Ferenc Hladyr: il pirata informatico reo confesso Rischia una condanna sconvolgente. Interessante anche il metodo utillizzato

<span class="entry-title-primary">Ferenc Hladyr: il pirata informatico reo confesso</span> <span class="entry-subtitle">Rischia una condanna sconvolgente. Interessante anche il metodo utillizzato</span>

Ferenc Hladyr, chi è costui? Un pirata, ma non tutto nero come Capitan Harlock, e neanche si quelle da vascello, con benda, teschio e round robin: Ferenc Hladyr è un pirata informatico. Lo ha detto lui stesso, dichiarandosi colpevole. Insieme ad altri della sua ciurma si è impossessato di molti soldi, ma non trovando il forziere nascosto nell’Isola del Tesoro o saccheggiando il bottino delle navi abbordate, ma rubando i dati delle carte di credito e di debito di molte aziende. Lo hanno fatto colpendo in ben quarantasette Stati americani, con qualche click.

Cerchi siti per guest post?

Coobis mette in contatto editori ed inserzionisti per pubblicare guest post e articoli sponsorizzati a prezzi proporzionali al numero di visite del sito (Google Analytics).

Scoprilo adesso!

Dal nome, Ferenc, pensavo fosse ungherese: invece, è ucraino e ha trentaquattro anni.

È stato arrestato in Germania l’anno scorso.

Patteggiando, ha accettato di restituire $2.5 milioni di euro come parte del suo patteggiamento mercoledì nella Corte Distrettuale degli Stati Uniti. Ad oggi, rischia fino a venticinque anni di carcere.

L’avvocato di Ferenc Hladyr

È stato il suo avvocato, Arkady Bukh, a suggerirgli di dichiararsi colpevole, perché rischiava una pena di centinaia di anni. Bukh ha fatto sapere che la condanna sarà commisurata al numero di vittime e all’entità del maltolto.  Ha fatto sapere anche che la moglie e la famiglia lo sostengono, e non vedono l’ora che torni in Ucraina.

Modus operandi

La ciurma di cui faceva parte si chiamava FIN7 e dal 2015 al 2019 ha procurato danni a centinaia di aziende statunitensi, causando perdite per oltre cento milioni di dollari. Tra le aziende danneggiate, troviamo Chipotle, Arby Red Robin e Jason Deli. Nel concreto, hanno carpito le informazioni di circa quindici milioni di carte di credito e debito. Come hanno fatto?

Con la tecnica del phishing: inviavano e-mail contenenti un malware a persone che lavorano nel settore horeca (Hotellerie-Restaurant-Café). Dopodiché, un hacker telefonava per fargli aprire gli allegati. A questo punto, gli hacker, una all’interno del sistema informatico, avevano accesso a informazioni finanziarie sensibili e li utilizzavano per transazioni fraudolente.

Greg Otto, che è un esperto di sicurezza informatica, ha detto che nel patteggiamento è previsto che vengano fornite informazioni sul FIN 7.

Link utili

http://www.dailyviewsonline.com/salute/Ucraino-uomo-si-dichiara-colpevole-di-pirateria-informatica-frode-filo-oneri-h22040.html

Web Hosting

https://xcomputer.website/2018/08/02/doj-arresti-di-tre-cittadini-ucraini-da-fin7-del-gruppo-sportivo/


Informazioni sull'autore

Massimiliano Priore

Ti piace questo articolo?

0 voti

Su Trovalost.it puntiamo sulla qualità dei contenuti da quando siamo nati: la tua sincera valutazione può aiutarci a migliorare ogni giorno.