Cos’è un captive portal


Non fatevi ingannare dall’assonanza: un captive portal non è affatto cattivo, anzi può essere particolarmente gradevole per le esigenze dei commercianti e dei gestori dei locali. Captive portal, infatti, fa riferimento ad una tecnica che, nell’ambito di una rete informatica, forza il client (cioè il browser dello smartphone o del PC connesso alla stessa) a passare per una pagina di autenticazione prima di poter accedere.

Annuncio:

Cerchi un hosting economico per il tuo sito o blog? Tophost ti aspetta (clicca qui) – Puoi anche usare il coupon sconto esclusivo 7NSS5HAGD5UC2 per spendere di meno ;-)

In pratica il captive portal è la pagina di autenticazione che richiede username e password all’utente; più recentemente si usa proporre l’accesso mediante il proprio account social, al cliente per potersi connettere: dal canto suo, il captive portal può memorizzare le credenziali ed il log di accesso, conservandolo in caso di necessità  e coerentemente con le leggi sulla privacy.

Per non essere costretti a programmare manualmente il firmware del proprio router ed abilitarlo, cosa piuttosto complicata e neanche possibile su molti router wi-fi commerciali, si usa sfruttare soluzioni pre-configurate come ad esempio l’ottima soluzione offerta da wiMAN.

👇 Da non perdere 👇



Questo portale esiste da 4550 giorni (12 anni), e contiene ad oggi 4127 articoli (circa 3.301.600 parole in tutto) e 18 servizi online gratuiti. – Leggi un altro articolo a caso
Privacy e termini di servizio / Cookie - Il nostro network è composto da Lipercubo , Pagare.online e Trovalost
Seguici su Telegram, ne vale la pena ❤️ ➡ @trovalost
Questo sito contribuisce alla audience di sè stesso.