Cosa vuol dire “profilazione” degli utenti sui social? [GDPR]

Cosa vuol dire “profilazione” degli utenti sui social? [GDPR]

Quando si parla di profilazione si fa riferimento al mondo del social profiling, mediante un processo software mirato a costruire le caratteristiche più importanti di un utente dal punto di vista commerciale. Entro certi limiti, almeno in teoria, la cosa aiuterebbe a costruire software, e-commerce e siti web su misura delle preferenze di ognuno, creando un effetto sostanzialmente utile e piacevole.

Secondo il recente GDPR della UE (link) a brevissimo in vigore, si intende per profilazione (cito) qualsiasi forma di trattamento automatizzato di dati personali consistente nell’utilizzo di tali dati personali per valutare determinati aspetti personali relativi a una persona fisica, in particolare per analizzare o prevedere aspetti riguardanti il rendimento professionale, la situazione economica, la salute, le preferenze personali, gli interessi, l’affidabilità, il comportamento, l’ubicazione o gli spostamenti di detta persona fisica;

Web Hosting

Nella realtà, tuttavia, le necessità puramente commerciali si scontrano con una tendenza ad utilizzare qualsiasi dato sia presente online di qualsiasi utente, creando una profilazione molto più approfondita e quasi sempre lesiva del concetto di privacy. La profilazione avviene mediante un mix di tecnologia ed algoritmi di analisi e tecniche di data mining, utilizzate per ottenere dal web (come dai social) informazioni a costo quasi nullo molto preziose per chi faccia marketing, come anche (purtroppo) per chi si dedicasse ad attività illecite.

Mediante social profiling è possibile, ad esempio:

  • identificare tutti i potenziali consumatori di una certa area geografica (ad esempio Milano);
  • ricavare liste di email di persone interessate ad un certo argomento, hobby o passione;
  • profilare gruppi o cluster di utenti sulla base di uno o più like;
  • raggruppare utenti sulla base di ciò che scrivono sui social.

Quello che si può fare ovviamente, caso per caso, dipende dalla specifica applicazione. In genere, comunque, per mantenere intatta la propria privacy e tutelarla al meglio, si può pensare di limitare il social profiling nel seguente modo:

  • creando profili social con dati fake in tutto o in parte, al fine di sviare l’eventuale profilazione illecita;
  • regolando adeguatamente la privacy (contenuti pubblici limitati al massimo) di ogni utente mediante le impostazioni (ad esempio su Facebook);
  • evitando di utilizzare social network dalla reputazione scarsa o dubbia.

Dal conto loro, le aziende sono interessate alla profilazione per poter inviare pubblicità, cosa che è regolamentata in Italia da precise leggi: in genere non è ammesso inviare pubblicità mirata agli utenti senza il loro esplicito consenso (opt-in).

Ti piace questo articolo?

0 voti

Su Trovalost.it puntiamo sulla qualità dei contenuti da quando siamo nati: la tua sincera valutazione può aiutarci a migliorare ogni giorno.