Seguici su Telegram, ne vale la pena ❤️ ➡ @trovalost
Vai al contenuto

Gli account gratuiti di GitHub supportano i repository privati (finalmente)

Aria di novità  con la nuova gestione Microsoft di GitHub: da quando è avvenuta l’acquisizione (circa un anno fa) sono state molti i malumori da parte della comunità  open source, che da sempre non vede di buon occhio la politica dell’azienda di Redmond. La possibilità  di creare repository privati per i propri progetti, del resto, è da sempre molto richiesta dai programmatori che operano in smart working, ad esempio, ma anche da tutti coloro i quali operano a vari livelli nel mondo dell’open.

Da oggi, a quanto risulta ufficialmente dal blog di GitHub, anche gli utenti con account gratuiti avranno questa ambita possibilità , visto che potranno proteggere alcuni progetti con modalità  piuttosto semplici. L’unica limitazione sembra essere quella sul numero di persone con cui è possibile condividere, che non potrà  essere più di tre persone.

Cos’è un repository privato?

In pratica un repository privato è un codice (tipicamente un progetto open source come un’app, una libreria o altro) accessibile solo agli utenti autorizzati, quindi non visibile pubblicamente; esso rappresenta un progetto, una libreria o un framework open source disponibile soltanto per le aziende o le persone interessate.

(fonte)

 

Da non perdere 👇👇👇



Trovalost esiste da 4412 giorni (12 anni), e contiene ad oggi 3952 articoli (circa 3.161.600 parole in tutto) e 12 servizi online gratuiti. – Leggi un altro articolo a caso
Non ha ancora votato nessuno.

Ti sembra utile o interessante? Vota e fammelo sapere.

Ti potrebbe interessare:  Lightning velocizzerà  le transazioni in bitcoin
Vuoi pubblicare il tuo articolo su questo portale? Cercaci su Rankister (clicca qui) .

Segui il canale Youtube @Tecnocrazia23

Questo sito contribuisce alla audience di sè stesso.
Il nostro network informativo: Lipercubo.it - Pagare.online - Trovalost.it.