Schede prodotto in WordPress: come si fanno

Schede prodotto in WordPress: come si fanno

Molte aziende potrebbero avere la necessità di creare delle schede prodotto all’interno del proprio sito in WordPress, cosa che è possibile fare sia per quanto riguarda cataloghi di prodotti che per cataloghi di servizi. WordPress è un CMS molto versatile, nel senso che si presta ad utilizzi che vanno molto al di là del classico blog: la cosa importante è scegliere nel modo giusto le opportune integrazioni per realizzare delle schede prodotto.

Cosa sono le schede prodotto

Che cosa sono nello specifico le schede prodotto è presto detto: si tratta di pagine Web in cui tutti prodotti sono singolarmente catalogati con le caratteristiche di ognuno, quindi ad esempio immagini, titolo, descrizione, tag, attributi per le caratteristiche del prodotto o del servizio ed ovviamente prezzo con eventuale scontistica.

Cerchi un hosting super-economico?

Guarda questa offerta:


Tophost

Le schede prodotto possono essere stilizzate a piacere utilizzando opportuni theme oppure editor visuali come DiVi oppure Visual Composer.

Usare Woocommerce

La prima soluzione che si può prendere in considerazione è quella di installare Woocommerce, un plugin per realizzare un negozio on-line che si è molto evoluto negli ultimi anni.  Questa soluzione sembrerebbe alla portata di chiunque, anche se è presente un problema di fondo: sono necessarie quasi sicuramente della personalizzazione lato codice, questo perché l’e-commerce in questo caso è pensato soprattutto per essere utilizzato dai programmatori, e non direttamente dall’utente finale che desidera vendere. C’è anche un altro problema: in genere un e-commerce abilita all’acquisto ogni singolo prodotto, quindi inserisce un bottone acquista su ogni scheda prodotto che andremo a creare. Cosa che può andare bene in alcuni casi, ma che in altri non è adeguata – visto che noi potrebbe interessare creare un semplice catalogo di prodotti senza la possibilità di acquistarli, oppure dando a tutti la possibilità di contattare direttamente l’azienda per richiedere maggiori informazioni.

A questo punto è necessario specificare una cosa: la maggior parte dei suggerimenti che riguardano questo genere di attività, ovvero creare un catalogo prodotti WordPress, richiedono dei plugin a pagamento. E non è neanche detto che si riesca fare tutto con essi: in molti casi infatti sono plugin difficili da personalizzare, non adatti per vere e proprie personalizzazioni su una lista di specifiche del cliente, insomma in linea di massima non mi sento di consigliarli se non per progetti veramente low cost.

Per superare queste limitazioni bisogna ricorrere delle personalizzazioni del codice PHP, anche se ci sono dei plugin (free come Catalogo Prodotti, ma anche a pagamento) che lo fanno in automatico, e che tuttavia tendono ad appesantire i tempi di caricamento del sito (uno dei migliori in circolazione tra i premium è Catalog Visibility, ad esempio). La soluzione migliore è, in definitiva, quella di ricorrere alla modifica del tema child ed eventualmente sfruttare gli override di Woocommerce.

In definitiva Woocommerce può essere una soluzione adeguata – le parliamo in modo esteso in un articolo a parte – ma per un catalogo prodotti si possono valutare soluzioni più semplici.

Download Woocommerce

Usare direttamente gli articoli di WordPress + Toolset

Una seconda possibilità infatti può essere quella di utilizzare direttamente i post e le pagine di WordPress: invece di creare degli articoli andremo creare dei prodotti, in sostanza. Il problema qui sono i campi personalizzati: in questo caso infatti non abbiamo la possibilità di inserire caratteristiche singole come ad esempio gli attributi dei prodotti, che possono essere il peso il colore la misura e così via. Se abbiamo bisogno di utilizzare questi ultimi, Woocommerce rimane una scelta più adeguata perché li fornisce già di default.

I campi personalizzati presenti di default andrebbero anche bene ma non sono molto intuitivi, sono limitati per certi versi, non sono supportati da tutti i theme e sono complicati da evitare per l’utente finale. In questi casi è molto meglio installare un plugin che permetta di creare dei posti dai personalizzati, e nel caso specifico la scelta ricade su Toolset, un plugin a pagamento che può andare bene nella maggioranza dei casi specifici.

Pubblicità:

Anche qui sono richieste delle conoscenze avanzate per quello che riguarda funzionamento dei post type personalizzati (custom post type) e delle tassonomie in WP (taxonomy: in genere ogni post type ha le proprie). Prima necessario impostare tutto lato backend, e poi si passa alla personalizzazione sul front end – quindi è richiesto un doppio lavoro, ed è consigliabile affidarsi ad un esperto per farlo.


Informazioni sull'autore

Salvatore Capolupo

Consulente SEO, ingegnere informatico e fondatore di Trovalost.it, Pagare.online, Lipercubo.it e tanti altri. Di solito passo inosservato e non ne approfitto.
Ti piace questo articolo?

1 voto

Su Trovalost.it puntiamo sulla qualità dei contenuti da quando siamo nati: la tua sincera valutazione può aiutarci a migliorare ogni giorno.

Schede prodotto in WordPress: come si fanno

Votato 10 / 10, da 1 utenti