Ma davvero avevano dimenticato di rinnovare Google.com? Un ex dipendente del celebre motore di ricerca sarebbe riuscito ad acquistare il dominio su Google Domains, al prezzo di soli 12 dollari, vedendoselo revocato qualche istante dopo

<span class="entry-title-primary">Ma davvero avevano dimenticato di rinnovare Google.com?</span> <span class="entry-subtitle">Un ex dipendente del celebre motore di ricerca sarebbe riuscito ad acquistare il dominio su Google Domains, al prezzo di soli 12 dollari, vedendoselo revocato qualche istante dopo</span>

Sta facendo sensazione la notizia dell’ex impiegato di Google – ora in forza presso Amazon – Sanmay Ved, che sarebbe riuscito per qualche istante ad acquistare il dominio google.com. Dopo aver controllato la disponibilità dello stesso, sarebbe riuscito ad acquistarlo a soli 12 dollari, riuscendo così ad accedere per qualche momento al Webmaster Tools del dominio più famoso al mondo. Una circostanza davvero singolare, in effetti, riuscire a controllare uno dei domini più quotati del momento, con un reddito di oltre 66 miliardi di dollari (dato del 2014).

AAEAAQAAAAAAAAVUAAAAJGJmMjNlOTM3LTQwN2ItNDM5NC1hZDE1LTNlMmUzMjk0YjRkYQ

Effettuando l’acquisto mediante il servizio , qualche momento dopo avrebbe ricevuto un rimborso della quota spesa, in quanto Google deve essersi accorta del problema. La notizia suona parecchio strana, per certi versi, perchè sembra suggerire che anche Google possa aver dimenticato di rinnovare il proprio dominio; a parziale conferma della possibilità di un’evenienza del genere, c’è da considerare il fatto che il WHOIS stesso del celebre dominio .com scade il 14 settembre 2020; essendo la cadenza dei rinnovi annuale, possiamo dedurne che scadeva proprio il 14 settembre, ed è possibile che Ved sia riuscito ad acquisirlo nel periodo immediatamente successivo a questa data. Cosa pero’ che suona comunque anomala, dato che sarebbe dovuto coincidere con un periodo nel quale il famoso motore di ricerca non sarebbe stato raggiungibile: in tal caso, la notizia si sarebbe diffusa viralmente sul web, ne avremmo una traccia anche minima cosa che, invece, non abbiamo.

Devo riconoscere di aver pensato quasi subito ad una bufala, ma il fatto che compaia il nome della persona ed un riferimento sul suo profilo ufficiale suggeriscono che qualcosa del genere possa essere successa sul serio: possibile, ad esempio, che si sia trattato di un errore di aggiornamento dal registro dell’ICANN, l’autorità massima nel settore che si occupa della gestione delle estensioni e della registrazione dei domini ad alto livello. A conferma della cosa ci sarebbe il profilo Linkedin ufficiale di Ven (link), ed un suo post che racconta la storia, nel quale l’ex dipendente di Google racconta di aver riscontrato la singolare circostanza mediante l’interfaccia di Google Domains, allegando (se non altro) numerose screenshot come prova.

AAEAAQAAAAAAAATNAAAAJDcwMjY2OTU5LTdlZGItNDUzNi05ZGJhLWQ0NzMzNTU0NWJiNwÈ evidente che Google abbia potuto recuperare facilmente il dominio poichè è proprietaria della piattaforma di registrazione, ma questo suggerisce ad ogni modo che l’errore è stato quasi certamente confinato alla piattaforma stessa, in congiunzione con un ulteriore bug dei Webmaster Tools (che effettivamente permettono a più proprietari di visionare i dati delle ricerche di un sito senza essere titolari del dominio). In definitiva, non si è trattata di una vera e propria dimenticanza, come successo anni fa a Microsoft che dimenticò di rinnovare il dominio hotmail.co.uk, bensì di un bug interno per il quale, per fortuna di Google, tutto si è risolto nel migliore dei modi.

(fonti: sec.gov, Business Insider, The Hacker News)

Ti piace questo articolo?

0 voti

Su Trovalost.it puntiamo sulla qualità dei contenuti da quando siamo nati: la tua sincera valutazione può aiutarci a migliorare ogni giorno.

Ti potrebbero interessare (News):

Cerca altro nel sito

Clicca sul box, e scegli la sezione per vederne i contenuti.