Guida pratica ai codici di stato dei domini (EPP)

Guida pratica ai codici di stato dei domini (EPP)

EPP è una sigla che sta per Extensible Provisioning Protocol, o anche codici di stato dei domini: essi hanno lo scopo di rappresentare in modo sintetico lo status attuale di un certo dominio, e rappresentano in modo molto preciso la sua situazione in termini di registrazione.

Nota: su questo sito, in passato, abbiamo avuto modo di parlare dei codici EPP, che sono tuttavia una cosa diversa: si chiamano in quel caso auth-code o trasfer-secret, e a livello pratico sono le chiavi di sblocco necessarie per trasferire un dominio da un hosting all’altro. Quelli di cui parleremo in questa sede sono, invece, i vari codici di risposta, generati sia su client che su server, che vengono inclusi nelle richieste di WHOIS di un dominio con estensione qualsiasi.

Per non fare confusione, quelli di cui parleremo qui sono codici di stato” EPP, non “codici EPP” (che sono i codici di trasferimento dei domini da un hosting all’altro).

I vari status di dominio

A livello intuitivo chiunque abbia mai registrato un dominio potrebbe pensare che esistano due soli status:

  1. dominio libero“, cioè disponibile per la registrazione
  2. dominio occupato“, cioè già registrato da qualcun altro

In realtà le cose sono più complicate di così: anche se potrebbe sembrare che un semplice status acceso (libero) / spento (occupato) sia sufficente, l’ICANN ne ha previsti molti di più – proprio perchè aveva necessità di rappresentare più di una situazione diversa, con varie situazioni di status intermedi (e spesso molto poco intuitivi). La registrazione e gestione delle registrazioni è infatti complicata da una serie di fattori di disturbo (spam, truffe online, tentativi di appropriarsi di domini altrui ecc.) e da un contesto come quello del web che è spesso poco affidabile.

La diversificazione degli stati si realizza, in questo ambito, per esempio quando si avvicina la data di scadenza di un dominio: ci sono degli status di dominio specifici di determinate e ben precise situazioni intermedie, che possono fare riferimento alla sequenza di varie possibilità di recuperare quel dominio, prima di perderlo per sempre e di rimetterlo sul mercato, oppure all’asta. Esistono anche degli status, ad esempio, che indicano la possibilità di bloccare il rinnovo di un dominio, per quanto in molti casi siano situazioni che potevano succedere più in passato che al giorno d’oggi.

Molti status di domini, per la cronaca, sono difficili da inquadrare se non nel contesto di situazioni specifiche in cui capitano.

Quali codici di stato bisogna utilizzare sul proprio dominio?

In genere è opportuno settare OK come status oppure, come spesso accade, utilizzare uno status di blocco per evitare che il dominio ci venga sottratto. Non è una situazione che si verifica troppo spesso, ma in certi casi può essere in effetti molto utile impostare alcuni codici di stato per proteggere la registrazione del proprio dominio da frodi ed eventuali abusi.

In alcuni casi, ad esempio, dopo aver acquistato dei domini mi è capitato di ricevere email che proponevano servizi aggiuntivi sui domini appena acquistati. Bisogna accertarsi che si tratti di richieste lecite ed effettivamente utili, in questi casi, perchè il rischio è quello di perdere il controllo del dominio appena acquistato o farselo sottrarre.

Per impedire o comunque limitare queste situazioni, direttamente dal pannello di controllo del vostro dominio o hosting potete impostare status di questi tipi.

clientTransferProhibited, clientDeleteProhibited, clientUpdateProhibited

In genere comunque non è per forza necessario agire in questa direzione, e basta fare un po’ di attenzione alle truffe via email e, in generale, a quello che si clicca. Se non siete troppo esperti è sconsigliato impostare da soli questi status, perchè rischiate di crearvi da soli più problemi che altro.

