Seguici su Telegram, ne vale la pena ❤️ ➡ @trovalost
Vai al contenuto

Pirateria informatica: cos’è e quali ambiti riguarda


Cerchi un hosting economico per il tuo sito o blog? Tophost ti aspetta (clicca qui)

La “pirateria informatica” si riferisce all’atto di violare le leggi relative all’uso non autorizzato, alla copia, alla distribuzione o alla manipolazione non autorizzata di software, dati o risorse informatiche. In termini più semplici, la pirateria informatica coinvolge attività illegali legate all’informatica, in particolare all’uso improprio o alla distribuzione non autorizzata di software e contenuti digitali.

Ecco alcuni esempi comuni di pirateria informatica:

  1. Pirateria del Software: Questo è uno dei tipi più noti di pirateria informatica ed è associato all’uso non autorizzato o alla copia illegale di software protetto da copyright. Questo include la condivisione di chiavi di licenza o l’installazione di software su più dispositivi senza la debita licenza.
  2. Pirateria dei Media Digitali: Questo tipo di pirateria coinvolge la distribuzione o il download illegale di film, musica, libri e altri contenuti digitali protetti da copyright senza il consenso dei detentori dei diritti d’autore.
  3. Hacking e Accesso Non Autorizzato: Gli hacker possono violare sistemi informatici, reti o account online senza autorizzazione, causando danni o rubando dati sensibili.
  4. Frode Informatica: Questo tipo di pirateria coinvolge l’uso fraudolento di sistemi informatici per truffe finanziarie o per ottenere informazioni personali o finanziarie illegalmente.
  5. Distribuzione di Malware: Alcuni pirati informatici creano e diffondono malware (software dannoso) per rubare dati o danneggiare sistemi informatici.

La pirateria informatica è illegale e può comportare conseguenze legali, tra cui sanzioni penali e civili. Le leggi sulla pirateria variano da paese a paese, ma in genere proteggono i diritti d’autore e gli interessi delle aziende e dei creatori di contenuti digitali. La pirateria informatica può avere un impatto negativo sull’industria del software, dell’intrattenimento e su altri settori, oltre a rappresentare una minaccia per la sicurezza informatica e la privacy degli utenti.

Regolamentazione in Italia

In Italia, la legge per la pirateria informatica è principalmente regolamentata dal Codice della Proprietà Industriale (Legge 10 febbraio 2005, n. 30) e dal Codice Penale (Libro II, Titolo II, Capo IV – Delitti contro la Proprietà Industriale). Queste leggi stabiliscono i diritti d’autore e le protezioni legali contro la pirateria e la violazione dei diritti di proprietà intellettuale. Di recente, la cosiddetta legge antipirateria di luglio 2023 ha stabilito ulteriori norme soprattutto in fatto di pirateria per i servizi di streaming di calcio e della serie A.

Ecco alcuni punti chiave relativi alla legge italiana sulla pirateria informatica:

  1. Diritto d’Autore: Il Codice della Proprietà Industriale stabilisce i diritti d’autore e le protezioni legali per le opere creative, compresi i software, i film, la musica, i libri e altri contenuti digitali. La legge protegge i diritti dei creatori e dei detentori di copyright.
  2. Illegale Copia e Distribuzione: Fare copie non autorizzate di software, film, musica o altri contenuti protetti da copyright e distribuirli senza il consenso del detentore dei diritti è considerato illegale.
  3. Punizioni Penali e Civili: La violazione dei diritti d’autore può comportare sanzioni penali e civili. Gli autori di reati di pirateria informatica possono essere perseguibili penalmente e soggetti a multe o pene detentive. Possono anche essere costretti a risarcire i danni ai detentori dei diritti d’autore.
  4. Rispetto dei Diritti Digitali: La legge italiana richiede il rispetto dei DRM (Digital Rights Management) e di altre tecnologie di protezione dei contenuti digitali. La rimozione o la violazione di tali misure è considerata un reato.
  5. Frode Informatica e Hacking: L’accesso non autorizzato a sistemi informatici o la manipolazione di dati informatici al fine di ottenere un vantaggio illegale sono considerati reati di frode informatica e hacking, punibili secondo il Codice Penale.
  6. I detentori dei diritti d’autore hanno il diritto di avviare azioni legali contro i pirati informatici per far valere i loro diritti. Queste procedure possono includere azioni penali e civili, tra cui richieste di risarcimento danni.

