Gli UFO esistono, e dal primo giugno tutto il mondo li vedrà

Argomenti:
Pubblicato il: 01-06-2021 06:30 , Ultimo aggiornamento: 31-05-2021 17:37

Sta facendo il giro del mondo l’intervista rilasciata a Fox News da John Ratcliffe, direttore della National Intelligence dal 2020 al 2021, nonchè deputato alla Camera USA dal 2015 al 2020, in cui il politico (ben informato sui fatti, dato il ruolo ricoperto per un biennio) ha affermato che oggi, primo giugno, verrà rilasciato un rapporto ad evidenza pubblica dell’intelligence statunitense, in cui verrà ufficialmente confermata dagli USA l’esistenza degli UFO.

UFO: un fenomeno globale e senza tempo

Subito dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale il termine “UFO” ha iniziato a campeggiare insistentemente sulle pagine dei giornali di mezzo mondo e alcuni fatti ad essi correlati hanno ottenuto un’eco mediatica mai del tutto sopita anche perchè, di fatto, una spiegazione esaustiva e incontrovertibile a tali avvistamenti non è mai stata fornita: ci riferiamo, giusto per citarne qualcuno, al celebre caso dell’UFO schiantatosi nelle campagne di Roswell, in Nuovo Messico, nel 1947 o all’avvistamento collettivo sui cieli di Phoenix, Arizona, del 1997 cui hanno assistito circa 10.000 persone che hanno documentato il fatto con numerose foto e video e all’avvistamento di Firenze del 1954 quando tutta la città assistette al transito di strane luci nel cielo che al loro passaggio fecero cadere a terra una strana sostanza lanuginosa (nel mentre, allo stadio Artemio Franchi, davanti a 10.000 persone, si stava svolgendo la partita amichevole tra Fiorentina e Pistoiese che venne sospesa per alcuni minuti poichè tifosi, giocatori e arbitro si ritrovarono tutti con il naso all’insù a cercare di capire cosa stesse accadendo in cielo).

Ma andando indietro nel tempo, alcuni ufologi ritengono che strani oggetti volanti siano stati rappresentati in numerosi quadri e affreschi del passato (celebre è il caso della “Madonna con Bambino e San Giovannino” esposti a Firenze a Palazzo Vecchio) così come le cronache di spettacolari e inspiegabili avvistamenti nei cieli ci sono state tramandate su più fonti scritte (il cosiddetto “Fenomeno Celeste di Norimberga” del 1561 è il più documentato).

Dire “UFO” equivale a dire “alieni”?

A ben pensare, no! Il termine UFO significa semplicemente “Oggetto Volante non Identificato” (“Unidentified Flying Object“, in inglese) ed è quindi una locuzione del tutto neutra atta ad identificare, appunto, un qualcosa (luce o oggetto) che vola o staziona nei nostri cieli, la cui origine non è determinata al momento dell’osservazione. E’ un po’ come se i conquistadores spagnoli, trovandosi in Sud America al cospetto dell’allora sconosciuto tubero della “patata“, lo avessero genericamente chiamato “specie vegetale non identificata“!

Ciò che oggi è osservato ma non identificato o identificabile non è detto che non possa esserlo domani, e la spiegazione del fenemeno non dovrà avere per forza natura aliena o mistica, anzi, è quasi sempre il contrario.

Quindi, l’associazione tra UFO e esseri provenienti da altri mondi ha una natura prettamente mediatica in quanto per i giornale della metà del ‘900 (ma anche per quelli di oggi) spacciare come veicoli interstellari frutto di intelligienze aliene le luci nel cielo che di tanto in tanto venivano avvistate, facilitava le vendite, soprattutto in una popolazione che ancora stentava a riprendersi dagli orrori della guerra appena finita ed era, quindi, più facilmente suggestionabile. Poi il fenomeno è andato avanti e, complici la latteratura e il cinema fantascientifico, quello degli UFO è rimasto un argomento di cui spesso si parla, ma che molto meno di frequente viene investigato alla radice.

Esistono o è tutta finzione?

