La Cina sta bloccando i siti degli exchange di bitcoin e delle ICO

La Cina sta bloccando i siti degli exchange di bitcoin e delle ICO

Continua la battaglia contro le criptovalute in atto da parte del governo cinese, e questo a più livelli: non solo mediante dichiarazioni contro l’uso di monete virtuali, ma anche in termini più concreti attuando veri e propri blocchi a livello tecnologico, sempre più difficili (oltre che illegali) da aggirare. In pratica si estenderà anche al bitcoin ciò che su Wired già nel 1997 era stato ironicamente definito The great firewall, il quale sta già bloccando e filtrando da anni la gran parte del traffico di internet: anzitutto a livelli di IP e di proxy, di DNS, di URL, di packet filtering (sui motori di ricerca, di solito), connection reset e SSL man in the middle.

Tutto ciò che non sia gradito al governo cinese viene filtrato in modo automatico, e le criptovalute ed i rispettivi protocolli non sembrano esserne affatto esenti (da circa 6 mesi gli scambi di cripto sono ufficialmente vietati): secondo il South Cina Morning Post la banca popolare cinese avrebbe fatto pressione per far aggiungere alla lista degli IP e dei siti proibiti quelli dei principali exchange – non sono noti i nomi che vengono bloccati, ma presumibilmente tutti i più famosi – e anche delle ICO (Initial Coin Offering, i controversi – in molti casi – siti di raccolta fondi, al fine di lanciare nuove criptomonete), ufficialmente al fine di contrastare i “rischi finanziari”. In Cina è, come accennavo, vigente il divieto di scambio di criptovalute fin dallo scorso anno (2017), e tali misure sembrano mirare a restringere ancora di più il campo di azione per gli operatori che cercavano via VPN o reti anonime di aggirare i blocchi.

Non solo: gli exchange, presi di mira come principali soggetti interessati a scambi di criptovalute come ETH o BTC in euro o dollari e viceversa, pare verranno bloccati anche su WeChat ed altri social media, strumenti molto popolari presso gli utenti e su cui già da tempo vige un’autoregolamentazione che ricorda molto forme di autocensura (Facebook anche da noi, ad esempio, sta vietando annunci con riferimenti a bitcoin e ICO).

Non saranno anni facili per le criptovalute, anche in considerazione della crescente disinformazione sul tema che spesso si sta sviluppando sui media generalisti; equivoci che, peraltro, finiscono anche per influenzare il mercato degli exchange, soggetti ad una domanda-offerta molto fluttuante ed in cui, se non si fa attenzione, si rischia di perdere tutto da un giorno all’altro senza preavviso. Ad ogni modo, i ledger generici e le blockchain in generale potranno avere ragione di esistere per applicazioni di natura non necessariamente finanziaria, almeno è quello che si prevede per il prossimo futuro.

(fonte, fonte)

Ti piace questo articolo?

0 voti

Su Trovalost.it puntiamo sulla qualità dei contenuti da quando siamo nati: la tua sincera valutazione può aiutarci a migliorare ogni giorno.