Site Kit, rilasciata da Google la versione beta del plug-in per WordPress

Site Kit, rilasciata da Google la versione beta del plug-in per WordPress

Google ha rilasciato la versione beta del suo plug-in per WordPress, Site Kit. Questo vuol dire che tra sei mesi avremo la versione definitiva. Sarà sufficiente installarlo dalla dashboard di WordPress.

Nel tempo trascorso dal rilascio dell’anteprima per sviluppatori di Site Kit, l’installazione è stata alquanto semplificata, i bug sono stati risolti e i flussi di utenti principali sono stati perfezionati, ha detto Google.

A che cosa serve Site Kit?

Site Kit consente agli utenti di WordPress di accedere ai dati dei prodotti Google direttamente dalla dashboard del loro sito. Il plug-in aggrega i dati da Google Search Console, Google Analytics, PageSpeed ​​Insights e AdSense. Con Site Kit non è necessaria alcuna modifica aggiuntiva del codice, il che semplifica la configurazione di prodotti come Google Analytics per chi non ha esperienza come sviluppatore.

Chiunque può installarlo , ma Google sottolinea che è particolarmente utile per i professionisti che lavorano realizzando siti per i clienti. I clienti e gli altri team possono accedere facilmente ai dati dei prodotti Google accedendo alla dashboard di WordPress. I clienti riceveranno gli stati di prestazione e i consigli di miglioramento direttamente da Google.

Questo plug-in consente di impostare ruoli e autorizzazioni e assicurarsi che solo le persone interessate possano visualizzare i dati.

Cerchi un consulente digital

  • Link building
  • SEO Onsite/Offsite
  • Consulenza strategica
  • Social media
  • ... prova SEORoma!



Scopri SEORoma.com

Comsigli da parte di Google per un utilizzo ottimale

Per ottenere il massimo, Google consiglia di rivedere la dashboard principale almeno una volta a settimana. C’è anche la possibilità di controllare le statistiche delle singole pagine accedendo alla pagina e facendo clic su Kit sito nella barra di amministrazione.

Google consiglia di confrontare le pagine con le migliori prestazioni e di vedere come sono state trovate dalle persone. Questo può aiutare gli utilizzatori a scoprire le tendenze, come ad esempio quali argomenti ottengono il maggior coinvolgimento su Twitter e/o su Facebook eccetera.

Link utili


Informazioni sull'autore

Massimiliano Priore

Ti piace questo articolo?

0 voti

Su Trovalost.it puntiamo sulla qualità dei contenuti da quando siamo nati: la tua sincera valutazione può aiutarci a migliorare ogni giorno.