Facebook: come scoprire un profilo fake

Argomenti: ,
Pubblicato il: 14-12-2020 22:11 , Ultimo aggiornamento: 21-02-2021 18:09

I profili fake sono sempre esistiti, e spesso possono procurare fastidio o preoccupazione negli utenti: a volte dai profili fake potrebbero arrivare scherzi, minacce o fastidi di vario genere. Ma come facciamo a dire che un profilo è fake oppure è reale? Ci sono varie “regole” per capirlo, ma in genere la certezza non possiamo mai averla. Combinando saggiamente le indicazioni che abbiamo riportato in questo articolo, dovreste essere certamente facilitati a farlo.

A cosa serve un profilo fake

Prima di capire come individuare un profilo fake, è opportuno capire perchè i profili fake (cioè finti, farlocchi) sono così dannosi per l’ecosistema dei social network.

In genere i profili fake, anche se non sempre sono propriamente “pericolosi” per l’utente medio e per le aziende, possono avere una prima banale funzione di spionaggio: se ad esempio sono stato cancellato o bannato da un utente o da una community, posso utilizzare un profilo creato da zero, con un nome e cognome inventati, per continuare a “spiare” o seguire le attività del gruppo o quello che fa un utente. In secondo luogo, i profili fake di Facebook sono, neanche a dirlo, molto spesso responsabili della diffusione di fake news, e possono anche essere utilizzati per estorcere informazioni riservate agli utenti con profili reali, ad esempio informazioni personali. Profili fake creati in blocco, creati da società con sedi all’estero ed operanti quasi sempre in incognito dette troll farm, possono arrivare ad alimentare campagne politiche non convenzionali, per condizionare l’opinione pubblicare o per pilotare campagne di odio mirate verso alcune persone o VIP.

Suggerimenti per scoprire un profilo fake

È molto importante, pertanto, mantenere il proprio profilo o gruppo che sia massimamente pulito, e assicurarsi di:

  • evitare di condividere, sempre e comunque, informazioni sensibili sui social network e su Facebook in particolare;
  • inserire sempre e solo le persone realmente interessate alle tematiche trattate nel gruppo;
  • segnalare gli utenti che abbiano comportamenti sospetti come, ad esempio, provocare (cosiddetti troll) oppure insultare in privato o peggio ancora minacciare;
  • fare attenzione ad una serie di verifiche che adesso vedremo nel dettaglio, da effettuare periodicamente.

Non è facile o agevole effettuare queste operazioni, ma in genere un profilo fake possiede una serie di caratteristiche tipiche. Nessuno di questi criteri in genere è sufficente da solo per capire se un profilo è fake oppure no, ma una combinazione di più fattori rende la valutazione sempre più affidabile.

Valutare la foto

Come prima cosa, verificare se la foto è reale oppure no: in genere i profili fake usano foto artificiali (ci sono generatori di “persone artificiali” come questo, ad esempio), scaricate da internet o rubate da altri profili. Chiaramente nell’ultimo caso questa verifica è molto difficile, perchè si tratta di un furto d’identità a tutti gli effetti e potrebbe essere necessaria una denuncia del fatto, soprattutto se la persona si spaccia per voi o per qualcuno che conoscete. La cosa più semplice, in tal caso, è quella di segnalare a Facebook sfruttando la segnalazione del profilo per spam o simili.

Se il sospetto profilo fake ha usato una foto presa dal web, potete usare la ricerca inversa di immagini da parte di Google Images: scaricate la foto del profilo sospetto, poi andate su images.google.com, cliccate sull’icona della macchina fotografica:

e poi selezionate l’opzione Carica un’immagine:

Poi non vi resta che cliccare sul bottone Sfoglia e selezionare la foto che avete scaricato nel vostro computer, poi attendete qualche istante.

Se escono fuori altre immagini, è plausibile che il profilo non sia chi dice di essere, soprattutto se si tratta di un personaggio famoso oppure di una persona il cui nome “suggerito” da Google non corrisponda con quello del profilo. In caso di fondato sospetto, la cosa migliore è quella di segnalare a Facebook sfruttando la segnalazione del profilo, anche in questo caso.

Ho fatto una prova con una foto generata artificialmente, ed effettivamente esce fuori un singolo risultato: può darsi che la persona non sia fake e non abbia altre foto sul web, ovviamente, ma se c’è solo un’occorrenza come in questo caso diciamo che potrebbe essere un fake.

Questa persona non esiste da nessuna parte: è una foto che è stata generata da un algoritmo.

Valutare il numero di persone nei contatti

Andate a vedere quante persone ci sono tra i contatti del profilo: se ce ne sono molto pochi o addirittura nessuno, è parecchio probabile che sia un fake. Diversamente, procedete con il prossimo passo perchè non ci sono elementi utili da poter usare, in questo caso.

Valutare il tipo di persone nei contatti

Se non avete contatti in comune con il profilo, e si tratta di capire se sia ad esempio un vostro amico o qualcuno che vi sta facendo uno scherzo, è plausibile che sia un fake. Se avete molti contatti in comune con altri amici, è probabile (ma non certo, ovviamente) che si possa trattare di un fake che si “diverte” (contento lui!) a confondere le acque.

Valutare il nickname dell’utente sospetto fake

L’analisi del nome è complicata, perchè ognuno potrebbe creare un profilo a nome di chiunque. Se il nome sembra abbastanza assurdo o non corrisponde ad un nome reale, è possibile (anche se non sicuro) che sia un fake. Ci sono molte persone che per vari motivi non usano il proprio nome e cognome reali: chiaramente non si tratta per forza di fake! L’analisi del nome aiuta in pochi casi pratici, per la verità, quindi valutate con cautela, sempre.

Valutare quando è stato creato il profilo

Se il profilo è stato appena creato o esiste da poco, o comunque corrisponde alla data con cui ad esempio avete litigato con qualcuno o bannato qualche contatto, è possibile (anche se non certo, come sempre) che possa trattarsi di un fake. Di solito molti profili fake hanno, in media, pochissimi contatti, foto non reale, nome inventato ed un profilo che è stato creato ad esempio da un mese o da qualche giorno.

Valutare cosa ha condiviso nella sua bacheca

Altro indizio utile è vedere cosa condivide nella sua bacheca il profilo: se vi accorgete che c’è poca roba o nessuna, è plausibile che sia finto. Non è facile tenere credibile un profilo fake nel tempo, per cui pazientate un po’. Spesso i profili fake condividono video o materiale inequivocabile (ad esempio spam o pubblicità “dubbie”) che dovrebbero far scattare subito il campanello d’allarme “fake“.

Photo by Grianghraf on Unsplash

Nessun voto disponibile

Che te ne pare?

Grazie per aver letto Facebook: come scoprire un profilo fake di Salvatore Capolupo su Trovalost.it
Facebook: come scoprire un profilo fake (Guide, Assistenza Tecnica, Messaggistica Istantanea)

Articoli più letti su questi argomenti:
Trovalost.it è gestito, mantenuto, ideato e (in gran parte) scritto da Salvatore Capolupo