Vai al contenuto

Che cos’è il P2P?

8490786464 2ab9b8c556 p2p

Navigare al sicuro? Proteggi la tua connessione su internet con NordVPN (clicca qui)

Aggiornato il: 26-06-2023 15:30

Definizione peer-to-peer


Navigare al sicuro? Proteggi la tua connessione su internet con NordVPN (clicca qui)

Il peer-to-peer (detto anche, in sigla o acronimo, P2P) è una tecnologia informatica di rete nella quale i vari nodi, o client della rete, si scambiano informazioni in modo paritario (detti peer, in inglese), cioè possono fare indifferentemente da client o da server (vedi la differenza tra i due in questo articolo).

In secondo luogo, esiste la possibilità  che i nodi possano scambiarsi sia informazioni che meta-informazioni sulla connettività, sui dati e sul formato degli stessi: motivo per cui il modello P2P si è consolidato come standard alla base di varie tecnologie come torrent, eMule e molte altre.

Al di là  di questo, in alcuni casi il peer-to-peer è diventato un paradigma generale, al di là  della sua implementazione, che rappresenta una visione egualitaria di internet in generale.

Esempi rete peer-to-peer

Ci sono molti esempi che si possono fornire nell’ambito dell’architettura di rete P2P, e l’esempio più semplice di tale network è determinato da due computer connessi – si suol dire in questi casi “punto-punto” – sfruttando un cavo di rete ethernet.

Per costruire reti peer-to-peer più popolose, è in genere necessario sfruttare un modem, un modem router o uno switch di rete a seconda dei casi. L’estensione della rete a dimensioni più grandi avviene sia mediante hardware fisico che virtualizzato, ed avviene a livello sia LAN (Local Area Network) che MAN (Metropolitan Area Network) e WAN (Wide Area Network).

Come funziona il peer-to-peer?

Il funzionamento si può comprendere se consideriamo un programma di file sharing come torrent o client di condivisione file come eMule, ad esempio: se un certo numero di utenti (o nodi della rete) condividono un file, questi file saranno disponibili per la ricerca e lo scaricamento nella misura in cui è disponibile una certa quantità  di banda presso quei nodi. In questo modo sarà  possibile scaricare quei file e metterli a disposizione, a nostra volta, senza l’intervento di alcun server centrale.

Ti potrebbe interessare:  Reputazione online: cos'è e come lavorarci

Anche il funzionamento della blockchain – il libro mastro sul quale si basano bitcoin ed altre tecnologie sulla stessa falsariga – deve qualcosa all’architettura peer-to-peer: per tenere traccia delle transazioni e perchè le stesse siano confermate dalla rete, infatti, ogni noto deve essere allineato con tutti gli altri, e questo richiede un tempo transitorio in cui la transazione ancora non è stata confermata. Passato questo tempo di allineamento o di conferma, la transazione diventa effettiva per tutta la rete.

Uso del peer-to-peer nella pratica

Il P2P viene molto utilizzato per il file sharing, cioè per la condivisione di file (ad esempio BitTorrent), ma non è l’unica applicazione disponibile: ad esempio, serve attivamente per fare funzionare tecnologie come le varie criptovalute (bitcoin, ethereum). Al di là  dell’esempio abusato del file sharing, spesso al centro di pesanti polemiche sulla pirateria e sul suo uso a tale scopo, il peer-to-peer si adatta a numerose architetture di applicazione, come ad esempio:

  • applicazioni di streaming proprietario, come Spotify;
  • web cache per reti LAN, come Dalesa;
  • applicazioni di calcolo distribuito in genere, nelle quali ogni nodo della rete partecipa attivamente alle attività  o ai calcoli;
  • condivisione di file tra gruppi di utenti (università , ad esempio);
  • mercati digitali online, come ad esempio TradePal;
  • sistemi di anonimizzazione degli utenti in rete come I2P.

Photo by Txopi


Vuoi un hosting per il tuo sito? Prova Keliweb (clicca qui)



Questo blog pubblica contenuti ed offre servizi free da 12 anni. – Leggi un altro articolo a caso – Per informazioni contattaci
Non ha ancora votato nessuno.

Ti sembra utile o interessante? Vota e fammelo sapere.

cyberpunk 12

Ingegnere informatico per passione, consulente per necessità, docente di informatica; ho creato Trovalost.it e ho scritto quasi tutti i suoi contenuti. Credits immagini: pexels.com, pixabay.com, wikipedia.org, Midjourney, StarryAI, se non diversamente specificato. Questo sito non contiene necessariamente suggerimenti, pareri o endorsement da parte del proprietario del progetto e/o espressi a titolo personale. Per contatti clicca qui

Ti potrebbe interessare:  Plugin gratuiti di WordPress per prenotazioni e booking

Segui il canale Youtube @Tecnocrazia23