Seguici su Telegram, ne vale la pena ❤️ ➡ @trovalost
Vai al contenuto

5 Minacce alla sicurezza informatica di cui tutti dovrebbero essere a conoscenza

Durante crisi come pandemie, recessioni e guerre, le organizzazioni devono migliorare la loro capacità di rilevare le intrusioni riducendo al minimo le potenziali vulnerabilità che gli attori del crimine informatico possono sfruttare. La sicurezza informatica non è una preoccupazione solo per il reparto IT.

Ogni membro del team di un’organizzazione deve essere consapevole delle potenziali falle attraverso le quali i criminali informatici possono insinuarsi.

Scopriamo insieme 5 minacce alla sicurezza informatica di cui tutti dovrebbero essere a conoscenza.

Senza titolo

  1. Criptojacking

Il cryptojacking è ampiamente noto come un attacco informatico in cui i criminali utilizzano i dispositivi informatici delle loro vittime per generare criptovaluta senza la conoscenza o il consenso del proprietario del dispositivo. Questo tipo di crimine si verifica in genere se la vittima scarica script dannosi sul proprio sistema.

Questo è uno dei tipi più benigni di crimini informatici, poiché l’unica cosa che ne risente è la potenza di calcolo della vittima, che danneggia le prestazioni del dispositivo. D’altra parte, l’enorme fabbisogno energetico per il mining di criptovalute può potenzialmente comportare enormi costi energetici e problemi con la produttività organizzativa se non controllati.

Le prestazioni lente del dispositivo, il surriscaldamento, i frequenti arresti anomali del sistema e gli elevati costi dell’elettricità sono sintomi che le vittime di cryptojacking dovrebbero essere in grado di individuare. Alcuni suggerimenti pratici per la prevenzione sono:

  • Il monitoraggio regolare delle risorse di sistema
  • L’attivazione di ad blocker
  • L’installazione delle patch e degli aggiornamenti più recenti
  • L’installazione di estensioni del browser sicure
  1. Download drive-by

Un attacco “drive-by” coinvolge programmi installati nel dispositivo di una vittima senza il suo consenso. Poiché tali programmi sono generalmente mascherati, possono essere trovati anche su siti Web legittimi.

Molti download drive-by si presentano sotto forma di programmi indesiderati che includono malware che possono aprire vulnerabilità nel dispositivo di una vittima, che gli hacker possono sfruttare.

I download drive-by possono avvenire ottenendo l’autorizzazione della vittima fuorviandola o semplicemente infettando i siti Web e prendendo di mira i visitatori. Questi attacchi informatici possono essere estremamente dannosi in quanto disabilitano i dispositivi, rubano dati personali, creano botnet e altro ancora.

  1. Attacchi informatici ai dispositivi IoT

Secondo un recente rapporto di GartnerOpens, circa un quinto di tutte le organizzazioni ha subito attacchi informatici ai dispositivi IoT entro il 2020. Mentre gli sviluppi dell’IoT si concentrano sul miglioramento della connettività, la mancanza di normative di sicurezza aggiornate per stare al passo con la tecnologia progressi ha generato vulnerabilità per gli hacker.

Il rapporto 2022Opens afferma che mentre oltre il 60% delle organizzazioni utilizza soluzioni IoT, più della metà è stata costretta ad abbandonare i progetti a causa della mancanza di risorse per mitigare i rischi di sicurezza informatica IoT. Il rapporto afferma inoltre che le violazioni della sicurezza informatica sono tra le minacce più significative per le aziende che intendono utilizzare l’IoT.

Le organizzazioni coinvolte nello sviluppo e nell’implementazione dell’IoT devono standardizzare i propri processi per migliorare la sicurezza e l’affidabilità. Le politiche e gli organismi governativi, come l’ITU, l’IEEE e l’ETSI, possono svolgere un ruolo fondamentale in questo.

Le aziende devono inoltre incorporare la crittografia nei propri sistemi mantenendo rigide politiche di sicurezza in tutta l’organizzazione. La sicurezza zero-trust, l’intelligenza artificiale e la crittografia quantistica svolgeranno probabilmente un ruolo significativo nell’IoT.

  1. Cross-site scripting (XSS)

Questo attacco informatico comporta l’inserimento di codice dannoso in siti Web legittimi. Questi script consentono quindi ai criminali informatici di prendere di mira i visitatori ignari del sito web. Tali script dannosi consentono agli attori malintenzionati di accedere a token, cookie e persino informazioni personali.

Le XSS possono essere difficili da identificare ed eliminare. Di solito, una revisione completa della sicurezza in termini di HTML è l’unico modo per rilevarle.

Gli amministratori del sito web devono eliminare le tracce HTML sui loro server web.

Inoltre, è necessario sviluppare routine di fuga e convalida per impedire l’iniezione di codici dannosi e la manomissione dei parametri del sito web.

  1. Attacchi zero-day

Gli attacchi zero-day sono generalmente noti come quegli attacchi informatici che prendono di mira le vulnerabilità che sono state appena scoperte dagli sviluppatori. Poiché i creatori di un software o di un sistema non hanno ancora avuto il tempo di correggere il difetto, gli attacchi sono chiamati “zero-day”. Alcune vittime importanti di attacchi zero-day sono Microsoft, Word, Windows, Apple iOS, Google Chrome e Ingrandisci.

Una delle principali responsabilità degli sviluppatori di software o sistemi è la scansione delle vulnerabilità nei prodotti e la creazione di patch appropriate. Tuttavia, quando gli aggressori informatici individuano le vulnerabilità prima dello sviluppatore, possono trarne vantaggio con codici di exploit.

In molti casi, gli sviluppatori possono impiegare molto tempo per rilevare una vulnerabilità e creare una patch. Di conseguenza, gli attacchi zero-day possono essere significativamente pericolosi per le organizzazioni.

I professionisti della sicurezza IT devono utilizzare i database di malware esistenti come riferimento mentre osservano le interazioni del codice con i prodotti. Inoltre, gli strumenti di intelligenza artificiale e apprendimento automatico possono essere utilizzati come strumenti di rilevamento.

Di seguito sono riportate alcune pratiche essenziali per prevenire gli attacchi zero-day:

  • Aggiornare regolarmente sistemi operativi e software,
  • Utilizzare soluzioni complete di sicurezza informatica e firewall
  • Organizzare e mettere al sicuro le tue password con un gestore di password
  • Limitare l’accesso alle applicazioni critiche
  • Condurre sessioni di sensibilizzazione nell’organizzazione per i membri del team per mantenere gli standard di igiene della sicurezza digitale

Da non perdere 👇👇👇



Questo sito web esiste da 4378 giorni (12 anni), e contiene ad oggi 3836 articoli (circa 3.068.800 parole in tutto) e 12 servizi online gratuiti. – Leggi un altro articolo a caso
Non ha ancora votato nessuno.

Ti sembra utile o interessante? Vota e fammelo sapere.

Questo sito contribuisce alla audience di sè stesso.
Il nostro network informativo: Lipercubo.it - Pagare.online - Trovalost.it.