IPTV: in arrivo le multe per chi guarda le partite gratis

IPTV: in arrivo le multe per chi guarda le partite gratis

E’ già iniziato il campionato italiano di calcio ed ovviamente anche la corsa agli abbonamenti tv per vedere le partite. Ma i prezzi delle Pay Tv sono abbastanza alti ed il ricorso all’illegale dei servizi IPTV sembra, a molti italiani, la scelta migliore. I canali che offrono la possibilità di vedere tutto ciò che è a pagamento e non solo con costi bassi sono svariati, ma ormai sembra che la loro vita sia finita. Infatti negli ultimi anni si sono intensificati i controlli da parte della Guardia di Finanza per scovare ed oscurare tutti questi siti che “rubano” i network televisivi e li rivendono a prezzi molto ridotti.

Ovviamente fa gola a tutti poter usufruire di molteplici canali televisivi delle Pay Tv pagando meno della metà dei costi reali; ma ciò non può essere così semplice e soprattutto senza conseguenze. Qualcuno potrebbe pensare che la frode sia fatta solo da coloro che danno la possibilità di vedere i canali a pagamento: ma non è così. Anche chi usufruisce dell’IPTV da casa è complice della frode. Al giorno d’oggi, del resto, non è complicato smascherare chi si collega online: tutto è tracciato e di conseguenza facilmente reperibile.

Basti pensare che ogni utente, anche se non si conosce il nome, ha comunque un indirizzo IP a cui fa riferimento per scaricare ed accedere al servizio illegale, e che mediante il provider con cui accede potrebbe far risalire alla propria identità. Inoltre quei pagamenti sono spesso effettuati tramite carte di credito, quindi ancor più semplice risalire a chi ha pagato. Queste informazioni spesso finiscono in mano alle autorità quando sequestrano i siti, quindi gli utenti finali rischiano sanzioni sia pecuniarie sia penali al pari di chi emette il servizio. Sicuramente il valore dell’infrazione sarà diverso tra emettitori e fruitori del servizio, ma nessuno potrà garantire che non ci saranno ripercussioni per chi ha utilizzato il servizio.

C’è da chiedersi: vale davvero la pena rischiare?

Cosa si rischia

Di per sé l’IPTV non è illegale: l’Internet Protocol Television (IPTV) è un protocollo di rete che attraverso internet trasmette flussi video, e può essere utilizzato anche per scopi leciti. Le televisioni utilizzano proprio questo segnale per trasmettere i programmi televisivi che possono essere tra l’altro essere di due tipi: flussi che trasmettono live e flussi che trasmettono on demand.

Keliweb - Hosting italiano per WP

Provalo subito



Scopri l'offerta

Il sistema diventa illegale quando questi segnali vengono criptati ed utilizzati impropriamente da chi non ne è proprietario. Il segnale captato viene ritrasmesso senza avere il diritto né il permesso di farlo. Viene rubato il segnale e rivenduto illegalmente e questo comporta la violazione dei diritti d’autore e la frode informatica. Reati commessi sia da chi dà il segnale sia da chi lo utilizza per vedere i programmi. Queste violazioni, come già detto, comportano sanzioni pecuniarie che possono andare da un minimo di 2.000 euro ad un massimo di circa 26.000 euro.

Ma anche sanzioni penali: si rischia il carcere da un minimo di 6 mesi ad un massimo di 3 anni – e forse, in buona sostanza, non conviene.


Informazioni sull'autore

Maria Grazia Intersimone

Ti piace questo articolo?

1 voto

Su Trovalost.it puntiamo sulla qualità dei contenuti da quando siamo nati: la tua sincera valutazione può aiutarci a migliorare ogni giorno.

IPTV: in arrivo le multe per chi guarda le partite gratis

Votato 8 / 10, da 1 utenti