Come trovare il miglior dominio: la guida di Trovalost.it

Come trovare il miglior dominio: la guida di Trovalost.it

Volete sapere come trovare il nome di dominio perfetto per la vostra attività e dove registrarlo al prezzo più conveniente? Eccovi un nuova tutorial che spiega tutte le cose che bisogna conoscere.

Premesse

Comprare un dominio è un’operazione tutto sommato semplice, e non richiede particolari competenze tecniche, ma deve essere eseguita con una certa perizia e ricordandosi alcune regolette pratiche.

Come scegliere il nome

Il principale problema da risolvere, comunque si deciderà di fare in questa prima fase, riguarda dunque la scelta del nome di dominio. Sembra una cosa banale scegliere un nome di dominio, ma non lo è: di fatto, nella pratica (ci sono statistiche che lo mostrano indirettamente) la maggiorparte dei nomi  di dominio registrati sono piuttosto banali, sono scelti con scarsa perizia e senso della comunicazione, magari pensando di avere indiretti vantaggi lato SEO (cosiddetti match o corrispondenze esatte dei dominio con una chiave di ricerca, ovvero EMD). Possiamo essere piuttosto sicuri del fatto che tendiamo a ricordare solo una piccola parte della totalità dei domini registrati, e che molti siti web difficilmente diventeranno famosi con certi nomi di dominio semplicemente improponibili.

In realtà la scelta del nome del tuo dominio dovrebbe essere guidata da una serie di criteri, a mio avviso, ispirati soprattutto alla semplicità.

Il nome di dominio ideale che stai per registrare dovrebbe infatti:

  1. essere non troppo lungo;
  2. essere facile da ricordare;
  3. essere facile da pronunciare (diversamente sarebbe difficile da scrivere);
  4. essere univoco e da non confondersi con nomi di siti web simili;
  5. essere privo di trattini e simboli non alfabetici (e/o numeri, se possibile).

Il miglior nome di domini dovrebbe inoltre essere caratteristico della vostra realtà, e se possibile possedere un tratto univoco di originalità.

Come ulteriori criteri per quando si registra un nuovo dominio, abbiamo:

  1. utilizzare solo lettere (dalla A alla Z), anche accentate se necessario;
  2. ricordare che maiuscole e minuscole, nel dominio, non fanno differenza;
  3. evitare numeri all’interno del nome, a meno che non ci sia una buona ragione per farlo (esempio: il nome del brand è 123 Srl);
  4. evitare trattini (-), underscore (_) e caratteri non alfabetici in generale, perchè potrebbero risultare difficili da ricordare e/o da digitare per la maggioranza degli utenti.

La scelta del nome è vincolante per almeno un anno (a volte per due, nel caso si registrino estensioni particolari), nel senso che vi assegnerà un nome univoco per almeno un anno e che, in nessun caso, potrà essere cambiato – a meno che non ne compriate uno nuovo da zero. Non si può tornare indietro (per almeno un anno) dopo aver acquistato un nome, e l’unica possibilità in caso di errori è quella di registrare un nuovo nome di dominio per un altro anno, come specificato nell’articolo su come scegliere il nome di un dominio.

Come scegliere l’estensione (TLD)

Dopo aver scelto il nome, sarà necessario trovare un’estensione di dominio libera corrispondente a quel nome: ammesso che abbiamo scelto tuonome, dovremo capire quale estensione (.it, .org, …) associarvi in modo da formare un nome completo (tuonome.it, tuonome.org, ecc.).

Può darsi che una volta scelto tuonome.it, troviate l’estensione (detta anche TLD, Top Level Domain o dominio di primo livello) .it occupata: in questo caso niente panico, perchè potrete optare per quasi 1000 TLD diversi in alternativa, oppure potrete sfruttare direttamente la pagina del nostro sito per cercare se un nome di dominio è libero (e trovare alternative per la registrazione). Non tutte le estensioni sono equivalenti:

  1. se il nome è italiano, è preferibile optare per un’estensione di dominio facile da pronunciare anche in italiano;
  2. l’estensione deve essere agevole da ricordare;
  3. l’estensione dovrebbe essere facile da scrivere per gli utenti interessati;
  4. l’estensione scelte dovrebbe inoltre essere evocativa, se possibile, del mercato di riferimento (ad esempio domini .actor per il sito di un attore, .agency per le agenzie web e così via).

