Analizzare Wi-Fi altrui con il proprio gatto Un ricercatore informatico ha spiegato, già nel 2014, un curioso procedimento per trarre informazioni sui router dei suoi vicini

<span class="entry-title-primary">Analizzare Wi-Fi altrui con il proprio gatto</span> <span class="entry-subtitle">Un ricercatore informatico ha spiegato, già nel 2014, un curioso procedimento per trarre informazioni sui router dei suoi vicini</span>

Detta così sembra una barzelletta o un racconto umoristico, ma è la verità: dotando di un particolare collare-sensore è possibile trarre informazioni sui wireless di una determinata zona.

È quanto raccontato da

L’esperimento non è stato fatto ovviamente senza scopo o con quello di fare dubbi esperimenti sui nostri poveri animali domestici: da quanto emerge da questa singolare, quanto alla portata di tutti, raccolta dati è che moltissime wireless moderne sono ancora scoperte, senza password nè certificati. Sorprendentemente, ancora oggi molte wirelesse sono protette da WEP (debole sistema di protezione) e sono connesse senza alcuna protezione, ad esempio anche in alcuni hotel dove sono capitato di recente (fonte, fonte).

Photo by travel oriented

Valutazioni utenti

0 / 5 ( 0% )

0 voti