WordPress: basta caricare framework nel repository gratuito dei plugin

WordPress: basta caricare framework nel repository gratuito dei plugin

Il problema, di natura squisitamente tecnica, sarebbe relativo non tanto agli sviluppatori (per cui la differenza “operativa” tra framework e plugin potrebbe sembrare davvero minima) quanto all’utente finale, per il quale le opzioni extra offerte tipicamente dai framework – più a largo spettro rispetto a quelle, localizzate, dei plugin – potrebbero non dare un’esperienza ottimale di uso. Il motivo di questa scelta sembra essere legato a razionalizzare le dipendenze di WordPress, ed evitare possibili riscritture o conflitti all’interno delle varie personalizzazioni.

Pubblicità:

Tale scelta è importante dal punto di vista generale, in quanto mette in chiaro la differenza tra plugin e framework, un aspetto molto poco considerato o del tutto trascurato dai programmatori: il numero di plugin che introducono caratteristiche da framework è notevole, e ci sono anche tantissimi theme che lo fanno. Questi ultimi, si scrive nel comunicato ufficiale, servono a fornire funzionalità estese – tra cui estendere e potenziare possibilità tipiche degli ambienti di programmazione avanzati, come quella di poter includere un gestore di dipendenze come Composer (sono quindi più che altro da developer puri), mentre i primi danno più semplicemente delle possibilità di interazione all’utente (e sono più immediati in tal senso, in quanto offrono quasi sempre un’ennesima interfaccia con cui poter interagire).

Pubblicità:

L’indicazione non vale, comunque, in modo retroattivo: i plugin con framework integrati già presenti nella cartella https://it.wordpress.org/plugins/ potranno continuare ad esistere all’interno della cartella. Non ne potranno essere caricati di nuovi, piuttosto, e questo nella speranza di limitare una cattiva abitudine di programmazione e mantenere una certa pulizia all’interno del celebre repository.

Photo by planetlight


Informazioni sull'autore

Salvatore Capolupo

Ingegnere informatico, blogger, consulente SEO ed ideatore di trovalost.it.
Ti piace questo articolo?

0 voti

Su Trovalost.it puntiamo sulla qualità dei contenuti da quando siamo nati: la tua sincera valutazione può aiutarci a migliorare ogni giorno.