Ebbene, la rivelazione è servita: gli UFO esistono, senza dubbio! Ma non lo dico io, lo ha già detto qualche giorno fa l’ex Presidente degli Stati Uniti, Barak Obama. Non ci credete? Eccovi il video:

Dopo qualche ovvia battuta con gli intervistatori nello studio della CBS con cui era collegato, il tono di Obama si fa serio e chiarisce che effettivamente gli Stati Uniti hanno prove documentate, concrete e affidabili, di fenomeni aerei inspiegabili, in cui “qualcosa” – difficile dire se si tratti di velivoli sperimentali (in tal caso non americani), di semplici luci frutto di sconosciuti eventi atmosferici o di “qualcos’altro” di cui non abbiamo ancora vocaboli pronti per definirli e che quindi chiamiamo genericamente UFO – si muove nel cielo in una maniera che sarebbe impossibile spiegare con le nostre tecnologie e le nostre conoscenze della fisica.

D’altronde, da qualche anno a questa parte, l’esercito americano (come quello di altre nazioni) ha più volte rilasciato dei filmati ripresi da militari esperti in cui sono ripresi degli oggetti luminosi che compiono incredibili acrobazie nel cielo, risultando inafferrabili anche per gli ultraveloci e modernissimi jet americani.

Ma questi video non svelano comunque la risposta alla domanda che tutti ci poniamo: inutile negare l’esistenza del fenomeno, dai video (civili e militari) in circolazione è evidente come sopra le nostre teste accada qualcosa che non siamo ancora in grado di svelare ma da qui a dire che dietro ad essi ci sia “ET” a pilotarli ce ne passa.

D’altronde se l’esercito americano studia il fenomeno – e lo fa da quasi un secolo, da quando i primi piloti militari americani avvistarono i primi UFO, all’epoca battezzati Foo Fighters (sì, come il gruppo rock di Dave Grohl) – non è tanto per studiare le contromosse da adottare contro gli alieni (se hanno la tecnologia per arrivare fin qui e la loro indole fosse bellicosa, in uno scontro a fuoco per noi ci sarebbe ben poco da fare, meglio mettersi l’anima in pace) ma per sincerarsi che in realtà quei voli assurdi non siano compiuti da velivoli sconosciuti appartenenti a nazioni straniere.

L’altra ipotesi, più scientifica, è che quelli che noi chiamiamo UFO in realtà siano dei fenomeni meteorologici sconosciuti i quali, magari per via del surriscaldamento climatico o per le particelle di inquinamento che rilasciamo nell’atmosfera, ultimamente si stanno intensificando. La pista scientifica è quella che più ci piace seguire e più ci rassicura (non risulta che queste strane luci abbiano mai causato danni a cose o persone) ma non risponde ad alcuni quesiti fondamentali come, ad esempio, perchè a volte questi fenomeni vengano tracciati anche dai radar.

Cosa cambia con la relazione che verrà rilasciata oggi?

Fermo restando che, causa fuso orario, ancora dobbiamo leggerla poichè non è stata ancora pubblicata (e chissà che la stessa non venga bloccata con qualche cavillo burocratico), le anticipazioni che si rincorrono da una decina di giorni sui media americani sono particolarmente interessanti e fanno presupporre che, forse, questa volta una qualche risposta definitiva alle tante che ruotano intorno all’argomento verrà data.

John Ratcliffe, che per via del suo ruolo di ex Direttore della National Intelligence ha partecipato alla stesura del rapporto ordinato dall’ex Presidente Trump – forse anche per farsi un po’ di pubblicità personale – ha detto espressamente che “il rapporto conterrà molte cose difficili da spiegare” (come sempre quando si parla di UFO, d’altronde) e, soprattutto, ha affermato che “gli UFO esistono e dal primo giugno tutto il mondo li vedrà“.

A rincarare la dose ci ha pensato il senatore Marco Rubio, anch’egli coinvolto nella stesura del dossier, che al programma della CBS 60 Minutes (lo stesso che aveva intervistato Obama) ha affermato esplicitamente che “gli UFO sono una minaccia per la sicurezza nazionale“.

Insomma, non ci resta che aspettare qualche ora e vedere finalmente quale verità ci verrà svelata dall’Intelligence USA e capire se dopo di essa potremo continuare a dormire sonni tranquilli. In attesa di saperne di più vi diamo appuntamento a domani per sviscerare insieme le notizie che arriveranno da oltreoceano.

Nessun voto disponibile

Che te ne pare?

Grazie per aver letto Gli UFO esistono, e dal primo giugno tutto il mondo li vedrà di Saverio Chiodo su Trovalost.it
Gli UFO esistono, e dal primo giugno tutto il mondo li vedrà (News, Fuori dalle righe)

Articoli più letti su questi argomenti:

Trovalost.it è gestito, mantenuto, ideato e (in gran parte) scritto da Salvatore Capolupo