Che cos’è una CDN (Content Delivery Network)?

Che cos’è una CDN (Content Delivery Network)?

Quando si parla di Content Delivery Network o CDN si fa riferimento, letteralmente, ad una “rete per la consegna di contenuti”: che cosa significa? In termini più semplici, si tratta di un servizio web che è utile a snellire la distribuzione delle pagine web dei nostri siti, evitando sovraccarichi su un singolo server, distribuendo il carico di lavoro su un cloud apposito (molto veloce a consegnare i file JS, CSS, video ed immagini) e delegando la consegna dei file ad un cloud esterno al sito.

Quando usare una CDN

Le CDN sono abitualmente utilizzate sia da siti di video (come ad esempio Youtube) che da siti web classici fatti in WordPress o Joomla!. Ma funzionano davvero per velocizzare il sito? Il problema che risolvono le CDN è legato essenzialmente ai siti che hanno troppe richieste HTTP: caso tipico, un header di un sito che contenga, nella pagina HTML, numerose chiamate distinte ad altrettante librerie Javascript (jQuery, slider, ecc.). Ogni richiesta singola tende a rallentare di un po’ il caricamento, mentre l’uso di una CDN permetterebbe, in modo semi-automatico, di compattare queste richieste e velocizzarle.

Come funziona una CDN: esempio

Il modello tecnologico sottostante le CDN è senza dubbio molto concreto ed altrettanto solido, ma l’effetto potrebbe non essere apprezzabile in tutti i casi. Questo sia perchè le CDN sono molto spesso localizzate all’estero, quindi usarle equivale a demandare all’esterno (ad un IP che potrebbe essere lento o poco responsivo in termini di ping) un compito che il nostro server magari fatica a realizzare, ma anche perchè la nostra connessione, in quel momento, potrebbe non essere troppo attiva e portarci così ad una valutazione errata.

Nella pratica, comunque, servizi molto usati come jQuery sono forniti mediante CDN: ad esempio potete includere direttamente nel vostro header.php di WordPress qualcosa tipo:
<script src="https://ajax.googleapis.com/ajax/libs/jquery/2.1.3/jquery.min.js"></script>
L’uso delle CDN è molto comune, inoltre, al fine di erogare servizi di streaming audio e video online.

Leggi anche: conoscere meglio le CDN

Non si deve confondere queste CDN con servizi analoghi che servono invece a fare cache sul DNS, come ad esempio xCloudFlare: le CDN lavorano essenzialmente sui contenuti come: file JS, file CSS, file HTML, video, file audio ed altri ancora. Alcuni esempi di CDN commerciali sono Azure, Keliweb (che ha un nodo CDN italiano)e cdn77.

Una Content Delivery Network si interfaccia ai siti mediante appositi plugin e favorisce la velocità di caricamento delle pagine: plugin per WordPress di cache come ad esempio W3 Total Cache, ad esempio, supportano vari tipi di CDN commerciali e si possono usare per provare a velocizzare il caricamento delle pagine.

CDN gratis con WordPress

Ci sono CDN gratuite disponibili alla configurazione per piccoli siti, ma in genere c’è un’opportunità molto poco sfruttata dai blogger e dai siti web in WordPress: grazie al plugin Jetpack, infatti, è possibile attivare il caricamento migliorato delle immagini (di tutte le immagini nella cartella Media) in modo completamente gratis.

Per attivare la cosa, basta installare Jetpack nel proprio sito web – è un plugin gratuito e molto semplice da configurare: serve un vostro account WordPress, e quando vi chiederà che piano usare voi rispondete sempre “free” – ed attivare il caricamento migliorato delle immagini, come mostrato nella screenshot seguente.

Jetpack -> Impostazioni -> Media ->

Vantaggi dall’uso di una CDN

Dopo aver letto tutto quello che bisognava conoscere sull’argomento, è chiaro che, in generale, la CDN tende a velocizzare i tempi di caricamento delle pagine. Questa affermazione vale in generale ma ci sono casi in cui, per motivi legati ad una cattiva configurazione della CDN, il sito potrebbe non risentirne in modo visibile. In questi casi bisogna valutare se sia davvero il caso di mantenerla oppure meglio disattivarla e non farne uso.

Solitamente la maggiore velocità di un sito è considerato un fattore SEO di posizionamento, cioè contribuisce in positivo ad un ranking buono anche se poi concorre assieme a molti altri fattori. In genere, inoltre, la CDN tende a rendere il sito web più stabile, più gradevole in fase di caricamento e che risponde meglio ai vari tool per misurare la velocità del sito.

Ti piace questo articolo?

2 voti

Su Trovalost.it puntiamo sulla qualità dei contenuti da quando siamo nati: la tua sincera valutazione può aiutarci a migliorare ogni giorno.

Che cos’è una CDN (Content Delivery Network)?

Votato 10 / 10, da 2 utenti