Seguici su Telegram, ne vale la pena ❤️ ➡ @trovalost
Vai al contenuto

Google Colab: cos’è e come funziona

Google Colab rappresenta un potente strumento per esplorare, sviluppare e condividere il codice Python senza dover preoccuparsi dell’infrastruttura di calcolo. Abbiamo visto come iniziare con un semplice “Hello World” e come approfondire l’utilizzo con alcune funzionalità avanzate, come l’importazione di librerie, la manipolazione dei dati e l’accelerazione hardware. Con questa piattaforma a disposizione, le possibilità di sviluppo e ricerca sono pressoché illimitate.

Questa piattaforma si rivela particolarmente vantaggiosa per eseguire calcoli complessi o addestrare modelli di machine learning su risorse di calcolo più potenti. In questo articolo, esploreremo come iniziare con Google Colab, creare un semplice “Hello World” e affrontare alcuni utilizzi più avanzati.

Vuoi pubblicare il tuo articolo su questo portale? Cercaci su Rankister (clicca qui) .

Fare un “Hello World” con Google Colab

  1. Accedi a Google Colab Apri il tuo browser e visita il sito di Google Colab all’indirizzo https://colab.research.google.com/. Accedi con il tuo account Google o crea uno se non ne hai già uno.
  2. Creazione di un nuovo notebook Clicca su “Nuovo notebook” per creare un nuovo file notebook. Verrà aperto un ambiente Jupyter-like dove puoi scrivere e eseguire codice.
  3. Hello World Nella prima cella del notebook, digita il seguente codice Python:
print("Hello, World!")
  1. Esegui il codice Per eseguire il codice, premi Shift + Invio o clicca sul pulsante di riproduzione a sinistra della cella. Dovresti vedere l’output “Hello, World!” sotto la cella.

Uso avanzato di Google Colab

  1. Importare librerie Colab è preinstallato con numerose librerie Python comuni, ma puoi importare altre librerie a tua discrezione. Ad esempio, per utilizzare la libreria di visualizzazione dei dati “matplotlib”, basta eseguire il codice seguente:
import matplotlib.pyplot as plt

# Codice per il grafico di esempio

x = [1, 2, 3, 4, 5]
y = [10, 20, 15, 25, 30]
plt.plot(x, y)
plt.xlabel('X')
plt.ylabel('Y')
plt.title('Grafico di esempio')
plt.show()
Verrà fuori qualcosa del genere.
esempio google colab
  1. Caricamento e manipolazione dei dati Google Colab fornisce una potente memoria temporanea in cui puoi caricare i dati da fonti esterne e manipolarli direttamente nel notebook. Ad esempio, per caricare un file CSV, puoi eseguire il seguente codice:
python
import pandas as pd

# Carica il file CSV

url = 'https://example.com/dati.csv'
df = pd.read_csv(url)

# Visualizza le prime righe del dataframe

print(df.head())
  1. Utilizzo di GPU e TPU Google Colab offre anche l’opzione di utilizzare l’accelerazione hardware con GPU e TPU (Tensor Processing Unit) per calcoli più veloci, soprattutto nel machine learning. Per abilitare l’uso di una GPU o TPU, vai su “Modifica” nella barra dei menu, quindi seleziona “Impostazioni del notebook”. Nella finestra delle impostazioni, seleziona l’acceleratore desiderato.

Conclusioni

Questo naturalmente è solo un spunto e ci sono molte altre app che potete sperimentare senza dover installare nulla. Alcuni esempi potrebbero essere:

  1. Machine Learning e Deep Learning: Google Colab è particolarmente popolare per l’addestramento di modelli di machine learning e deep learning. Puoi utilizzare librerie come TensorFlow, Keras e PyTorch per creare e addestrare reti neurali su CPU, GPU o TPU.
  2. Analisi dei Dati: Puoi importare dati da diverse fonti, come file CSV, JSON o database, e utilizzare librerie come Pandas e NumPy per analizzare e manipolare i dati in modo efficiente.
  3. Visualizzazione dei Dati: Utilizza librerie come Matplotlib e Seaborn per creare grafici e visualizzazioni accattivanti dei tuoi dati.
  4. Elaborazione di Immagini e Video: Con librerie come OpenCV, puoi elaborare immagini e video, applicare filtri, rilevare oggetti e altro ancora.
  5. Natural Language Processing (NLP): Sfrutta librerie come NLTK e SpaCy per analizzare testi, eseguire analisi del sentiment, estrarre informazioni e molto altro.
  6. Apprendimento AutoML: Google Colab consente anche di utilizzare servizi cloud di Google come AutoML Vision, AutoML Natural Language e AutoML Tables per creare modelli di machine learning senza dover scrivere codice da zero.
  7. Simulazioni Scientifiche: Puoi utilizzare Colab per eseguire simulazioni scientifiche, risolvere equazioni differenziali e visualizzare i risultati in modo interattivo.
  8. Web Scraping: Utilizza librerie come BeautifulSoup e Scrapy per estrarre dati da pagine web e salvarli per analisi successiva.
  9. Applicazioni IoT (Internet of Things): Puoi connetterti a dispositivi IoT e raccogliere dati da essi, elaborarli e prendere decisioni in tempo reale.
  10. Creazione di Interfacce Utente Interattive: Con librerie come ipywidgets, puoi creare interfacce utente interattive per controllare e visualizzare i risultati delle tue analisi e dei tuoi modelli.

Foto di Gerd Altmann da Pixabay

👇 Da non perdere 👇



Trovalost esiste da 4526 giorni (12 anni), e contiene ad oggi 4047 articoli (circa 3.237.600 parole in tutto) e 16 servizi online gratuiti. – Leggi un altro articolo a caso
Non ha ancora votato nessuno.

Ti sembra utile o interessante? Vota e fammelo sapere.

Questo sito contribuisce alla audience di sè stesso.
Il nostro network informativo: Lipercubo - Pagare online (il blog) - Trovalost.it