Confronto tra offerte: meglio Aruba o SiteGround?

Confronto tra offerte: meglio Aruba o SiteGround?

Con questo articolo apriamo una rubrica del sito dedicata ai confronti diretti tra servizi di hosting; ovviamente la nostra valutazione cercherà di concentrarsi sugli aspetti meramente tecnici, senza entrare nel merito di chi sia effettivamente considerabile il miglior hosting in assoluto (anche perchè sarebbe davvero impossibile dirlo). Questo per una ragione molto semplice: in realtà, infatti, dipende sempre da cosa ha bisogno il vostro sito web, e non c’è un unico modo per fare le valutazioni. Certo disporre di un confronto diretto, come quello che proporremo, può essere molto comodo per venire incontro alle esigenze effettive vostre e/o dei vostri clienti, per cui procediamo subito.

Oggi metteremo a confronto Aruba con SiteGround, in particolare l’hosting per Linux di Aruba vs l’hosting condiviso di base StartUp di SiteGround; cliccando sui link troverete le offerte dirette ai rispettivi siti, per cui tenete da parte il tutto per quanto avrete deciso. Diciamo che si tratta di due aziende che sono orientate apparentemente in modo diverso, almeno dal punto di vista del marketing: i servizi di Aruba, nella media dei casi, sono funzionali per le esigenze medie dei clienti, mentre quelli di SiteGround tendono ad essere un po’ più specifici.

SiteGround da poco ha messo sede nel mercato italiano, ma aveva già un nome su quello internazionale e nel settore hosting è da molto che ne parliamo; Aruba è forse l’hosting provider più famoso d’Italia, per cui non serve aggiungere molto a ciò che tendono a fare e proporre sul mercato, perchè è già noto.

In linea di massima, quindi, SiteGround offre servizi leggermente più compatti e customizzabili di Aruba, tant’è che per quanto mi riguarda se dovessi scegliere, ad oggi, ed avessi un nuovo sito in WordPress da mettere online opterei quasi certamente per SiteGround. Per quanto riguarda il fattore geografico, in generale, sia SiteGround che Aruba dispongono di server nel nostro paese, questo certamente è un fatto importante da considerare e li mette sostanzialmente sullo stesso piano, ad oggi.

A livello di uptime siamo sempre nel range del 99.5%-99.9% di uptime, per cui possiamo dire che siano praticamente sullo stesso piano anche su questo; come costi, SiteGround è certamente più caro, ma è anche vero che offre più servizi customizzabili ed il caro vecchio cPanel – che è un pannello di cui molti hosting non dispongono sempre.

Di seguito riporto la tabella riassuntiva che confronta i due hosting.

Hosting Linux Basic - Aruba Hosting Condiviso StartUp - Siteground
I nuovi piani permettono di attivare gratuitamente un certificato SSL DV (Domain Validated) per il proprio dominio; i certificati DV sono la forma più pratica e semplice per ottenere SSL sul proprio sito web. Certificato Let's Encrypt SSL gratuito con auto-rinnovo
Gestione del database separata rispetto al resto, per cui è necessario accedervi con credenziali username e password separate; viene spiegato tutto nella mail di attivazione Gestione del pannello unificata all'interno di cPanel, molto comodo avere tutto dallo stesso lato. L'autenticazione è automatica una volta dentro al pannello per cui non è richiesta alcuna nuova autenticazione.
Accesso via FTP con account preimpostato, ulteriori accessi personalizzabili, accesso FTP semplice e funzionale ma bisogna fare attenzione ad accedere con i dati corretti (username e password). Di solito per entrare si usa la password di default che viene data all'inizio. Accesso via FTP con account preimpostato, ulteriori accessi personalizzabili, accesso FTP semplice e funzionale ma bisogna fare attenzione ad accedere con i dati corretti (username e password)
Disponibile un discreto File Manager, per vedere i file caricati nel sito e caricarne fino a dimensione massima di 20MB per singolo file. Disponibile un buon File Manager, per vedere i file caricati nel sito e caricarne fino a dimensione massima di 20MB per singolo file.
Gestione del linguaggio PHP: è disponibile phpInfo nel pannello, test della funzione mail(), CGI, scelta della versione PHP, PHP.ini personalizzato, log degli errori e riparazione automatica dei permessi su file (CHMOD) Gestione del linguaggio PHP: è disponibile phpInfo nel pannello, test della funzione mail(), CGI, scelta della versione PHP, PHP.ini personalizzato, log degli errori e riparazione automatica dei permessi su file (CHMOD)
Disponibile protezione delle cartelle con password Disponibile protezione delle cartelle con password da cPanel
Blocco/Sblocco dei domini disponibile da una comoda interfaccia bene in vista nel pannello Blocco/Sblocco dei domini disponibile da una comoda interfaccia bene in vista nel pannello. Viene chiamata DNS di solito ma è abbastanza facile da trovare anche per i principianti
Buona connettività dei server, servizio qualitativamente abbastanza veloce in fase di manutenzione del database, gestione ed uso di FTP ordinario ed impostazione del file htaccess. Buona connettività dei server, servizio qualitativamente abbastanza veloce in fase di manutenzione del database, gestione ed uso di FTP ordinario ed impostazione del file htaccess.
Sono disponibili database sia MySQL che MSSQL Server, con backup. Sono disponibili database MySQL e PostgreSQL con backup.
WordPress, Joomla! ed altri CMS autoinstallanti WordPress, Joomla! ed altri CMS autoinstallanti via Softaculous
Da 19.90 € / anno fino a 74,99 € / anno a seconda del piano scelto Da 47,40 € /anno fino a 143,40 € / anno a seconda del piano scelto

Il confronto è basato sulla mia esperienza diretta come webmaster, consulente o gestore di almeno un sito web con le piattaforme in questione.

Ti piace questo articolo?

0 voti

Su Trovalost.it puntiamo sulla qualità dei contenuti da quando siamo nati: la tua sincera valutazione può aiutarci a migliorare ogni giorno.