Guida pratica al mercato degli iPhone ricondizionati

Argomenti:
Pubblicato il: 20-01-2021 16:18 , Ultimo aggiornamento: 11-02-2021 15:24

Il mercato dei ricondizionati conosce da sempre un discreto successo su internet: ricondizionare significa, in questa accezione, sottoporre ad eventuale riparazione un oggetto tecnologico (un PC, uno smartphone o naturalmente un iPhone) allo scopo di rivenderlo a prezzo minore rispetto all’originale. In molti casi si trovano così delle vere e proprie occasioni, che sono determinate dal fatto che si tratta di vecchi prodotti invenduti che hanno l’etichetta ricondizionato, per cui sono semplicemente iPhone di qualche anno fa, spesso e volentieri in buone condizioni. Per quello che ci interessa, pertanto, iPhone ricondizionato” significa “come nuovo“, a prezzo più basso e sicuramente meno recente degli iPhone di nuova generazione.

Ma come facciamo a scegliere bene un iPhone ricondizionato? Ho provato a descrivere un po’ di criteri utili da utilizzare in questi casi.

Disponibilità: quasi sempre limitata

Sul mercato del web si trovano spesso con la dicitura ricondizionato o refurbished, in alcuni casi, ma il senso non cambia: sono il più delle volte stock invenduti di versioni non recentissime di un certo prodotto, che vengono reimmessi sul mercato per effettuare una sorta di vendita promozionale. La prima caratteristiche dei ricondizionati è che spesso sono iPhone a bassa disponibilità, proprio perchè tendono ad essere venduti rapidamente e perchè, ovviamente, sono in numero limitato.

Il fatto che siano limitati come numero, del resto, spesso crea fin troppo hype, ma bisogna sempre fare attenzione a quello che si acquista e non cedere troppo alle lusinghe del marketing.

iPhone troppo vecchi

Non ci sarebbe nulla di male, per la verità, ad acquistare un iPhone ricondizionato di cinque o dieci anni fa: il problema è che in questi casi finirebbe per avere un sistema operativo troppo vecchio che, con grandissima probabilità, non verrebbe più aggiornato, costringendoci ad andare in giro con un iPhone magari esteticamente impeccabile quando soggettivo a malware e virus di nuova generazione.

Pertanto evitiamo, in genere, di acquistarne di troppo vecchi, anche se il prezzo sembra essere particolarmente invitante.

Verificare il seriale del telefono

Con l’iPhone in mano, potete fare questo piccolo check: da Impostazioni > Generali > Info, dovreste trovare il valore associato a Nome Modello, che dovrebbe essere qualcosa del genere:

MN321PD/A

Se l’iPhone è stato ricondizionato da un negozio o da terze parti, invalida la garanzia Apple ed è in genere meno affidabile. Quindi se questo valore non segue il modello 2 lettere – 3 numeri – 2 lettere / lettera, è altamente probabile che si tratti di un iPhone personalizzato o ricondizionato. Se invece la prima lettera è una M è un iPhone nuovo, se è una N è un sostitutivo.

Se il tuo telefono è stato precedentemente ricondizionato da un’operazione di riparazione indipendente non autorizzata da Apple, il numero di modello non riflette lo schema indicato, per cui (a meno che non si tratti di un ricondizionato Amazon, a mio avviso), è più opportuno evitare l’acquisto.

Attenzione al grado di ricondizionamento

Anche se su questo ci sono varie convenzioni in gioco e non tutti le seguono fedelmente, se in un’annuncio di iPhone ricondizionato trovate l’indicazione del grado di ricondizionamento senza dubbio è un indizio importante da valutare.

Cosa significano i gradi nello specifico?

  • A+ condizioni ottime sia lato componentistica elettronica all’interno, che lato estetico
  • A significa che è messo bene internamente, ma può avere qualche difetto estetico
  • B, C, D possono presentare graffi, scoloriture e piccole rotture, che pero’ non dovrebbero pregiudicarne il corretto funzionamento (in teoria).

Idealmente sarebbe sempre preferibile acquistare iPhone di grado A+, A o al massimo B; ovviamente i gradi B, C e D costano di meno di quelli di grado A e A+.

Durata della garanzia

In genere le garanzie sui prodotti ricondizionati non sono quasi mai di anni, come quelle dei prodotti nuovi: ad esempio, in alcuni casi durano dai 3 ai 6 mesi, ma possono presentare durate differenti sulla base delle condizioni di vendita specifica a cui vi rivolgerete.

