Seguici su Telegram, ne vale la pena ❤️ ➡ @trovalost
Vai al contenuto

Clickbait!

Il termine clickbait ha guadagnato popolarità nell’era di internet, soprattutto con la crescita dei social media e dei mezzi di comunicazione online, dove la competizione per l’attenzione è elevata. Il clickbait spesso promette informazioni o intrattenimento sensazionalistico, provocatorio o curioso, e non sempre mantiene ciò che promette, portando a un’esperienza globalmente insoddisfacente per il pubblico.

In molti casi il clickbait è associato alla diffusione su larga scala di fake news, in alcuni casi specifici possono riguardare addirittura casi di vero e proprio phishing.

Significato clickbait

L’etimologia della parola “clickbait” è legata all’inglese ed è una combinazione di due parole: “click” (cliccare) e “bait” (esca). Il termine è spesso usato per riferirsi a contenuti online, come titoli di articoli, video o post sui social media, che sono progettati in modo sensazionalista o ingannevole per attirare clic e visualizzazioni, di solito con l’obiettivo di generare guadagni attraverso annunci pubblicitari. Nello specifico:

Il “click” si riferisce all’azione di cliccare, ovvero quando un utente fa clic su un link o un titolo per accedere al contenuto. Il “bait” significa in questo caso “esca”, suggerendo che il titolo o la descrizione venga utilizzato come esca per attirare l’attenzione dei lettori o degli spettatori.

Esempi titoli clickbait

Facciamo qualche esempio per capirci ancora meglio. Ricorda che questi titoli sono progettati per catturare l’attenzione e spingere le persone a cliccare sul contenuto. Spesso, il contenuto reale potrebbe essere meno sensazionale o esagerato di quanto suggerisca il titolo, il che può portare a delusione da parte del lettore.

In molti casi i titoli acchiappa-click sono utilizzati per promuovere infoprodotti, diete (o presunte tali), teorie del complotto, prodotti cosmetici, gossip, e sono caratterizzati da un’anticipazione che incuriosisce molto il lettore, spesso a livelli morbosi o molto marcati. Poi la rivelazione: era solo una scusa per farci cliccare e non c’era alcuna novità o nulla di quello che avevamo subodorato all’interno dell’articolo che abbiamo cliccato.

Ecco alcuni esempi di titoli clickbait che potresti trovare su giornali o siti web:

  1. “La rivelazione scioccante che sta sconvolgendo il mondo! Non crederai ai tuoi occhi!”
  2. “10 trucchi segreti per dimagrire velocemente – il numero 7 ti sorprenderà!”
  3. “Celebrità XYZ colta in un momento imbarazzante: le foto che tutti stanno guardando!”
  4. “Scoperta sensazionale: il rimedio miracoloso che cambierà la tua vita!”
  5. “Ultima ora: notizia scioccante svelata in esclusiva! Ecco cosa devi sapere.”
  6. “La verità nascosta dietro l’incidente: le informazioni che il governo non vuole che tu sappia!”
  7. “Scommettiamo che non puoi indovinare quale star è in questo selfie?”
  8. “La dieta rivoluzionaria che sta facendo impazzire i nutrizionisti!”
  9. “La storia toccante che ti farà piangere lacrime di gioia – prepara i fazzoletti!”
  10. “La scoperta scientifica che sta mettendo in dubbio tutto ciò che sapevamo.”
  11. “Rivelazione shock: Il segreto più oscuro delle celebrità finalmente svelato!”
  12. “Foto trapelate: Scopri quale coppia famosa sta per divorziare!”
  13. “Questo trucco rivoluzionario sta facendo arrabbiare i medici tradizionali!”
  14. “Video virale: guarda cosa succede quando apri questo regalo misterioso!”
  15. “La verità inquietante dietro la scomparsa del giovane: indizio scioccante svelato!”
  16. “Hai mai sentito parlare del misterioso oggetto trovato nella foresta? Ecco cosa è!”
  17. “La teoria della cospirazione che ha sconvolto gli esperti: cosa sta nascondendo il governo?”
  18. “Modello famoso in una situazione imbarazzante: le foto che sta cercando di nascondere!”
  19. “Il metodo segreto per guadagnare migliaia di euro online – svelato solo ora!”
  20. “Il trucco geniale che ha fatto dimagrire questa persona di 20 kg in un mese!”

Questi titoli sono progettati per suscitare curiosità, interesse o emozioni intense, spingendo le persone a fare clic per scoprire di più. Spesso, il contenuto effettivo potrebbe non essere all’altezza delle aspettative create dal titolo, rendendo il clickbait una tecnica controversa nell’ambito del giornalismo online.

👇 Da non perdere 👇



Questo portale esiste da 4513 giorni (12 anni), e contiene ad oggi 4018 articoli (circa 3.214.400 parole in tutto) e 16 servizi online gratuiti. – Leggi un altro articolo a caso
Non ha ancora votato nessuno.

Ti sembra utile o interessante? Vota e fammelo sapere.

Questo sito contribuisce alla audience di sè stesso.
Il nostro network informativo: Lipercubo - Pagare online (il blog) - Trovalost.it