Seguici su Telegram, ne vale la pena ❤️ ➡ @trovalost
Vai al contenuto

IBM riesce a salvare dati su un singolo atomo

La tecnologia di memorizzazione dei dati sta evolvendo in direzioni piuttosto diverse dalle strategie tradizionali, come visto ad esempio nel caso dei dati memorizzati nel DNA (progetto di Microsoft). E se in quel caso la capienza riusciva ad aumentare nello spazio e nella quantità  di dati in modo incredibile –

La IBM Research ha infatti annunciato di essere riusciti a far funzionare un piccolissimo magnete su cui memorizzare un singolo bit di informazione; un enorme passo avanti, se si considera che per un solo bit attuale sono necessari circa 100 mila atomi. Inoltre i ricercatori hanno dimostrato che due atomi potrebbero essere utilizzati in lettura e scrittura alla distanza minima di un solo nanometro (10-9 m).

L’immagine che potrebbe rendere l’idea, in questo caso, è quella di un hard disk di ridottissime dimensioni in grado di memorizzare qualcosa come 35 milioni di MP3. Per quanto si tratti di una tecnologia ancora sperimentale, la IBM sembra credere molto in questo genere di sperimentazione, e c’è da scommettere che continuerà  ad investirci tempo e risorse.

(fonte)

Da non perdere 👇👇👇



Questo sito web esiste da 4405 giorni (12 anni), e contiene ad oggi 3909 articoli (circa 3.127.200 parole in tutto) e 12 servizi online gratuiti. – Leggi un altro articolo a caso
Non ha ancora votato nessuno.

Ti sembra utile o interessante? Vota e fammelo sapere.

Questo sito contribuisce alla audience di sè stesso.
Il nostro network informativo: Lipercubo.it - Pagare.online - Trovalost.it.