Seguici su Telegram, ne vale la pena ❤️ ➡ @trovalost
Vai al contenuto

Vibratori “smart” fallati, una class action risarcisce gli acquirenti

Il sex toy dal nome suggestivo We-Vibe, in grado di funzionare sia mediante blutooth che remotamente via internet, è un prodotto di fabbricazione canadese di discreto successo sul web. Venduto a 190 dollari su internet, era in grado di venire incontro alle esigenze delle coppie che vivono a distanza, e si candidava ad essere uno dei più suggestivi giocattoli sessuali mai prodotti.

Peccato che una falla informatica abbia portato ad una sostanziale retromarcia da parte dell’azienda produttrice: dopo la recente conferenza (agosto 2016) Def Con sono infatti emerse alcune falle di sicurezza informatica sul dispositivo. Prima di tutto, il sex toy in questione era attivabile da qualsiasi estraneo riuscisse a violarne l’accesso sicuro (a quanto pare, piuttosto facilmente). Oltre a questo, condivideva i dati personali dell’utente con l’azienda produttrice, e non era troppo sicuro da possibili attacchi esterni da parte di sconosciuti.

Il video mostra lo spezzone di conferenza dedicata all’argomento, in cui vengono discusse le falle informatiche relative ai sex toys smart, ovvero connessi ad internet. Il talk spiega chiaramente – per chi avesse tempo e voglia di approfondire – eventuali possibilità  di exfiltration (furto di dati dell’app) relativi a temperatura ed intensità  di uso, oltre all’aspetto più controverso legato ad una violazione informatica di un sex toy: non tanto l’hack in sè, che di suo potrebbe limitarsi ad uno scherzo confinato alla sfera del singolo, quanto la possibilità  di accedere al backend, tracciare geograficamente gli utenti che ne fanno uso, ricattare il produttore o rivendere il know-how della falla sul mercato.

Il modello in questione è il We-Vibe 4 Plus, per quanto risulta acquistato da circa 2 milioni di persone al mondo, e tutti gli acquirenti americani sono stati risarciti grazie al successo di una class-action. L’azienda, di suo, ha dovuto pagare circa 3 milioni di dollari di multa per risarcire gli acquirenti.

(fonte)

Da non perdere 👇👇👇

Ti potrebbe interessare:  TeslaCrypt chiude: pubblicata la chiave universale di sblocco


Trovalost esiste da 4413 giorni (12 anni), e contiene ad oggi 3955 articoli (circa 3.164.000 parole in tutto) e 12 servizi online gratuiti. – Leggi un altro articolo a caso
Non ha ancora votato nessuno.

Ti sembra utile o interessante? Vota e fammelo sapere.

Vuoi pubblicare il tuo articolo su questo portale? Cercaci su Rankister (clicca qui) .

Segui il canale Youtube @Tecnocrazia23

Questo sito contribuisce alla audience di sè stesso.
Il nostro network informativo: Lipercubo.it - Pagare.online - Trovalost.it.