Telegram vs. WhatsApp, quali differenze? Quale è meglio?

Pubblicato in GuideTaggato
Pubblicato il: 10-06-2021 15:20

Da molti anni, ormai, la situazione di sostanziale monopolio in cui si trovata WhatsApp è stata rotta, quantomeno, da app come Telegram, che si sono proposte come alternativa. Di fatto, pero’, le due app sono difficilmente intercambiabili, per cui è abbastanza complicato stabilire quale sia meglio e quale sia più conveniente usare: in genere dipende dai nostri gusti, aspettative e desideri. Con le due app possiamo fare cose simili – comunicare con gli altri, quale meraviglia! – ma cambiano le modalità con cui finiamo per farlo, ed in questo articolo proveremo a capire un po’ meglio come e perchè.

Dimensione massima file inviabili

Le due app di messaggistica offrono, come dicevamo poco fa, cose simili con modalità diverse: permettono di chattare ovvero di inviare messaggi di testo, immagini, video e stickers di ogni genere, che ormai sono diffusi sia sull’una che sull’altra app. Possiamo anche inviare file audio, documenti ed altri tipi di file multimediali, con l’unico limite legato alla dimensione massima dei file inviabili:

  • su Whatsapp ad oggi il limite di invio è di file di 100MB alla volta (cosa che impedisce di utilizzare l’app per inviare ad esempio video molto lunghi);
  • su Telegram, invece, il limite di invio è più permissivo, ovvero ben 2GB alla volta (cosa che permette, contrariamente a WhatsApp, di utilizzare l’app per inviare video in HD fino a circa 4 ore, oppure archivi zip di 400 MP3 alla volta ad esempio).

Telegram vs WhatsApp: in cosa sono simili?

Telegram ha una propria interfaccia e WhatsApp ha la sua, banalmente, ma sempre di un’app di messaggistica si tratta, alla fine. Entrambi permettono di comunicare con i nostri contatti in rubrica, di base, quindi se un nostro amico è registrato ed usa Telegram o WhatsApp possiamo contattarlo da lì, scrivendogli un messaggio di testo oppure inviando un vocale o un video, oppure possiamo provare a chiamarlo su entrambe le app.

Ovviamente i contatti possono avvenire solo tra utenti che abbiano installato entrambi la stessa app, quindi o entrambi Telegram o entrambi Whatsapp (qualcuno adesso penserà maddai, ed io mi complimenterò per il sarcasmo).

Funzioni di WhatsApp vs funzioni di Telegram

Telegram dispone di maggiori funzionalità “da smanettoni” e permette di essere utilizzato in modo leggermente più flessibile di WhatsApp:

  1. offre una tecnologia open source per programmare i bot e creare funzioni specifiche da programmatori, direttamente dentro Telegram;
  2. permette di utilizzare le chat segrete per comunicazioni riservate e non divulgabili all’esterno, cosa che WhatsApp non ha;
  3. permette di effettuare molto facilmente contatti e chat anche tra persone che non si conoscono (o che vivono nella stessa zona geografica), cosa che su whatsapp non possiamo fare se non trovando il numero da qualche parte ed inserendolo in rubrica (a meno che non troviamo quel contatto dentro un gruppo in cui ci siamo sia noi che l’altra persona)

Di contro, WhatsApp è un po’ più carino a livello di interfaccia, resta quasi certamente più diffuso e popolare di Telegram, molto probabilmente nel nostro paese troveremo più gente su WhatsApp che su Telegram; a voi la scelta, insomma!

Differenza sulle modalità di contatto di altri utenti

Ma la prima differenza sostanziale è questa: Whatsapp permette di chiamare solo le persone che abbiamo in rubrica o di cui abbiamo il contatto mediante un gruppo in comune con un’altra persona, ad esempio, ed è pensato per mantenere rapporti e comunicare con chi già “conosciamo”.

Telegram, invece, permette di contattare più persone, può funzionare da chat generica: basta conoscere un nickname e possiamo chiamarlo anche se non abbiamo il suo numero. Inoltre possiamo anche provare a contattare nuove persone che vivono nella nostra zona, su Telegram, usando la funzione introdotta da qualche tempo dei contatti vicini, che invece su WhatsApp non c’è (almeno… per ora).

Telegram si può pertanto utilizzare tranquillamente senza avere il numero di telefono ed è possibile usarlo anche con più di un dispositivo, sfruttando le app desktop sulle quali anche WhatsApp a breve sarà sincronizzato e renderà disponibili le proprie.

Differenza sulle crittografia

A livello più tecnico, Telegram permette di crittografare “meglio” le chat, utilizzando le cosiddette chat segrete che non possono essere screenshottate nè possono essere salvate all’esterno le cose che inviamo (video, testi e foto). La copia delle chat in backup, poi, su WhatsApp viene effettuata collegandosi al proprio account Gmail, ed il salvataggio non avviene in forma crittografata (quindi se uno violasse la nostra email potrebbe leggere i contenuti delle chat, in teoria).

Su Telegram la crittografia viene invece usata in forma più marcata, anche se ovviamente il confronto dovrebbe essere specificato ancora meglio e, in prima istanza, possiamo vedere Telegram un po’ più sicuro di WhatsApp, anche se poi questa affermazione potrebbe essere smentita nel prossimo futuro, proprio per come funziona l’informatica di oggi. In altri termini, su WhatsApp è presente una crittografia end-to-end per le sue chat, mentre Telegram usare pure la crittografia ma in modo tecnicamente diverso da WhatsApp.

5/5 (2)

Che te ne pare?

Grazie per aver letto Telegram vs. WhatsApp, quali differenze? Quale è meglio? di Max Headroom su Trovalost.it
Telegram vs. WhatsApp, quali differenze? Quale è meglio? (Guide, Guide smartphone e Telefonia)

Articoli più letti su questi argomenti:
Trovalost.it è gestito, mantenuto, ideato e (in gran parte) scritto da Salvatore Capolupo