Hosting più veloci a confronto

Hosting più veloci a confronto

In questo articolo ho effettuato un test delle performance (precisamente in termini di velocità iniziale) delle soluzioni di hosting che ho presentato nell’articolo apposito sui migliori hosting made in Italy. I risultati vengono qui discussi nel dettaglio, e presentati in termini di tabelle, in modo che possano risultarvi utili ad eventuali valutazioni di acquisto.

Premessa. Quello che presento di seguito si basa su una serie di test consecutivi effettuati mediante il tool online bytecheck.com, che effettua una misura del TTFB di ogni host (ovvero il tempo necessario perchè la connessione abbia effettivamente inizio tra client e server). Per correttezza bisogna specificare quello che ho scritto in più occasioni: il ping, così come l’uptime e misurazioni simili, specie se effettuate in brevi periodi, non deve diventare un totem da santificare per sentirsi sicuri delle performance di un web server. Esiste, come in qualsiasi altro tipo di comunicazione, un rumore non controllabile (nel nostro caso disconnessioni, interferenze, routing che non va a buon fine ecc.) che può influenzare notevolmente l’affidabilità del test. Quindi i ping che presenterò, effettuati dalla mia postazione, sono praticamente certo che si presenterebbero diversamente se effettuati da un altro utente. Su base statistica, ad ogni modo, il test effettuato su un campione di 10 rilevazioni consecutive di TTFB ha portato a risultati attendibili esclusivamente in media, come misura orientativa o per puro gusto di discussione, se preferite.

Il ping può comunque essere un metro di valutazione da considerare in negativo, nel senso che ping che impiegano molto ad essere eseguiti potrebbero essere sintomo di qualche problema di rete dell’hosting su cui vengono effettuati, senza considerare ovviamente che in alcuni casi non sono un test valido perchè il server potrebbe bloccare a prescindere i ping per motivi di sicurezza. Il campione su cui ho effettuato il test rappresenta alcuni tra i principali hosting italiani, che consentivano di effettuare i ping necessari alla rilevazione senza problemi (data ed ora del test: 27 dicembre 2016, ore 10:00 circa)

I primi risultati che ho ottenuto sono riassunti nella seguente tabella (cliccando sul titolo della colonna TTFB vedrete i risultati dal più veloce in poi, cliccando sul link dell’offerte vedrete, invece, le offerte principali di hosting condiviso che sono messe a disposizione dall’azienda):

HostingTTFB (s)
Tophost0.23
Supporthost0.18
Keliweb0.22
Mister Domain0.48
Aruba0.21
1&10.54
Siteground0.43
V-Hosting0.47

I primi tre hosting che sono risultati più veloci in termini di TTFB (e senza considerare ulteriori fattori rallentati o di eventuale “rumore”) sono stati i seguenti:

  1. Supporthost
  2. Aruba
  3. Keliweb

C’è da aggiungere, inoltre, che parliamo di differenze davvero minime che – su un normale browser , trattandosi di millisecondi – potrebbero essere poco percettibili e che il test, per essere più rigoroso, dovrebbe essere eseguito quantomeno a parità di CMS installato. Ovviamente un tempo di ping superiore ai 500ms inizia a diventare preoccupante e dovrebbe valere, come ho detto prima, come “campanello di allarme”, cosa che fortunamente non è successa per nessuno degli hosting condivisi considerati.

Per approfondire il significato del TTFB, potete leggere l’approfondimento dedicato allo stesso.

Tophost
Ti piace questo articolo?

6 voti

Su Trovalost.it puntiamo sulla qualità dei contenuti da quando siamo nati: la tua sincera valutazione può aiutarci a migliorare ogni giorno.

Hosting più veloci a confronto

In questo articolo ho effettuato un test delle performance (precisamente …
Votato 8 / 10, campione di 6 utenti

Ti potrebbero interessare (Hosting e domini):

Cerca altro nel sito

Clicca sul box, e scegli la sezione per vederne i contenuti.