Tante buone ragioni per passare a Telegram (o usarlo assieme a Whatsapp)

Tante buone ragioni per passare a Telegram (o usarlo assieme a Whatsapp)

L’uso dei software di messaggistica istantanea è ormai diventato necessario su tutti i nostri smartphone, come strumento di comunicazione veloce ed economico per restare sempre in contatto con i nostri cari. La scelta di Whatsapp, ad oggi, è certamente la più popolare, ma anche Telegram merita una sua considerazione soprattutto per la grandissima disponibilità di servizi programmabili di cui dispone. Certo non sarà banale per molti utenti passare a Telegram, e soprattutto non sarà scontato che i propri contatti lo facciano, ma vale la pena installare questo software sul proprio telefono per una serie di ragioni che proverò ad elencare in questo articolo.

Telegram apparentemente non sembra nulla di diverso da un clone di Whatsapp (le barre per notificare invio, ricezione e lettura dei messaggi sono identiche), ma si vede fin da subito che sa offrire qualcosa in più sul concreto, a cominciare dalla possibilità di personalizzare le emoticons e disporne di alcune decisamente più carine ed artistiche. Telegram è idoneo all’invio sicuro, su protocollo criptato, di messaggi di testo e chat, video, immagini e documenti, e se inviate un messaggio a voi stessi quello potrà diventare il vostro archivio cloud personalizzato di documenti privati. Basato sul protocollo open source sviluppato da Nikolai Durov’s MTProto (il bounty di sicurezza per chi riuscisse a violarlo è di 200,000 dollari), vanta di essere una delle app di comunicazione più sicure al mondo.

Le chat segrete di Telegram possono essere l’ideale per una comunicazione tra utenti realmente privata e sicura, ad esempio in ambito aziendale: si possono realizzare chat segrete con grande facilità, che non lascino tracce nè sugli smartphone degli interessati nè sui server di Telegram, tantomeno in forma criptata ed eventualmente con auto-distruzione a tempo. Se postiamo una stupidaggine o una cosa di cui ci pentiamo su un canale o su una chat, possiamo cancellarla istantaneamente o anche in seguito, e sarà cancellata sia dalla nostra chat o canale, che da quella dei destinatari. Se le cronache recenti hanno raccontato di qualche persona che ha avuto problemi seri di privacy perchè ha postato inavvertitamente foto o video privati o intimi su chat pubbliche, o dove proprio non sarebbero dovute andare, se con Whatsapp non c’è modo di annullare l’invio (almeno non ad oggi), su Telegram invece c’è qeusta possibilità da tempo.

Nonostante le differenze tra Telegram e Whatsapp non siano cose di poco conto, pertanto Telegram sta conoscendo uno sviluppo considerevole per una varietà di ragioni. Anche tra gli utenti meno esperti infatti, Telegram viene spesso utilizzato perchè ci sono moltissimi canali in grado di dare offerte speciali e coupon per Amazon, ce ne sono altri in cui si parla sobriamente di calcio o musica, ne trovati altri leggermente più borderline a livello di dark web o peggio e, naturalmente, ce ne sono tantissimi in cui è possibile conoscere nuove persone ed interagire con le stesse. Il vantaggio di Telegram in generale è duplice: da un lato offre una riservatezza invidiabile rispetto a qualsiasi altra piattaforma, dall’altro invece ci permette di trovare contenuti difficili o impossibili da trovare sul web con i tipici motori di ricerca, ed è per questo che è particolarmente ambito e desiderabile un po’ da chiunque, specie se appassionati di determinate nicchie. In realtà i canali Telegram non sono pensati per attività di marketing o revenue, ma comunque già il fatto che non sia possibile vendere pubblicità al suo interno è un’ottima cosa.

Telegram dispone di canali di notizie dedicati molto mirati (e spesso difficilmente reperibili sul web). Per chiunque avesse fame di notizie specializzate e di contenuti dedicati, i canali di Telegram sono numerossissimi e davvero interessanti: alcuni sono semplici contenitori di immagini, link o video tematici in sola lettura (e con possibilità di scaricare i file), altri sono interattivi (ad esempio MurphyBot è in grado di rispondere a domande come “Come sarei se fossi …” (what if I was), e vi basterà sottoporgli una foto perchè vi invii dei fotomontaggi davvero molto precisi), altri invece permettono di scaricare musica, video e cercarla sempre mediante comandi via chat. Tra i miei canali preferiti ci sono https://t.me/seoradar (incentrato su problematiche SEO, completamente in italiano), naturalmente il canale Telegram di questo blog (https://t.me/trovalost) e poi https://t.me/topdealsitalia e https://t.me/scontolandia che sono canali in cui è abbastanza comune trovare coupon sconto esclusivi per i propri acquisti online. Questo è stato possibile perchè Telegram ha deciso di pubblicare la propria API di programmazione e di metterla a disposizione di tutti gli sviluppatori interessati, una scelta che pagherà sicuramente nel tempo.

Ti piace questo articolo?

2 voti

Su Trovalost.it puntiamo sulla qualità dei contenuti da quando siamo nati: la tua sincera valutazione può aiutarci a migliorare ogni giorno.

Tante buone ragioni per passare a Telegram (o usarlo assieme a Whatsapp)

Votato 9 / 10, da 2 utenti