Data center e connettività  in tempi di COVID-19

Aggiornato il: 15-07-2020 09:25
Durante i primi giorni dell’epidemia di coronavirus molti si chiedevano se Internet sarebbe finito a causa del drammatico aumento del traffico proveniente dal lavoro a distanza, dall’apprendimento a distanza e dalle persone che si tenevano occupate mentre erano bloccate a casa. In effetti una ricerca di Cloudflare ha rivelato che l’utilizzo di Internet è aumentato di oltre il 25 percento nella maggior parte delle principali città  del mondo a causa delle misure di blocco. Per fortuna, tuttavia, i fornitori di data center sono stati in grado di aggiornare la capacità  per gestire questa ulteriore tensione sulle loro reti.

La pandemia globale di COVID-19 ha messo in luce l’importanza dei data center. I data center sono rimasti agili a causa dell’improvvisa e crescente dipendenza da Internet mentre le società  si adeguano al distanziamento sociale. I dati riuniscono il mondo. Tuttavia, COVID-19 ha messo in risalto l’importanza di queste parole. Senza dati, le nostre aziende, scuole e ospedali si fermerebbero. Senza dati, le nostre comunità  non potevano tracciare, trattare e prevenire la diffusione di questo pericoloso virus. Senza dati, i paesi di tutto il mondo sarebbero in disordine.

Per molte realtà  aziendali del cloud è stato incredibilmente difficile osservare il portfolio di data center negli Stati Uniti, in Europa, Asia e Sud America che svolgono un ruolo centrale nella lotta contro questo pericoloso agente patogeno. I dati non sono mai stati più importanti – in effetti, sono mission-critical, il sangue vitale della risposta di emergenza di oggi, la continuità  aziendale, l’istruzione, l’intrattenimento e quasi tutti i settori della terra. In questa grande azienda, siamo orgogliosi di essere in prima linea in questo sforzo, mettendo a punto il potere della connettività  per fornire dati dove e quando è più necessario, aiutando paesi, aziende e comunità  a superare la tempesta.

Evoluzione dei data center

Se ripensate a 25 anni fa, eventi singolari (trasmissioni live streaming, vendite al dettaglio significative e importanti eventi di notizie) “bloccherebbero Internet”. Nell’ultimo quarto di secolo, il settore della connettività  ha migliorato capacità , produttività  e prestazioni in un ambiente prevalentemente autoregolamentato. Ciò ha creato una mesh potente che è scalabile e resistente. Sanità  digitale, servizi finanziari, giochi, contenuti in streaming, questi settori forniscono risultati per miliardi di persone in tutto il mondo, e ciò è dovuto al successo dell’industrializzazione di Internet negli ultimi anni.

Rimaniamo concentrati sul funzionamento sicuro delle nostre strutture, sul tempo di attività  dei data center e sulla protezione degli ingegneri e dei tecnici dei data center essenziali che gestiscono le nostre strutture. Il nostro piano di risposta pandemica è uno dei tanti piani di risposta alle emergenze che le aziende hanno, in molti casi, documentato. I nostri piani di risposta alle emergenze sono una parte essenziale dei nostri piani generali di continuità  operativa. Sebbene in genere sia nostra prassi non condividere tutta la nostra documentazione sulla continuità  operativa, date le circostanze uniche relative a COVID-19, condividiamo il nostro piano di risposta pandemica su base riservata con qualsiasi cliente che lo richieda.

Gli operatori di data center stanno applicando innovazioni che riducono l’utilizzo delle risorse, creando strutture sostenibili. Siamo concentrati sulla riduzione drastica del nostro consumo di acqua e sull’integrazione di sistemi che utilizzano una quantità  minima per il raffreddamento. Quando si progettano i data center per un futuro sostenibile, l’obiettivo dovrebbe essere un consumo di acqua vicino allo zero. Mentre piccole quantità  di acqua possono ancora essere utilizzate per l’umidificazione, la manutenzione delle strutture e lavandini e servizi igienici, questi usi rappresentano una frazione dell’acqua consumata dalle torri d’acqua e dal raffreddamento per evaporazione.

Prestazioni dei data center

Tradizionalmente i data center sono concentrati sull’efficacia dell’utilizzo dell’energia (Power Usage Effectiveness o PUE) in modo raffreddare razionalmente le strutture, per quanto in termini ecologici si stia seguendo anche un ulteriore parametro basato sulla Water Usage Effectiveness (WUE), una metrica di importanza fondamentale man mano che le aree scarseggiano e i data center passano dall’energia all’utilizzo dell’acqua per assolvere all’onere del raffreddamento.

La connettività  dati di oggi è, in molti modi, possibile a causa della crescita del cloud computing, ed il cloud svolge un ruolo fondamentale nell’infrastruttura di dati mondiale. Mentre le organizzazioni fanno girare applicazioni per l’uso quotidiano (contenuti, affari, sanità , commercio) su AWS e altre piattaforme, altre gestiscono quelle all’interno di cloud proprietari. La crescita esplosiva dei dati creati quotidianamente è possibile solo grazie al cloud computing, e i data center consentono che ciò accada e aiuta a far funzionare al meglio la rete internet – come mai prima d’ora.

Conclusioni

In termini puramente tecnologici, ha pandemia ha mostrato chiaramente che la connettività  è un must e i piani di emergenza aziendale per il lavoro remoto non sono più un vantaggio, ma una necessità . Man mano che sempre più aziende si adattano, l’industria dei data center continuerà  ad adeguarsi a questa crescente domanda di connettività . Vedremo una nuova dipendenza dalle capacità  del cloud, poichà© le aziende cambieranno i loro modelli per incorporare lavori remoti più flessibili in futuro.



Questo blog pubblica contenuti ed offre servizi free da 11 anni. – Leggi un altro articolo a caso – Per informazioni contattaci
Non ha ancora votato nessuno.

Ti piace questo articolo? Vota e fammelo sapere.

Data center e connettività  in tempi di COVID-19
SMSHosting Usa il codice PROMO per uno sconto sul primo acquisto: PRT96919
coronavirus 4932607 1920
Torna su