Trattative private

Non è necessario andare sui siti ufficiali e sugli e-commerce, ovviamente: si potrebbero trovare iPhone ricondizionati anche da privati che li rivendono, magari per inutilizzo. In questi casi, ovviamente, sarebbe opportuno accertarsi personalmente di una qualità minimale del prodotto, e fare attenzione al fatto che si potrebbe anche incappare in truffe e raggiri di vario genere. Provate sempre ad accedere l’iPhone e a verificare che, ad esempio, telefonate e connettività ad internet funzionino a dovere; secondariamente, verificare anche il corretto funzionamento di NFC e bluetooth.

iPhone ricondizionati

Il processo di ricondizionamento non è un’operazione banale, ma ci sono vari tecnici non Apple che sono in grado di effettuarla. motivo per cui in molti casi, sul mercato, trovate vari iPhone che sono genericamente classificati come “ricondizionati”, senza altre specifiche (guarda su Amazon le offerte di iPhone ricondizionati). Gli iPhone di questo tipo sono stati, ad esempio, ricondizionati da un negozio di cellulari per cui, ovviamente, valgono condizioni di garanzia più limitate di quanto non duri la garanzia di un iPhone originale. In alcuni casi si trovano comunque buone offerte, come nel caso delle diciture Amazon Refurbished che sono ricondizionati da Amazon e sono spesso una discreta via di mezzo per acquistare iPhone a prezzi davvero stracciati (anche a 250-300€ a volte).

iPhone ricondizionati certificati

Se cerchiamo iPhone ricondizionati certificati, invece, le cose cambiano leggermente: la garanzia è un po’ più lunga, il telefono dovrebbe durare di più ed essere in teoria di maggiore qualità. È il caso dei ricondizionati certificati su Amazon, ad esempio, che possono essere di due tipi:

  • certificazione Amazon (costa meno)
  • certificazione Apple (costa un po’ di più)

Come capire se un iPhone è refurbished

Purtroppo quando ordiniamo un iPhone online non c’è modo di avere la certezza della sua qualità, per cui è opportuno acquistarli sempre con cura ed utilizzare metodi di pagamento sicuri e tracciabili (bonifico, PayPal). Quando poi ne veniamo finalmente in possesso possiamo cercare tra le impostazioni se è stato effettivamente condizionato oppure se è nuovo. Sui principali modelli di iPhone, infatti, esiste un modo per verificare se il telefono è ricondizionato o nuovo: se stai per acquistare un iPhone usato o stai riparando il tuo iPhone, potresti porti questa domanda lecitamente. E le risposte possono essere tre:

  • iPhone nuovo;
  • modello ricondizionato;
  • dispositivo sostitutivo fornito da Apple tramite assistenza.

Se avete in mano il vostro iPhone “sospetto”, potete andare su Impostazioni dell’iPhone, poi tappare su Generali e poi Info. Cercando in questa finestra per il Nome Modello, dovreste vedere un’etichetta a fianco del tipo:

MN321PD/A

Quello che dovrebbe suggerire questa sigla, per quello che ci interessa, è dettato dalla prima lettera, che andrebbe interpretata così:

  • M – iPhone nuovo
  • F – iPhone ricondizionato
  • N- iPhone sostitutivo
  • P – iPhone personalizzato

Dove acquistare iPhone ricondizionati

Alla luce di tutto quello che abbiamo visto nei punti precedenti, il primo sito da consultare in merito è senza dubbio la sezione refurbished della Apple (il sito più sicuro per l’acquisto, alla fine):

iPhone ricondizionati sul sito Apple.com

in genere qui riuscite a comprarvi un iPhone nella versione precedente a quella attuale, o ancora più vecchio, risparmiando in media dalle 200 alle 450 euro.

Una seconda opportunità è data da Amazon, ovviamente:

Amazon.it

qui si trovano pure un buon numero di offerte, ed avrete anche la garanzia Amazon sugli acquisti, che vi permetterà di affrontare al meglio qualsiasi imprevisto possa capitare. Attenzione che, ovviamente, in molti casi il prezzo basso è indicativo del fatto che non è un iPhone recente, e che bisogna comunque verificare prima dell’acquisto la reputazione del venditore.

Una terza opportunità è data da Ebay:

Ebay.it

qui si trovano pure un buon numero di offerte, ma bisogna ovviamente fare attenzione a quello che si acquista, soprattutto ad usare metodi di pagamento rimborsabili (PayPal, bonifico).

Nessun voto disponibile

Che te ne pare?

Grazie per aver letto Guida pratica al mercato degli iPhone ricondizionati di Max Headroom su Trovalost.it
Guida pratica al mercato degli iPhone ricondizionati (Guide, Assistenza Tecnica)

Articoli più letti su questi argomenti:
Trovalost.it è gestito, mantenuto, ideato e (in gran parte) scritto da Salvatore Capolupo