Dove si usano i codici di stato EPP nella pratica

In genere è importante che chi registra un dominio – quindi i webmaster, in molti casi pratici – capiscano alla perfezione il significato di ogni status di dominio, perchè ciò, in molti casi, aiuta a capire cosa non va quando il sito non funziona più, ad esempio. L’utilità dei codici di stato è legata esattamente a questo genere di circostanze, e conoscerli bene (e salvarseli nei bookmark, ad esempio) è utile all’occorrenza.

In genere le informazioni su un dominio sono interrogabili in tempo reale da un database pubblico, cioè quello del WHOIS. Sul nostro sito offriamo da tempo un servizio del genere, che serve proprio a conoscere la situazione attuale del dominio, il nome del registrante (se disponibile) e così via.

Il WHOIS si può fare da qui, per qualsiasi dominio:

WHOIS rapido di un dominio

e nella risposta che otterrete troverete dei codici di stato o EPP all’interno.

Note sui codici di stato

Si ricorda che:

  • l’hosting è chi gestisce il server del sito
  • il registrar (che può coincidere o meno con l’hosting) è colui che gestisce il dominio e ci permette di configurarlo come desideriamo
  • il registry, invece, è l’autorità massima per la registrazione dei domini in un certo TLD o estensione, e stabilisce le regole in assoluto, risolvendo eventuali controversie ed incosistenze.

Tutti i codici di stato di un dominio

Ecco tutti i codici di stato EPP in una tabella ricercabile, adatta al mobile e in italiano. Le tabelle sono divise in due così come proposte sul sito dell’ICANN.

Questa è quella dei codici lato server.

