di default WordPress: come impostarli in modo corretto [CHMOD]

Scopri tutto quello che c’è da sapere sul file .htaccess partendo da qui.

 

Ti piace questo articolo?

0 voti

Su Trovalost.it puntiamo sulla qualità dei contenuti da quando siamo nati: la tua sincera valutazione può aiutarci a migliorare ogni giorno.

Ti potrebbero interessare (Guide per webmaster):

Cerca altro nel sito

Clicca sul box, e scegli la sezione per vederne i contenuti.