Sincronizzare i propri dati con Google Cloud Save

Sincronizzare i propri dati con Google Cloud Save

Anche secondo l’aggiornatissimo Urban Dictionary, esiste una forma di diffusa appnesia che costringe l’utente a ricreare ogni volta informazioni in locale, come ad esempio dettagli sull’account Twitter o indirizzo di posta, e questo perchè i dati non sono sincronizzati su un cloud.

Tralasciando le problematiche di sicurezza e privacy che questo approccio comporta, utilizzando un cloud di backend è possibile risolvere questo genere di problematiche. La cosa potrebbe essere più impegnativa del previsto, tuttavia: per questo, dato che il processo di sincronizzazione delle informazioni è molto time-consuming, Google si è inventata Google Cloud Save.

Questo nuovo servizio permette di salvare i dati che si vogliono sul cloud in modo ottimizzato, giusto qualora si trattasse di status dell’utente. Questo servizio è ancora in beta, al momento in cui scriviamo, e può essere richiesto mediante questo form. Il servizio di sincronizzazione di Google Cloud Save lavora in background, fornisce anche supporto offline e minimizza il carico di lavoro che tende, in questi casi, a consumare parecchia batteria sul telefono.

Per salvare i dati sono infatti disponibili 4 semplici chiamate di funzione, ovvero:

  • .save(client, List<Entity>)
  • .delete(client, Query)
  • .query(client, Query)
  • .requestSync(client)

Ogni informazione viene quindi salvata localmente in un primo tempo, e poi sincronizzata in background: le quattro operazioni indicate corrispondono ai requisiti CRUD (Create, Read, Update, Delete) tipici di questi scenari, con l’ulteriore possibilità di forzare la sincronizzazione a mano in qualsiasi istante (mediante requestSync). Per poter accedere alle informazioni – che sono salvate su di un Cloud Datastore – è necessario sfruttare un’applicazione apposita (Google App Engine o Compute Engine), mediante un’apposita API. Qualsiasi cambiamento sul cloud sarà automaticamente riportato sui client, e questo garantirà una sincronizzazione perfetta nel tempo.

Fonte: http://googlecloudplatform.blogspot.it

Ti piace questo articolo?

0 voti

Su Trovalost.it puntiamo sulla qualità dei contenuti da quando siamo nati: la tua sincera valutazione può aiutarci a migliorare ogni giorno.