 Catalina: semplificare la vita degli amanti del Mac

 Catalina: semplificare la vita degli amanti del Mac

La nuova versione del sistema   operativo per i Mac si chiama Catalina, quasi come il congiurato romano. E invece il nome viene dall’isola di Santa Catalina, che si trova nella California meridionale, nell’arcipelago delle Channel Islands, proprio di fronte a Los Angeles La Apple l’ha presentata nel corso Worldwide Developer Conference,  che si è tenuta a San Jose (sempre in California) dal 3 al 7 giugno.

Per un bel po’ di tempo è stata disponibile solamente la versione beta (che è stata rilasciata proprio il 3 giugno, il giorno della presentazione), ma adesso, dal 7 ottobre, quella definitiva si può scaricare tranquillamente (e gratuitamente). Ma non su tutti dispostivi.

Ecco su quali:

MacBook: 2015 e successivi

MacBook Air: 2012 e successivi

MacBook Pro: 2012 e successivi

Mac mini: 2012 e successivi

iMac: 2012 e successivi

iMac Pro: 2017 e successivi

Mac Pro: 2013 e successivi

Afinché funzioni, occorrono applicazioni a 64 bit. Ergo, addio a quelle a 32 e pronti a un bell’aggiornamento. È la prima volta. Occorrono più o meno 8 GB di memoria. Che cosa fa di speciale questo nuovo sistema operativo?

Tante cose. Per esempio,  permette di bloccare le e-mail da un mittente specifico, di disattivare alcune notifiche e di cancellarsi dalle mailing-list di tipo commerciale. Più in generale, grazie a Catalina si può avere un’esperienza più integrata con iOS e iPadOS, che è il nuovo sistema per l’iPad, che è un’altra new entry in casa Apple e comunque tutti i dispositivi dell’azienda.

Catalina è la 16ma versione del sistema operativo macOS ed è stato sviluppato da Apple Inc.

Con Catalina sparisce iTunes, che viene sostituita da altre applicazioni più specializzate.

Aiuta nella creazione, nell’organizzazione e nel controllo dei promemoria.

+++ Hosting per il tuo sito? +++

Vuoi cambiare hosting e sfruttarne uno più performante?


Siteground è la scelta ideale: veloce, sicuro, semplice da gestire, assistenza 24/7!

Provalo ora

Il browser è sempre Safari, che si avvarrà del supporto di Siri.

Interessanti anche le funzioni “Tempo di utilizzo” e “Find My” (tradotto in italiano con “Dov’è”).

Link utili


Informazioni sull'autore

Massimiliano Priore

Ti piace questo articolo?

1 voto

Su Trovalost.it puntiamo sulla qualità dei contenuti da quando siamo nati: la tua sincera valutazione può aiutarci a migliorare ogni giorno.

 Catalina: semplificare la vita degli amanti del Mac

Votato 10 / 10, da 1 utenti