VPS gratis

Si parla da molto tempo, sul web, di VPS gratis: anche su Quora e su altri siti di domande e risposte degli utenti, l’argomento è molto dibattuto. Un po’ a vuoto, secondo me, visto che parliamo di un qualcosa che è impossibile da avere gratis, se non per pochissimi giorni ed in un periodo di prova limitato nel tempo. Come stanno davvero le cose a riguardo?

Le VPS gratis sono spesso in prova gratuita

Spiace ammetterlo ma è così: in realtà la maggioranza dei servizi che trovate cercando VPS free o VPS gratis sono in prova gratuita per un numero limitato di giorni, poi si iniziano a pagare anche quelli – quindi sono gratis sono per pochi giorni, e per questo non è pensabile utilizzarli per fare business o garantire servizi continuativi.

Pertanto non ci sono vere e proprie VPS gratis ma soltanto servizi di VPS gratis solo per un breve periodo, che poi si pagano lo stesso alla fine.

VPS davvero gratis?

Un esempio di VPS italiana gratis è quella offerta da IlBello, che richiede almeno un dominio di secondo livello (tuosito.it), una mail associata al dominio ([email protected]) ed offre IPv6 ed una VPS per sviluppatori che vi faranno creare all’indirizzo:

dev.tuosito.it

Altri esempi di VPS gratis

Fermo restando quanto scritto nei paragrafo precedente, è necessario mettere in evidenza alcune ulteriori cose a riguardo.Anzitutto le modalità di erogazione delle VPS: per essere una VPS, in pratica vi devono fornire un accesso ad un IP possibilmente dedicato solo a voi, sul quale sia stata montata una macchina Linux (o Windows, in alcuni casi) che poi potrete controllare e gestire mediante desktop remoto e mediante SSH. Un esempio molto interessante, anche se non è free, è senza dubbio DigitalOcean, che è un VPS che risponde esattamente a questo requisito. Un altro esempio, ma in realtà sono servizi erogati diversamente, sono i web service come AWS Amazon, ad esempio, che è gratis a tutti gli effetti per uso limitatio nel tempo ed è disponibile in vari formati: è tuttavia pensato come web service generico, per poter effettuare transizioni PUT o DELETE e simili e, insomma, sono pensati come Software as a Service (SaaS), non come VPS (pur essendo effettivamente gratis per uso limitato).

Quali servizi VPS scegliere? A mio avviso tanto vale puntare un servizio famoso come RackSpace o Google Cloud, ad esempio, e sfruttarlo nel periodo limitato per sperimentare e poi pagare per quello che si usa. Questo per un motivo molto semplice, anzi due:

  • le offerte apparentemente molto low cost sono semplicemente in prova free, e poi costano comunque quanto i servizi famosi, in genere;
  • molti VPS presunti gratis fanno pagare comunque un costo fisso mensile anche se non vengono utilizzati, per cui non è in genere consigliato di farne uso.
2 voti