Errore HTTP “415 Unsupported Media Type”: come risolverlo e da cosa dipende

Argomenti:
Pubblicato il: 08-09-2019 14:46 , Ultimo aggiornamento: 15-05-2021 10:01

Cosa significa: l’errore 415 significa semplicemente che il tipo di file annesso alla richiesta (XML, video, audio, ecc.) non è supportato.

L’errore HTTP 415 Unsupported Media Type indica che il server, durante una certa richiesta del client, ha rifiutato la stessa in quanto il formato del payload (l’insieme di dati inviati) non era corretto, era corrotto o comunque non era supportato.

Secondo la specifica ufficiale RFC 7231, section 6.5.13: 415 Unsupported Media Type questo genere di errore si genera nel caso in cui un server rifiuta di gestire una richiesta da parte del client, in quanto la stessa non è stata considerata aderente allo standard di sicurezza o di formato richiesto. Da un punto di vista tecnico di programmatore o webmaster, il problema potrebbe essere legato ai campi Content-Type oppure Content-Encoding.

Se l’errore dovesse capitare in corrispondenza di una stringa JSON come formato, può darsi che sia un problema di charset e che sia necessario rimuovere, ad esempio, l’indicazione di UTF-8. Ovviamente sono tutte cose che devono fare i programmatori del servizio o del sito, e per cui l’utente finale non può fare nulla dall’esterno.

L’errore 415 è anche stato associato, in passato, al sito di Trenitalia durante vari tentativi di accesso, come segnalato da alcuni utenti. Non è chiaro in questo caso se sia un codice di stato HTTP oppure se sia un tipo di errore interno, ma in ogni caso – per l’utente finale – non rimane altro da fare se non riprovare più tardi ad accedere.

1/5 (1)

Che te ne pare?

Grazie per aver letto Errore HTTP “415 Unsupported Media Type”: come risolverlo e da cosa dipende di Salvatore Capolupo su Trovalost.it
Errore HTTP “415 Unsupported Media Type”: come risolverlo e da cosa dipende (Guide, Errori più comuni)

Articoli più letti su questi argomenti:
Trovalost.it è gestito, mantenuto, ideato e (in gran parte) scritto da Salvatore Capolupo