Il Garante della Privacy invita Facebook a rendere subito disponibili informazioni su eventuali account “fake”

Il Garante della Privacy invita Facebook a rendere subito disponibili informazioni su eventuali account “fake”

Dopo i chiarimenti sulla privacy degli utenti, in particolare dei visitatori dei siti web, con annessa nuova legge sui cookie, arriva una nuova comunicazione del Garante italiano, che si rivolge al social network Facebook. La società è stata invitata ufficialmente a fornire maggiore trasparenza sul trattamenti dei dati personali degli iscritti e, in particolare (si legge):

Facebook dovrà comunicare ad un proprio utente tutti i dati che lo riguardano – informazioni personali, fotografie, post – anche quelli inseriti e condivis i da un falso account, il cosiddetto “fake”. Non solo: la società di Menlo Park dovrà bloccare il fake ai fini di un’eventuale intervento da parte della magistratura.

In altri termini eventuali account duplicati utilizzati per furti di identità, ricatti o truffe dovranno essere consegnati, in qualche modo, all’eventuale vittima, al fine di favorire l’indagine da parte della magistratura per tutelarne la rispettabilità. Il riferimento è ad un utente italiano vittima di tentata estorsione, che aveva richiesto la cancellazione e il blocco del falso account, nonché la  comunicazione dei suoi dati in forma chiara, anche di quelli presenti nel fake. La risposta di Facebook è stata da lui ritenuta poco chiara e soddisfacente, tanto da suscitare un ricorso al Garante italiano: è facile, quindi, che la casistica venga estesa ad altra casi di violazione di privacy analoghi.

Sembra, in definitiva, che si vadano finalmente delineando alcuni aspetti non troppo chiariti sulla privacy degli utenti in rete, ricordando quindi la grande attenzione che noi tutti dovremmo avere prima di postare noi, per primi, video e foto riservate o relative a familiari e/o eventi della nostra sfera privata. La mossa del nostro Garante è molto chiara e significativa, quindi, ed è probabile che altri paesi possano prendere esempio in seguito (fonte).

Photo by Internet Archive Book Images

Ti piace questo articolo?

0 voti

Su Trovalost.it puntiamo sulla qualità dei contenuti da quando siamo nati: la tua sincera valutazione può aiutarci a migliorare ogni giorno.

Ti potrebbero interessare (News):

Cerca altro nel sito

Clicca sul box, e scegli la sezione per vederne i contenuti.