Seguici su Telegram, ne vale la pena ❤️ ➡ @trovalost
Vai al contenuto

Come risalire a chi ci ha inviato una e-mail anonima

Partiamo da una semplice premessa: nel caso in cui ricevi una mail anonima (per esempio da un indirizzo Gmail, Outlook e così via) e desideri risalire all’identità del mittente, ci sono alcune azioni che puoi tentare, anche se potrebbero non sempre portare a risultati concreti.

In genere vale la pena di interrogarsi sul perchè lo stiamo facendo, e uno dei motivi potrebbe essere: quel qualcuno che scrive ci è familiare. Se è un “ciccio pasticcio” chiunque magari nemmeno ci interessa, giusto? Questo vale soprattutto se usa un tono confidenziale o accomodante, o magari se sembra conoscere dettagli della nostra vita personale. Le email di spam da indirizzi anonimi purtroppo affliggono internet fin dalla sua nascita, e nessuno ha mai trovato un “antidoto” efficace al 100% (se non un mix di filtri bayesiani e buonsenso, alla fine). A volte può capitare di ricevere email anonime, dicevamo: e allora uno potrebbe pensare di ignorarle e metterle in spam. Suggerimento saggio, nel 99% dei casi. Chi ha qualcosa da dirci potrebbe quantomeno usare il proprio nome, giusto? Attenzione che, in generale, chi scrivi email anonime spesso sfrutta tecniche subdole di manipolazione, per far crollare le nostre difese e provare a raggirarci, magari (succede anche a quelli molto esperti, come abbiamo visto nell’articolo che ho appena linkato).

Come risalire a chi ci ha inviato una e-mail anonima, ad esempio [email protected]?

  1. Contatta il Supporto: Puoi contattare il supporto di email.estensione e segnalare la situazione. Fornisci loro tutti i dettagli che hai sulla mail anonima. Da contratto questi servizi, tuttavia, rispettano la privacy degli utenti e non possono nè voglio rivelare informazioni personali senza una ragione davvero valida (ad esempio, una denuncia).
  2. Utilizza Servizi di Tracciamento Online: Ci sono servizi online che possono tentare di rintracciare l’origine di una mail anonima. Tuttavia, la loro efficacia varia e potrebbero non sempre avere successo. In genere se prendi gli header dell’email che hai ricevuto e li copia-incolli qui, ad esempio, cliccando su FIND EMAIL SENDER, potresti ottenere qualche informazioni aggiuntiva (difficilmente questi servizi entraranno troppo nel dettaglio, a meno che chi invia l’email non sia completamente sprovveduto)
  3. Verifica l’Intestazione del Messaggio (Header Email): Puoi visualizzare l’intestazione completa del messaggio e cercare informazioni utili. Spesso, l’indirizzo IP del mittente può essere incluso nell’intestazione o header dell’email. Tieni presente che gli hacker esperti possono nascondere queste informazioni. Gli header di una email forniscono informazioni sul percorso e la struttura dell’email, ma non forniscono necessariamente informazioni dirette sull’identità del mittente. L’header contiene dettagli come l’indirizzo email del mittente (campo “From“) e può includere informazioni sull’indirizzo IP del server di posta utilizzato per inviare l’email. Tuttavia, tanto per essere realistic, è importante notare che queste informazioni possono essere facilmente contraffatte o nascoste. Spesso, i mittenti di email anonime o phishing utilizzano servizi o tecniche per nascondere la loro vera identità, rendendo difficile risalire al mittente originale. Anche perchè in genere, con qualsiasi linguaggio di programmazione, i campi dell’header possono essere manipolati come semplice stringhe editabili
  4. Richiedi Assistenza alle Autorità Competenti: Se la mail anonima contiene minacce serie o materiale dannoso come virus, puoi rivolgerti alle autorità locali o ai servizi di sicurezza informatica per assistenza. Possono essere in grado di utilizzare le risorse a loro disposizione per indagare ulteriormente. In genere ovviamente non avranno il tempo di occuparsi dei singoli casi e non avrebbe senso farlo, ma se le segnalazioni sono numerose ricordati pure che puoi usare un filtro antispam: metti il mittente in spam e non ti darà più fastidio, nè vedrai se leggi se sue email (spy pixel).
  5. Domande agli Utenti Conosciuti: Se il contenuto della mail suggerisce che il mittente potrebbe essere qualcuno che conosci, potresti fare alcune domande alle persone che conosci per vedere se possono fornire informazioni. potresti arrivarci piano piano parlando con le persone, anche se ovviamente ci vuole del tempo per farlo e non è detto che sia utile o agevole farlo.

È importante notare che cercare di risalire all’identità di un mittente anonimo può essere un’operazione difficile e spesso infruttuosa, specialmente se il mittente ha preso precauzioni per nascondere la sua identità. Inoltre, è fondamentale rispettare le leggi sulla privacy e non tentare di effettuare azioni illegali o invasive nell’indagine. In ogni caso, se la mail anonima contiene contenuti minacciosi, molesti o illegali, è altamente consigliato di informare le autorità competenti per gestire la situazione in modo appropriato.

👇 Da non perdere 👇



Questo portale esiste da 4516 giorni (12 anni), e contiene ad oggi 4028 articoli (circa 3.222.400 parole in tutto) e 16 servizi online gratuiti. – Leggi un altro articolo a caso
Non ha ancora votato nessuno.

Ti sembra utile o interessante? Vota e fammelo sapere.

Questo sito contribuisce alla audience di sè stesso.
Il nostro network informativo: Lipercubo - Pagare online (il blog) - Trovalost.it