Codice di stato del dominio Informazioni utili Cosa fare / Suggerimenti
addPeriod Significa che il dominio è appene stato registrato. Generalmente questo status non comporta alcun tipo di problema.
autoRenewPeriod Significa che il dominio si trova in un periodo di autorinnovo, cioè è nella finestra temporale del grace period (il periodo massimo di tolleranza, a partire dalla data di scadenza, entro cui l'ultimo proprietario può rinnovare e riprenderne il controllo). In questo caso il rinnovo sarà automatico e verrà esteso in automatico da registry. Tuttavia se il registrar dovesse cancellare il dominio in questo periodo, secondo l'ICANN dovrà restituire il costo del rinnovo. Significa che il dominio si rinnova in automatico, ed è generalmente possibile attivare anche un pagamento ricorrente per facilitare il compito. Questo garantisce maggiormente che il dominio non si perda nel tempo. In genere, il registry è in grado su richiesta del proprietario di aggiungere o rimuovere tale status.
inactive Significa che non c'è un name server attivo associato al dominio, che quindi non potrà essere risolto sul DNS per funzionare in modo corretto. Questo status può rappresentare varie situazioni ed è opportuno chiedere al registry di cosa si tratti, nello specifico. In certi casi può essere necessario inviare documentazione a supporto della richiesta, per ripristinare il funzionamento del dominio.
ok Si tratta dello status standard per un dominio, che sta funzionando correttamente senza alcuna situazione pendente o in sospeso / in corso. Per quanto sia uno status standard, è possibile fare richiesta per bloccare il dominio e proteggerlo da eventuali abusi, impostando via registry stati bloccanti come clientTransferProhibited, clientDeleteProhibited, e clientUpdateProhibited. In questa situazione il dominio potrebbe essere soggetto a frodi, trasferimenti illeciti ed altro genere di attacchi informatici.
pendingCreate Significa che è appena stata inoltrata una richiesta di registrazione del dominio in questione. Se il TLD è nuovo e si trova nel periodo di sunrise, potrebbe essere registrato al suo termine. Diversamente, se il dominio non è una registrazione speciale e non sei un registrant accreditato (e lo status persiste), potrebbe esserci un'anomalia da dover risolvere.
pendingDelete Significa che il dominio sta per essere cancellato, e può mostrarsi in combinazione con altri status. Se appare assieme a pendingRestore o redemptionPeriod, saranno questi ultimi ad avere la precedenza come significato. Diversamente, se pendingDelete appare senza alcun altro status associato, significa che il dominio non è stato rinnovato entro il grace period (la massima finestra temporale entro cui si può provare a rinnovare come vecchio proprietario), potrebbe rimanere in questo stato per altri giorni ancora, non utilizzabile. Dopo la cancellazione definitiva il dominio sarà messo nuovamente sul mercato. Se hai dimenticato di rinnovare il dominio e non vuoi perderlo, in questo caso devi rivolgerti al tuo hosting o registrar e, a seconda dei casi, valutare le opzioni disponibili. In certi casi il recupero del dominio potrebbe avere dei costi aggiuntivi.
pendingRenew Significa che la richiesta di rinnovo è stata ricevuta ed è in corso di attivazione. Se il dominio non ti interessa, devi chiedere di modificare questo status al tuo registrar. Diversamente, se sei in fase di rinnovo devi aspettare.
pendingRestore Si tratta dello status successivo ad un redemptionPeriod, e durerà fin quando non sarà fatto quanto richiesto dal registry per sblocccare il dominio. Tieni d'occhio questo status durante il periodo di ripristino del dominio: può essere utile per monitorare che tutto vada nel verso giusto durante un rinnovo o una riassegnazione, ad esempio. Si tratta di uno stato intermedio che può cambiare in ok oppure tornare a redemptionPeriod in caso di problemi. Il registrar dovrebbe essere in grado, ad ogni modo, di risolvere la maggioranza dei problemi in merito.
pendingTransfer Significa che c'è una richiesta di trasferimento da un register all'altro in pending, cioè in corso. Se hai richiesto il cambio di register è tutto ok, diversamente contatta il tuo register per chiarimenti.
pendingUpdate Il dominio ha ricevuto una richiesta di modifica ed è in corso di aggiornamento. Se hai richiesto il cambio di anagrafica dei dati del tuo dominio è tutto ok, diversamente contatta il tuo register per chiarimenti.
redemptionperiod Se vedi questi status, il dominio rimarrà in "pausa" per 30 giorni, in attesa di un rinnovo, a partire dalla data di scadenza. Altri 5 giorni ed il dominio tornerà nuovamente sul mercato, pronto ad essere registrato nuovamente. Se non vi interessa più il dominio, non dovrete fare nulla. Se invece avete intenzione di recuperarlo o stavate per perderlo per via di un mancato rinnovo, sarà necessario contattare il register, effettuare il pagamento del rinnovo e richiedere la riassegnazione entro 35 giorni dalla scadenza, se possibile.
renewPeriod Significa che il grace period, cioè il massimo numero di giorni dalla scadenza in cui è possibile rinnovarlo (tipicamente 30 giorni), è stato esteso dal registar. Non dovrebbe essere necessario fare nulla, ma se dovete aggiornare il dominio è il momento di farlo, prima possibile.
serverdeleteprohibited Serve ad impedire che il dominio possa essere cancellato inavvertitamente o mediante truffe. Può essere dovuto ad un problema legato ad esempio ad una controversia legale in corso. Problema generico che potrebbe avere varie cause. Contattare il registrar per maggiori info. Se il dominio deve essere cancellato devi richiedere al registrar di rimuovere lo status. Lo status è gestito dal registry per cui il registrar potrebbe non riuscire a farlo nei tempi desiderati, per cause indipendenti dalla loro specifica volontà.
serverHold Significa che il dominio non possiede un DNS associato e non può funzionare. Dovrebbe essere necessario indicare le delegation information sui name server da utilizzare, che probabilmente non sono stati impostati. Chiedere al registry per maggiori informazioni.
serverrenewprohibited Il dominio è bloccato in termini di possibilità di rinnovo del dominio, ad esempio perchè è in corso una cancellazione o per problemi di natura legale. Contattare il registrar per informazioni specifiche.
servertransferprohibited Il dominio è bloccato in termini di possibilità di aggiornamento da un registrar all'altro, ad esempio perchè è in corso un trasferimento o per problemi di natura legale. Problema generico che potrebbe avere varie cause. Contattare il registrar per maggiori info. Se il dominio deve essere cancellato devi richiedere al registrar di rimuovere lo status. Lo status è gestito dal registry per cui il registrar potrebbe non riuscire a farlo nei tempi desiderati, per cause indipendenti dalla loro specifica volontà.
serverupdateprohibited Il dominio è bloccato in termini di possibilità di aggiornamento, ad esempio perchè è in corso un trasferimento o per problemi di natura legale. Problema generico che potrebbe avere varie cause. Contattare il registrar per maggiori info. Se il dominio deve essere cancellato devi richiedere al registrar di rimuovere lo status. Lo status è gestito dal registry per cui il registrar potrebbe non riuscire a farlo nei tempi desiderati, per cause indipendenti dalla loro specifica volontà.
transferperiod Significa che la richiesta di trasferimento da un registrar all'altro è andata a buon fine. I costi di trasferimento possono essere, nel frattempo, stati addebitati. Lo status è temporaneo ed è normale nel caso in cui abbiate cambiato register. Diversamente, è necessario avvisare il register vecchio dell'anomalia (ed eventualmente anche il nuovo).