Nuove estensioni di dominio

Dal 2014 il mercato dei domini ha conosciuto un’espansione considerevole, perchè alle classiche estensioni quali ad esempio .it, .com e .org, sono state affiancate nuove estensioni “libere” e svincolate da qualsiasi formato, con chiari riferimenti ai mercati verticali del web. Si possono registrare domini .xxx per un sito per adulti, un .cloud per chi presenta i propri servizi in cloud, .contractors, .dating e così via.

Ad ogni nuovo TLD corrisponde spesso uno specifico settore commerciale, categoria, e via dicendo, e questo rende i domini più facilmente rintracciabili e da ricordare per gli utenti finali; ad ogni modo le regole sulla registrazione dei domini non sono troppo rigide, per cui i registrant lasciano gli utenti liberi di sfruttare le stesse come preferiscono, a parte alcune eccezioni soprattutto sui domini geografici e su alcuni settori commerciali molto delicati.

Ad oggi, sono disponibili oltre un migliaio di nuove estensioni di dominio, che si va ad aggiungere all’elenco dei domini internet che si possono registrare e che la maggiorparte degli hosting web permettono, ad oggi, di registrarle.

Da ricordare, quando si acquista un dominio

Ulteriori punti che è bene tenere sempre presenti sono i seguenti:

  1. i domini scadono annualmente: la data di scadenza è prefissata a 365 giorni dopo la data dell’acquisto (i rinnovi non contano); per alcuni tipi di estensioni, tra cui i nuovi TLD, le tempistiche possono essere stabilite in modo diverso dal NIC proprietario.
  2. per la ragione precedente, anche in misura della valutazione della durata del vostro business, sarà opportuno registrare il dominio per almeno due-tre anni ed impostare da subito un reminder per ricordarvi la scadenza;
  3. se vi occupate di un settore particolarmente competitivo, potete valutare l’acquisto dello stesso dominio con più estensioni e farlo puntare ad un’unica locazione, in modo da prevenire comportamenti scorretti o “furti” di traffico da parte dei competitor.

Dove posso registrare il mio dominio?

Alcune delle opzioni che sfrutto per i miei domini sono Tophost (molto veloce e economico da usare), ed in generale servizi di hosting tra i più accreditati sul mercato: SiteGround , Bluehost, V-Hosting, , Keliweb, SupportHost,  e via dicendo. Ricordatevi che quando registrate il vostro dominio quest’ultimo, da solo, non sarà personalizzabile nè utilizzabile con un CMS: dovrete sempre e comunque associarvi un buon servizio di hosting web, per cui PHP + Apache + MySQL.

Al fine di trovare più facilmente l’hosting più adatto alle vostre esigenze, potete anche dare un occhio alle recensioni prodotte dai nostri utenti.

ed altrettanto comune, ma richiede una serie di accortezze; in questo articolo vedremo come farla al meglio e a quali provider (cioè servizi di hosting) sia possibile rivolgersi. Non servirà per forza rivolgersi ad un professionista per poter acquistare un dominio, anche se potrebbe essere consigliabile farlo, anche solo per configurare il tutto ed associare, tra l’altro, il dominio all’hosting.

Di norma, comunque, e se siete dei principianti soprattutto, è preferibile optare per l’acquisto di dominio + servizio di hosting già incluso nel prezzo e preconfigurato, cosa possibile con la maggiorparte delle offerte.

Offerte dal sito: TIM Smart Casa ( 22.90€ )
Ti piace questo articolo?

0 voti

Su Trovalost.it puntiamo sulla qualità dei contenuti da quando siamo nati: la tua sincera valutazione può aiutarci a migliorare ogni giorno.