Come si sceglie l’hosting per il tuo sito

Come si sceglie l’hosting per il tuo sito

Tutti coloro che hanno a che fare con il web, prima o poi, potranno avere a che fare con un servizio di web hosting: non solo chi avvia il sito di una startup o il blog aziendale, ma anche chi decide di cambiarlo perchè non è soddisfatto dal livello di quello attuale. Ognuno, inutile sottolinearlo, vorrebbe che il proprio sito sia veloce ed efficente, possibilmente senza dover spendere un capitale, e naturalmente ciò coincide con quello che la maggioranza dei provider di hosting promette. Trovare un buon servizio di hosting richiede un po’ di sana conoscenza di base della tecnologie e delle sue dinamiche: anche tu potrai farlo!

Quando si sceglie un servizio, dunque, le cose da sapere sono non poche, e le vedremo di seguito.

Tecnologie open source

La scelta più popolare in assoluto (praticamente da sempre) è legata alla “combo” MySQL, PHP, server Apache (o al limite Nginx) e macchine Linux (il cosiddetto stack LAMP); questa scelta viene ormai data per scontata, mentre le ragioni per cui avviene sarebbero da discutere a livello più che altro discorsivo. Non ci interessa quindi capire tanto perchè, ma sapere che il nostro hosting dovrà avere supporto ad una versione stable e recente di PHP, supportare database MySQL ed avere un server Apache. Questi software, infatti, offrono la maggioranza delle soluzioni open source di alto livello, e ciò fa “gola” a webmaster e web developer perchè si tratta, tra l’altro, di tecnologie:

  • facili da sviluppare, ad esempio sulla base delle indicazioni del codex di WordPress;
  • non difficili da espandere, sfruttando ad esempio il Composer di PHP;
  • dotate di numerosi plugin, librerie e CMS open source;
  • dotate di ampio supporto nella comunità e nei forum liberi: basta “chiedere” a Google, il più delle volte, e troverete la risposta che vi serve.

Del resto il succitato WordPress, una delle soluzioni software più usate per i siti web attuali, si basa su queste tecnologie, con una community di blogger e sviluppatori estremamente attiva e costantemente alla ricerca di bug, miglioramenti e proposte.

Scegliere l’hosting giusto per il tuo sito web passa, quindi, molto spesso per l’open source, peraltro l’unica sostanziale alternativa gratuita ai costosi software commerciali. Sfruttando il modello open source, inoltre, gli sviluppatori web hanno la possibilità di far pagare i propri servizi o consulenze al netto del costo del software, con la sola aggiunta del prezzo del dominio e dell’hosting web. Tieni conto di questo perchè, se scegli una soluzione open source come quelle succitate quando compri hosting e dominio, avrai bisogno di formarti o di farti seguire almeno in parte (e per la manutenzione a lungo periodo) da un esperto del settore.

Le alternative all’open source non mancano ma, per varie ragioni, si sono sviluppate in ambito web solo in ambiti relativamente “ristretti”, spesso soggetti ad accordi di non divulgazione.

Caratteristiche importanti degli hosting

Le principali feature che sono utili da valutare al fine di trovare un hosting di qualità sono le seguenti:

  1. il livello di assistenza da parte dell’hosting, in caso di difficoltà;
  2. la presenza di un pannello DNS per gestire il dominio e reperire NS, DNS ed auth code;
  3. la possibilità di disporre di banda (per supportare il traffico dei visitatori) e spazio web (per contenere i file del sito) abbastanza capienti e, in alcuni casi, illimitate;
  4. la disponibilità dei servizi cPanel o Plesk per facilitare la gestione di uno o più siti web.

Non esiste una classificazione definitiva delle caratteristiche di un hosting che lo rendano migliore di altri: l’esperienza diretta, le aspettative e le proprie conoscenze tecnologiche possono influire parecchio sulle valutazioni.

Leggi anche: Guida pratica alla scelta di un servizio di hosting

Ho scelto ma… quanto costano i servizi?

Il costo dell’hosting può variare caso per caso, ma nella maggioranza dei casi è proporzionale al rischio che si assume l’impresa nell’operare sul web; ovviamente non tutte le soluzioni sono uguali, e tutto cambia radicalmente in funzione di ciò che l’hosting ci da’ a livello di servizi, utility ed assistenza personalizzata.

Di solito, comunque, gli hosting permettono di effettuare downgrade ed upgrade dei servizi che diventano così, di fatto, scalabili sulle esigenze effettive del momento.

Le soluzioni più diffuse di hosting sono i cloud ed i condivisi, almeno in questi anni.

 


Ti piace questo articolo?

1 voto

Su Trovalost.it puntiamo sulla qualità dei contenuti da quando siamo nati: la tua sincera valutazione può aiutarci a migliorare ogni giorno.

Come si sceglie l’hosting per il tuo sito

Tutti coloro che hanno a che fare con il web, …
Votato 6 / 10, campione di 1 utenti

Ti potrebbero interessare (Guide per webmaster):

Cerca altro nel sito

Clicca sul box, e scegli la sezione per vederne i contenuti.