Come programmare l’autopost degli articoli da WordPress a Twitter

Come programmare l’autopost degli articoli da WordPress a Twitter

Uno dei modi più immediati per recuperare un po’ di traffico ed accrescere le visite al proprio sito in WordPress è quello di collegarlo ad un account Twitter, ed impostare l’autopost dei vecchi articoli filtrandoli in base a vari criteri (se necessario). In questo articolo spiego nel dettaglio come si debba agire in questi casi, in modo da automatizzare quasi del tutto questo compito.

Tophost a 10,99

Questo plugin serve ad auto-tweetare i vecchi articoli del vostro blog, quindi va molto bene se avete articoli evergreen o senza scadenza che desiderate promuovere. Va impostato con attenzione sui siti di news, perchè (errore molto comune, questo, nel settore) rischiate di postare notizie vecchie che non interessano a nessuno, e di perdere follower di conseguenza. Nelle ultime versioni, inoltre, questo bel plugin può essere collegato anche ad una pagina Facebook (anche nella versione free, basta inserire chiave pubblica e chiave privata dell’app FB che avrete creato per l’occasione), volendo, oppure ad un account Linkedin (solo versione premium).

Pubblicità:

Il plugin che ho scelto di indicare è uno dei pochissimi a permettere questo compito, quantomeno tra quelli gratuiti che permette questo genere di funzionalità: viene aggiornato abbastanza di frequente, si chiama Revive Old Posts – Auto Post to Social Media e potete scaricarlo gratuitamente da

Revive Old Posts – Auto Post to Social Media

Alcuni dettagli sul suo funzionamento:

Pubblicità:
  • permette di impostare la frequenza di aggiornamento (cioè ogni quanto tweetare);
  • permette di impostare un intervallo casuale di attesa, in modo da evitare di postare con troppa regolarità;
  • permette di stabilire cosa postare (ad esempio: post di una certa categoria, oppure post non più vecchi di un anno);
  • la versione gratuita permette di postare su Tweet periodicamente (ad esempio 3 volte al giorno) soltanto post, non tipi personalizzati di WP o pagine (questo lo permette di fare la versione premium, invece);
  • permette di essere collegato a Twitter facendo un’autenticazione sul vostro account dall’interno delle impostazioni, senza dover condividere la password con il sito (OAuth);
  • consente di decidere quali post o categorie, volendo, debbano essere escluse dagli auto-tweet degli articoli.
  • deve essere settato con attenzione e senza esagerare con i post vecchi;

Per installarlo è sufficente seguire la procedura standard per l’installazione dei plugin WordPress, e successivamente cliccare su “Revive Old Posts – Auto Post to Social Media” che dovrebbe comparire nell’interfaccia di amministrazione in basso a sinistra. La schermata di configurazione è la seguente, come prima cosa dovrete confermare l’account Twitter cliccando su “Sign in with Twitter“.

Schermata 2013-04-24 alle 13.22.10

Le opzioni configurabili saranno le seguenti:

  • Tweet Old Post Admin URL: è l’URL di amministrazione del plugin, di solito non è necessario modificarlo;
  • Tweet Content: indica cosa desiderate tweetare all’interno dei vostri post, potete inserire titolo, corpo o entrambi;
  • Additional Text: testo aggiuntivo da mettere nel tweet, ad esempio “Leggi:“;
  • Additional Text At: indica dove posizionare il testo aggiuntivo, se all’inizio o alla fine del tweet;
  • Include Link: specifica se includere un link nel tweet, impostazione standard è “Yes”;
  • Fetch URL from custom field: specificare se l’URL debba essere tirato fuori da un campo personalizzato di WordPress;
  • Use URL shortner: accorciatore di URL per risparmiare caratteri nel tweet;
  • URL Shortener Service: seleziona del servizio preferito (ad esempio is.gd oppure tinyurl);
  • #Hashtags: specifica se usare o meno hashtag (quelli con il # davanti), di solito li lascio creare dalle categorie in automatico;
  • Maximum HashTags Lenght: permette di specificare quanti hashtag sia necessario includere;
  • Minimum age of post to be eligible for tweet: inserire 0 per twittare anche i tag di oggi, 5 ad esempio per includere solo quelli vecchi di almeno cinque giorni;
  • Maximum age of post to be eligible for tweet: inserire 0 per non inserire limiti e twittare anche post molto vecchi, altrimenti inserire il numero di giorni massimo;
  • Number of post to tweet: ad ogni azione del plugin corrisponderà la pubblicazione del numero di tweet che andrete a specificare qui;
  • Post Type: specifica se autopostare solo articoli, pagine o entrambi;
  • Enable Log: abilita il log di sistema;
  • Categories to Omit from tweets: indica le categorie che debbano essere escluse dal plugin;

Per concludere, confermate le modificare cliccando sul bottone di update in basso a destra; per considerazioni sull’uso di questo plugin o eventuali problemi di autenticazione i commenti sono a vostra disposizione.


Informazioni sull'autore

Salvatore Capolupo

Ingegnere informatico, consulente SEO, copywriter ed ideatore di trovalost.it. Di solito, passo inosservato: e non ne approfitto neanche un po'.
Ti piace questo articolo?

1 voto

Su Trovalost.it puntiamo sulla qualità dei contenuti da quando siamo nati: la tua sincera valutazione può aiutarci a migliorare ogni giorno.

Come programmare l’autopost degli articoli da WordPress a Twitter

Votato 10 / 10, da 1 utenti