Guida per principianti: i principali comandi del terminale Windows – MS-DOS

Guida per principianti: i principali comandi del terminale Windows – MS-DOS

Due parole introduttive sull’uso del terminale di Windows: si tratta di una shell a riga di comando, nota con il nome del file cmd.exe, che è in grado di offrire un set base per eseguire comandi, combinarli tra loro e così via.

Il terminale può essere aperto digitando da Avvio->Esegui... il nome del file cmd.exe, e comparirà direttamente come finestra. Digitando help seguito dal tasto Invio, per cominciare, vedremo tutti i comandi base che sono disponibili per l’utente.

Nota: qualsiasi comando eseguito via terminale può essere interrotto digitando la combinazione di tasti CTRL C (necessario per interrompere i ping, ad esempio).

Premesso questo, bisogna inquadrare quella che è la struttura generale di un comando da terminale, che è caratterizzato da:

  1. nome;
  2. eventuali opzioni;
  3. argomento.

In pratica questa struttura corrisponderebbe ad un qualcosa tipo:

  1. cosa fare (ad esempio creare o cancellare un file);
  2. come farlo (in modalità binaria, come file di testo, oppure in modo permanente);
  3. dove farlo (ad esempio un file o una directory).

Ad esempio per il terminale Windows potremmo avere:

more HelloWorld.java

in cui eseguiamo more (il comando per visualizzare il contenuto di un file) senza parametri aggiuntivi sul file HelloWorld.java.

I due comandi base da conoscere per navigare nelle directory sono dir e cd: il primo permette di listare i file nella directory corrente, mentre il secondo vi permette di navigare nelle directory di sistema. Quando aprite cmd.exe infatti vi ritroverete all’interno di una directory di default; per vederne i contenuti, digitate semplicemente dir seguito da Invio.

Ad esempio, qui di seguito digitando dir vi verranno mostrati i contenuti della directory di root del filesystem del vostro computer:

C:\> dir
Volume in drive C has no label.
Volume Serial Number is C6C6-BACD
Directory of C:\
10/26/2004  01:36 PM         0 AUTOEXEC.BAT
10/26/2004  01:36 PM         0 CONFIG.SYS
02/10/2005  01:36 PM       126 HelloWorld.java
12/09/2004  12:11 AM    DIR    Documents and Settings
02/10/2005  08:59 PM    DIR    introcs
11/02/2004  08:31 PM    DIR    j2sdk1.4.2_06
12/29/2004  07:15 PM    DIR    Program Files
01/13/2005  07:33 AM    DIR    WINDOWS
3 File(s)            126 bytes
5 Dir(s)  32,551,940,096 bytes free

Abbiamo già visto come fare, con il comando more, a vedere il contenuto di un file direttamente nel terminale; per entrare in una directory, ad esempio WINDOWS, dovremo scrivere:

cd WINDOWS

e poi digitando dir vedremo i file all’interno della stessa.

 

Per tornare indietro di un livello:

cd ..

Per andare direttamente alla root di sistema da qualsiasi posizione, invece:

cd \

Quanti sono i comandi disponibili? Per vedere la lista completa dei comandi digitate help seguito da Invio. Quelli più importanti, a parte quelli già visti, sono i seguenti.

  • mkdir: è utile per creare una nuova directory vuota all’interno della posizione corrente, che possa fare da “contenitore” di altri file, ad esempio mkdir nomecartella. Quando create una cartella in questo modo, rimarrete pur sempre all’esterno della stessa, e dovrete scrivere cd nomecartella per entrarci.
  • move: può essere utilizzare per spostare file all’interno della stessa, ad esempio (è giusto un esempio per capirci) nella gerarchia di file precedente possiamo scrivere move HelloWorld.java j2sdk1.4.2_06 per spostare il file Java all’interno della cartella j2sdk1.4.2_06. Fate attenzione, ovviamente, a non spostare file di sistema in questo modo oppure a non sovrascrivere file esistenti.
  • copy: come è facile immaginare, questo comando è utile per fare una copia di un file: molto utile per farsi un backup dei contenuti prima di editarlo, ad esempio. Scriverete qualcosa tipo copy HelloWorld.java HelloWorld-backup.java, ad esempio
  • del:  questo comando cancella un file in modo irreversibile, anche se di default chiede conferma di farlo davvero. Per recuperare file cancellati ci sono software open source disponibili anche per Windows.
  • ipconfig serve a vedere la configurazione di rete del vostro computer, mostrando indirizzo IP, sottomaschera di rete e gateway impostati; digitando ipconfig /release seguito da ipconfig /renew potrete, solo su alcuni tipi di configurazione di rete, chiedere un nuovo indirizzo IP per il vostro computer
  • netstat -an è un comando utilizzabile per vedere le connessioni di rete attive e le porte utilizzate, utile ad esempio per individuare software problematici o virus che rallentino abusivamente la connessione.
  • assoc: digitandolo senza parametri, permette di vedere le associazioni correnti tra estensioni e file che li aprono (ad esempio .doc word.exe)
  • fc serve a confrontare file diversi (fc = file compare), basta scriverlo seguito dai path dei due file che vogliamo confrontare, e vedremo direttamente le differenze.
  • driverquery -v permette di visualizzare eventuali problemi con i driver, mostrandoli a video
  • Ultima cosa che andremo a vedere, perchè presente anche in Windows e poco utilizzata dai suoi utenti, è il piping, cioè la possibilità di usare l’output di un programma come input di un altro. Per esempio facciamo piping di un programma che genera un risultato e lo andiamo a mettere all’interno di un file di log in formato testo, per poterlo poi leggere con calma:
    C:\introcs> java RandInts > temp.txt
    
  • Viceversa, con il piping possiamo visualizzare il contenuto del file (il simbolo >, < indica la “direzione” in cui vanno i dati, visivamente).
    C:\introcs> more < temp.txt

(fonte)

Ti piace questo articolo?

1 voto

Su Trovalost.it puntiamo sulla qualità dei contenuti da quando siamo nati: la tua sincera valutazione può aiutarci a migliorare ogni giorno.

Guida per principianti: i principali comandi del terminale Windows – MS-DOS

Votato 10 / 10, da 1 utenti