L’hosting cloud è il futuro? Qualche previsione sulla diffusione delle nuove tecnologie e sul loro aggiornamento

<span class="entry-title-primary">L’hosting cloud è il futuro?</span> <span class="entry-subtitle">Qualche previsione sulla diffusione delle nuove tecnologie e sul loro aggiornamento</span>

Chiunque realizzi siti web sa bene che, di solito, gli strumenti per modificare, configurare e gestire il sito sono quelli di sempre:

  1. FTP per caricare file, gestire vari tipi di situazioni e fare interventi di configurazione “al volo” mediante un apposito client;
  2. PHPMyAdmin per gestire il database via browser;
  3. cPanel, directAdmin o Plesk per i backup, la gestione del file system ed altro ancora, anche qui tipicamente via browser.

Di fatto, se partiamo dal presupposto che la tecnologia non cambi radicalmente, e che si continueranno ad usare (a livello di portali, blog aziendali e simili) WordPress o Joomla! (quindi hosting prettamente PHP e Linux), questi strumenti dovrebbero, in linea di massima, rimanere invariati. Quantomeno dal punto di vista dell’utente finale, dovrebbe essere così.

Pubblicità:

L’uso del cloud apparentemente presuppone un maggiore utilizzo del web come interfaccia finale delle varie applicazioni: per cui, di fatto, la gestione di un sito web in cloud sarà praticamente equivalente a quella che di solito avviene su hosting dedicati, condivisi e/o VPS.

Pubblicità:

Il cloud è una soluzione comoda, anche se ancora costosa per molti imprenditori, e che sembra portata alla massima diffusione, inoltre, per via sia della sua semplicità d’uso, ma anche per la formula di pagamento che è particolarmente intuitiva e vantaggiosa per l’utente medio-piccolo. Infatti, il cloud si paga tipicamente “a consumo”, dove il consumo viene definito in funzione di banda, spazio web utilizzato, connessioni I/O e così via. Questo aspetto lo renderebbe davvero competitivo, specie se i prezzi dei cloud attuali (a volte leggermente “gonfiati”) vadano ad allinearsi a quelli dei grossi competitor sul mercato, come Amazon AWS o Google Cloud per intenderci. A livello di manutenzione non sarà troppo diversa, per gli operatori, da quella necessaria su dedicati e Virtual Private Server.

L’hosting web diventerà quindi una prerogativa del cloud? Difficile fare previsioni precise, ma la tendenza sul mercato suggerisce che, entro un paio d’anni e connettività permettendo (una cosa che in Italia è ancora un po’ carente, forse), andrà quasi certamente per la maggiore.

 

 


Informazioni sull'autore

Salvatore Capolupo

Ingegnere informatico, consulente SEO, copywriter ed ideatore di trovalost.it. Di solito, passo inosservato: e non ne approfitto neanche un po'.
Ti piace questo articolo?

0 voti

Su Trovalost.it puntiamo sulla qualità dei contenuti da quando siamo nati: la tua sincera valutazione può aiutarci a migliorare ogni giorno.