Seguici su Telegram, ne vale la pena ❤️ ➡ @trovalost
Vai al contenuto

Che cosa significa “blacklist”

Le blacklist sono diventate un termine sempre più comune in diversi contesti, dall’informatica all’uso comune e alla censura su Internet. In questo articolo, esploreremo in dettaglio il significato e l’uso delle blacklist in diverse situazioni.

blacklist in informatica


Cerchi un hosting economico per il tuo sito o blog? Tophost ti aspetta (clicca qui) - Puoi anche usare il coupon sconto esclusivo 7NSS5HAGD5UC2 per spendere di meno ;-)

In informatica, le blacklist sono spesso utilizzate per impedire l’accesso a determinati siti web o ad alcuni utenti, in modo da prevenire attacchi informatici o contenuti indesiderati. In questo contesto, una blacklist è un elenco di indirizzi IP, nomi di dominio o parole chiave che sono considerati pericolosi o non graditi e che vengono quindi bloccati.

Ad esempio, molte aziende utilizzano blacklist per impedire l’accesso a siti web di gioco d’azzardo o a contenuti pornografici sui computer dei dipendenti. Inoltre, le blacklist vengono utilizzate anche per bloccare il traffico da paesi specifici o da indirizzi IP noti per il phishing o per altri tipi di attacchi informatici.

blacklist nell’uso comune

Nel contesto dell’uso comune, le blacklist sono spesso associate a situazioni in cui un individuo o un gruppo viene escluso o ostracizzato da una comunità. Ad esempio, una persona che viene accusata di comportamenti inappropriati o illegali potrebbe essere inserita in una blacklist che la esclude da determinati eventi o dalla partecipazione a determinate attività.

blacklist per le email

Le blacklist sono anche comuni nel mondo delle email, dove vengono utilizzate per bloccare messaggi provenienti da mittenti non autorizzati o considerati spam. In questo caso, le blacklist sono solitamente create da organizzazioni che raccolgono e analizzano le informazioni sulle fonti di spam e le inseriscono in un elenco nero. Leggi qui per altre informazioni utili.

blacklist per i domini

Anche nel mondo dei domini, le blacklist sono un tema importante. Le autorità di registrazione dei domini possono creare liste nere per impedire la registrazione di nomi di dominio che sono considerati inappropriati o illegali. Ad esempio, i nomi di dominio che contengono termini come “porno” o “droga” potrebbero essere inseriti in una blacklist.

blacklist come strumento di censura

Infine, le blacklist sono spesso utilizzate come strumento di censura su Internet. I governi o altre autorità possono creare liste nere per impedire l’accesso a determinati siti web o contenuti che sono considerati pericolosi o inappropriati. Tuttavia, l’uso delle blacklist per la censura è spesso controverso e può sollevare questioni di libertà di espressione e di accesso all’informazione.

In conclusione, le blacklist sono utilizzate in diversi contesti e hanno molteplici significati. Sebbene possano essere utili per prevenire attacchi informatici o contenuti indesiderati, l’uso delle blacklist per la censura o per escludere individui o gruppi può sollevare importanti questioni etiche e di libertà di espressione.

👇 Da non perdere 👇



Questo portale esiste da 4526 giorni (12 anni), e contiene ad oggi 4047 articoli (circa 3.237.600 parole in tutto) e 16 servizi online gratuiti. – Leggi un altro articolo a caso
Non ha ancora votato nessuno.

Ti sembra utile o interessante? Vota e fammelo sapere.

Questo sito contribuisce alla audience di sè stesso.
Il nostro network informativo: Lipercubo - Pagare online (il blog) - Trovalost.it