Cos’è una CTA (Call To Action)

Cos’è una CTA (Call To Action)

Hai una pagina web pensata per la vendita? Dovresti assolutamente ottimizzare la tua CTA, se non l’hai già fatto, e trovare la quadra migliore possibile. Invitare il tuo prospect, cliente o lettore sul web a fare qualcosa, a finalizzare un’azione: ecco, in breve, il senso della cosiddetta call to action.

Definizione CTA (Call-To-Action)

Ti interessa il SEO? Ecco due strumenti da avere ad ogni costo! SEMRush e SEOZoom

Che cos’è una call to action? Un call to action è una chiamata all’azione, ovvero un invito a concludere (ad es.) la lettura di un articolo o di una pagina di vendita acquistando qualcosa, cliccando su un bottone, abbonandosi ad un servizio oppure lasciando i propri dati dopo aver fatto click su un link o su un banner. Tipica attività da pianificare del web marketing, è molto utilizzata anche nel settore affiliate marketing e per molte offerte degli e-commerce (ad esempio mediante newsletter). Lo scopo della call to action è quello di aumentare i lead (ovvero le iscrizioni) oppure le conversioni (o vendite) del sito.

Esempi di call to action

Pianificare una buona strategia per costruire una call to action efficace è un’attività tipica dei copywriter più abili. Alcuni esempi di frasi per call to action potrebbero, ad esempio, essere i seguenti. Si tratta in genere di frasi secche, di poche parole, senza girarci intorno che pero’, di fatto, vanno sempre contestualizzate ed adattate al percorso che stiamo facendo fare al lettore (funnel).

  • Contattaci ora
  • Chiedi un preventivo
  • Prenota una chiamata

Quello che in genere, almeno si spera, si fa è riuscire a lasciare intravedere i vantaggi nel compiere l’azione, ma questo in genere è compito del testo attorno alla call to action che dovrebbe, in teoria, essere in gradi di convincere il lettore (cosiddetto copywriting persuasivo).

Come creare call to action efficaci

Per creare delle buona CTA si può fare appello ad alcuni parametri come la credibilità, la coerenza, la correttezza grammaticale e la chiarezza espositiva.

In genere, poi, queste attività dovrebbero essere oggetto di una consulenza specifica e non ci sono regole specifiche da applicare in modo “cieco” a qualsiasi caso.

1 voto


Informazioni sull'autore

Redazione

Articolo scritto in collaborazione con Trovalost.it