Secondo il Decreto di luglio 2023, inoltre, una specifica disposizione dell’AGCOM (Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni) stabilisce la possibilità dell’AGCOM di emettere ordini per impedire l’accesso a contenuti diffusi illegalmente su Internet. Nello specifico opererebbe nei seguenti termini:

  1. Blocco della Risoluzione DNS: Il DNS (Domain Name System) è un sistema che associa nomi di dominio, come www.sitopirata.com, agli indirizzi IP dei server web corrispondenti. L’AGCOM ha il potere di ordinare ai fornitori di servizi di accesso a Internet di impedire l’accesso a contenuti illegali bloccando la risoluzione dei nomi di dominio associati a questi siti. In pratica, questo significa che quando un utente tenta di visitare un sito web illegalmente diffuso, il suo computer non sarà in grado di trovare l’indirizzo IP corrispondente e non potrà accedere al sito.
  2. Blocco dell’Instradamento del Traffico di Rete: L’AGCOM può anche ordinare ai fornitori di servizi di Internet di impedire l’accesso a contenuti illegali bloccando l’instradamento del traffico di rete verso gli indirizzi IP associati a tali contenuti. Questo significa che i pacchetti di dati destinati a questi indirizzi IP saranno bloccati o reindirizzati in modo che non raggiungano il loro obiettivo previsto.
  3. Blocco di Altri Elementi Associati: L’AGCOM può emettere ordini di blocco non solo per nomi di dominio e indirizzi IP specifici ma anche per ogni loro variante o estensione che consenta ancora l’accesso ai contenuti illegali. Ad esempio, se un sito web viene bloccato, l’AGCOM può ordinare il blocco di tutti i suoi sottodomini o altre estensioni del dominio.
  4. Provvedimenti Cautelari in Casi di Gravità e Urgenza: In situazioni di gravità e urgenza, ad esempio quando sono coinvolti contenuti trasmessi in diretta, prime visioni di film o eventi di grande interesse pubblico, l’AGCOM può emettere provvedimenti cautelari che richiedono ai fornitori di servizi Internet di bloccare immediatamente l’accesso ai contenuti illegali, senza la necessità di una procedura legale completa.

Questa disposizione conferisce all’AGCOM il potere di ordinare ai fornitori di servizi Internet di impedire l’accesso a contenuti illegali su Internet attraverso il blocco dei nomi di dominio e degli indirizzi IP. Ciò è finalizzato a contrastare la pirateria online e a proteggere i diritti d’autore e gli interessi degli autori e dei detentori dei diritti d’autore. È importante notare che la legge italiana sulla pirateria informatica è in linea con le direttive dell’Unione Europea sulla protezione dei diritti di proprietà intellettuale e della proprietà industriale. Le autorità italiane collaborano con le forze dell’ordine e le autorità giudiziarie per contrastare la pirateria informatica e proteggere i diritti degli autori e dei detentori dei diritti d’autore.

Queste informazioni sono state ricavate dal web a scopo divulgativo generalista, e non costituiscono un parere ufficiale da parte di un legale.

Da non perdere 👇👇👇



Trovalost esiste da 4405 giorni (12 anni), e contiene ad oggi 3909 articoli (circa 3.127.200 parole in tutto) e 12 servizi online gratuiti. – Leggi un altro articolo a caso
4/5 (1)

Ti sembra utile o interessante? Vota e fammelo sapere.

Questo sito contribuisce alla audience di sè stesso.
Il nostro network informativo: Lipercubo.it - Pagare.online - Trovalost.it.