Seguici su Telegram, ne vale la pena ❤️ ➡ @trovalost
Vai al contenuto

Che cos’è OAuth?

Definizione di OAuth

OAuth è uno dei più importanti protocolli del web 2.0: permette di accedere a specifiche risorse protette da autenticazione (ovvero username e password) senza necessità  di dover condividere pubblicamente tali credenziali. La necessità  che mette in gioco OAuth è, in altri termini, quella di autorizzare una terza parte a gestire sezioni riservate di una risorsa, di un sito o di un’app, il tutto senza costringere l’utente a mettere in circolazione la propria password per accedervi. Ciò coincide col concedere un “grant“, o permesso specifico, all’app stessa.


Cerchi un hosting economico per il tuo sito o blog? Tophost ti aspetta (clicca qui)

I vantaggi dall’uso di questa tecnologia derivano direttamente dalla possibilità  di avere un accesso in autenticazione mediante generazione di un token di autorizzazione apposito.


Cerchi un hosting economico per il tuo sito o blog? Tophost ti aspetta (clicca qui)

Versioni di OAuth

OAuth è stato sviluppato da Blaine Cook e Chris Messina nel 2006 e pubblicato l’anno successivo come libreria, ed è ad oggi diffuso in una duplice versione:

  • OAuth 1.0, che viene utilizzato per l’autenticazione di terzi ma che presenta qualche limitazione di sicurezza e di opzioni disponibili;
  • OAuth 2.0 che invece presenta una netta divisione dei ruoli dell’utente, e consente di impostare la durata del token di accesso.

A cosa serve OAuth

Condivedere pubblicamente la password della risorsa, infatti, è sconveniente per una serie di ragioni:

  • non permette di specificare i permessi specifici che sono necessari all’utente;
  • rende accessibile l’intero account all’applicazione, il che è sconsigliabile dal  punto di vista generale della sicurezza informatica;
  • in caso di problemi, infine, può essere necessario cambiare la password o rimuovere l’utenza.

L’uso del protocollo OAuth, invece:

  • permette di specificare i permessi specifici, scegliendolo tra quelli realmente necessari all’utente;
  • rende accessibili solo le risorse che servono davvero all’account, specificandole in fase di collegamento e rendendole note all’utente finale (ad esempio: accesso alla tua email ed al tuo numero di telefono);
  • in caso di problemi, OAuth può essere semplicemente revocata dal pannello di amministrazione, oppure modificare la chiave privata di accesso.

OAuth è sicuro per le password degli utenti?

Da un punto di vista della sicurezza, OAuth si tutela mediante i meccanismi del timestamp (marca temporale) e del nonce (ovvero “number used once“, un numero univoco utilizzato una sola volta), del tutto analogo a quello utilizzato dalle chiamate asincrone di WordPress wp_ajax ed atte ad evitare attacchi informatici basati su più tentativi consecutivi di accesso all’account. Da un punto di vista prettamente implementativo, OAuth si basa sulla generazione di un client ID e di un client secret, che sono due stringhe univoche che permettono di autenticarsi sul sistema desiderato dall’esterno, senza la necessità  di condividere esplicitamente la password originale del servizio.

(fonti: unipg, wikipedia)

Da non perdere 👇👇👇



Questo portale web esiste da 4406 giorni (12 anni), e contiene ad oggi 3909 articoli (circa 3.127.200 parole in tutto) e 12 servizi online gratuiti. – Leggi un altro articolo a caso
Non ha ancora votato nessuno.

Ti sembra utile o interessante? Vota e fammelo sapere.

Questo sito contribuisce alla audience di sè stesso.
Il nostro network informativo: Lipercubo.it - Pagare.online - Trovalost.it.