Questa invece è dei codici lato client.

Codice di stato del dominio Informazioni utili Cosa fare / Suggerimenti
clientDeleteProhibited Questo status indica che il registry che gestisce il dominio impedisce qualsiasi operazione di tentata cancellazione del dominio. Se il dominio restituisce uno status del genere, sigifica che è attiva una misura di protezione anti-frode atta ad evitare cancellazioni accidentali o maliziose del dominio. Il codice può essere rimosso su richiesta dal registry, ovviamente solo dal proprietario del dominio.
clientHold Questo status rappresenta una situazione in cui il dominio non è associato ad un DNS, per cui non può essere risolto (cioè non funziona o non è visibile). Motivi classici di questo status sono legati a mancati pagamenti o morosità, cause legali, oppure dominio in corso di cancellazione. Tipicamente in questi casi il proprietario del dominio dovrebbe rivolgersi al register dello stesso per cercare di risolvere il problema. In alcuni casi è una situazione anomala di errore tecnico, che potrebbe risolversi rivolgendosi al register e chiedendo di annullare questo status.
clientrenewprohibited Significa che il register non accetterà richieste di rinnovo del dominio in questione, che quindi durerà fino alla scadenza prestabilita. Motivi tipici di questo status sono mancati pagamenti o morosità, cause legali contro il dominio ed i suoi titolari, oppure dominio in corso di cancellazione. In caso di semplice errore tecnico, inoltre, può essere possibile richiedere al registrer di rimuovere lo status per procedere normalmente al rinnovo.
clienttransferprohibited Significa che il register non accetterà richieste di cambio o passaggio ad un altro registrer. La misura è generalmente protettiva, al fine di evitare che qualcuno possa prendere possesso del dominio indebitamente. In caso sia stato impostato per errore, il proprietario del dominio può chiedere la rimozione dello stato al registry.
clientupdateprohibited Significa che qualsiasi richiesta di aggiornamento del dominio, a qualsiasi livello, sarà rigettata. Anche in questo caso, la misura è tipicamente protettiva, al fine di evitare che qualcuno possa prendere possesso del dominio indebitamente. In caso sia stato impostato per errore, il proprietario del dominio può chiedere la rimozione dello stato al registry.

(fonte: ICANN)

Ti piace questo articolo?

0 voti

Su Trovalost.it puntiamo sulla qualità dei contenuti da quando siamo nati: la tua sincera valutazione può aiutarci a migliorare ogni giorno.