Google da’ un taglio al revenge porn Su richiesta delle vittime potranno essere rimossi i risultati più espliciti come foto e video postati senza consenso

<span class="entry-title-primary">Google da’ un taglio al revenge porn</span> <span class="entry-subtitle">Su richiesta delle vittime potranno essere rimossi i risultati più espliciti come foto e video postati senza consenso</span>

Nuovi passi nella sensibilizzazione sulla privacy degli utenti offerta da Google: in un post sul blog ufficiale Amit Singhal (ingegnere del software e vicepresidente di Google Inc.) ha dichiarato che le segnalazioni delle vittime di revenge porn (e, di conseguenza, tutti i casi di fughe di informazioni private come foto o video a sfondo sessuale) saranno trattati con maggiore attenzione e rimossi su richiesta degli interessati. In altri termini, Google promette la rimozione del materiale sensibile che sia stato rilevato tra i risultati di ricerca di Google senza il consenso degli interessati, ad esempio a scopo di vendetta o estorsione. Il riferimento è evidentemente ai siti che pubblicano contenuti del genere, come IsAnyoneUp? e UGotPosted.com.

Peraltro Singhal, pur riconoscendo che la ricerca di Google non può fare altro che riflettere gusti, preferenze e trend della popolazione, fa notare che il provvedimento è molto importante proprio per questo: nella maggioranza dei casi, peraltro, le vittime sono donne e non sono rari casie che lo stesso si muove sulla medesima linea che riguarda la rimozione dei dati da Google in caso di violazione della privacy o diffamazione, esattamente come avviene nei casi di diritto all’oblio.

La questione è senza dubbio globalmente spinosa: diversi contenuti di siti per adulti attuali, con buone probabilità, potrebbero in molti casi essere video amatoriali postati senza il consenso dei soggetti rappresentati. Ma, in questi casi, dovrebbero essere i tube porno e le varie board ad avere policy più rigide (come nel caso di Reddit e delle restrizioni sui nudi privi di consenso), e soprattutto applicarle in modo più giudizioso.

Photo by Adrian Wallett

Ti piace questo articolo?

1 voto

Su Trovalost.it puntiamo sulla qualità dei contenuti da quando siamo nati: la tua sincera valutazione può aiutarci a migliorare ogni giorno.

Google da’ un taglio al revenge porn

Votato 10 / 10, da 1 utenti