I segnali di trading sono affidabili?

Argomenti trattati:
Pubblicato il: 28 Settembre 2020 , Ultimo aggiornamento: 19 Febbraio 2021

I segnali di trading rientrano in un ambito di valutazione del rischio di investimento che, in gergo, viene definito analisi tecnica: si tratta di vari metodi, ereditati principalmente dalla statistica, per analizzare l’andamento dei mercati finanziari e prevederne, nello specifico, le tendenze future. Almeno, provare a prevederle: nessuno di noi è un veggente, e la certezza assoluta non ci sarà mai. Chiedersi se i segnali di trading siano affidabili significa essere investitori responsabili, alla fine, e decidere quale segnale o combinazione di segnali sfruttare potrebbe risultare decisivo per il business che abbiamo deciso di intraprendere.

La risposta alla domanda del titolo non può essere secca, purtroppo: i segnali di trading hanno tutti un margine di errore automaticamente incorporato negli stessi, quindi andrebbero sempre presi come guida generale e sottoposti al vaglio della valutazione di un essere umano. Molti segnali di trading sono, peraltro, generati da un computer, per cui possono fornire teoricamente anche indicazioni fuorvianti.

I segnali di trading possono rivelarsi estremamente efficaci per fare previsioni di mercato, ed un esempio molto elementare per capire questa cosa – ovviamente non siamo trader di professione ed è bene ricordare, ancora una volta, che non stiamo fornendo veri e propri consigli di investimento – è guardare il grafico annesso all’andamento di un titolo, che potrebbe essere una criptovaluta, l’oro e via dicendo. Se l’andamento del grafico sale, si sta verificando una tendenza rialzista, quindi potrebbe essere una buona idea vendere; viceversa se scende si potrebbe pensare di comprare per via del prezzo più vantaggioso.

Il gergo dell’analisi tecnica è pieno di terminologie complesse (che non approfondiremo in questa sede e che sono quasi tutti espressi in inglese: double bottom higher high, pullback, expansion breakout), e non a caso: non basta ovviamente la regoletta che abbiamo appena snocciolato, bisogna saper combinare i segnali per fare una valutazione. E questo ovviamente non si fa a mano: si sfruttano degli algoritmi specifici per farlo. Un algoritmo è un procedimento formalizzato all’interno di un computer che può automatizzare vari compiti, come visualizzare le pagine web di un sito o addirittura suonare il pianoforte.

Nello specifico, un algoritmo di trading finisce per fornire segnali combinati sulla tendenza del mercato annessa ad un determinato titolo, facendo un po’ da assistente virtuale all’investitore. Questi segnali non sono la Bibbia, ovviamente, e non devono essere presi troppo alla lettera: ci vuole comunque il giusto bagaglio di conoscenze per operare in questo ambito in modo efficace, ed ottenere un ricavo sostanziale almeno minimo dal proprio investimento iniziale.

Gli investimenti in trading sono sempre dell’ordine di grandezza delle centinaia di euro, ma possono facilmente arrivare a migliaia di euro al mese grazie a specifiche tecniche di upsell (che è una sorta di “rivendita” al cliente già interessato di ulteriori prodotti dello stesso tipo): in genere vi fanno provare gratuitamente questi servizi con dei soldi virtuali, ad esempio, e poi vi daranno la possibilità di passare al piano a pagamento per poter investire soldi veri. Ci sono moltissime realtà che ogni giorno propongono soluzioni di questo genere, ed una di questa è the bitcoin code.

Ad ogni modo, per concludere, la valutazione dei segnali di trading è difficile da effettuare da soli: trovate in giro moltissimi corsi di trading che proveranno a spiegarvi il loro punto di vista, ma nessuno avrà mai davvero la Verità in mano. Questo per una serie di ragioni, ma soprattutto per una: se ci fosse davvero un modo per prevedere il futuro, Ritorno al futuro sarebbe una realtà per molti di noi, e potremmo fare come il vecchio Marty che si procurò l’almanacco con tutti gli eventi sportivi passati (e che in realtà nella sua dimensione si sarebbero dovuto ancora verificare). Non ci stancheremo mai di ripetere che il trading è un’attività affascinante e piace a moltissimi effettuarla, ma l’investimento è spesso ad alto rischio e  la prudenza nell’investimento dovrebbe sempre essere all’ordine del giorno, alla fine.

 

Nessun voto disponibile

Che te ne pare?

SMS Marketing - Skebby

Invia SMS pubblicitari a basso costo - I primi 10 invii sono GRATIS!

Registrati su Skebby

Grazie per aver letto I segnali di trading sono affidabili? di Max Headroom su Trovalost.it
I segnali di trading sono affidabili? (Guide, Fuori dalle righe)

Articoli più letti su questi argomenti: