Il luogo comune della settimana: i social network influenzano la SEO

Il luogo comune della settimana: i social network influenzano la SEO

Abbiamo visto la scorsa settimana che il mito della prima posizione ha portato ad una serie di fraintendimenti non da poco: non ultimo, il fatto che si tende a ritenere che qualsiasi sito possa arrivare in prima posizione o prima pagina assumendo un bravo SEO, cosa generalmente (purtroppo o per fortuna, direi) falsa. Così come è ipocrita pensare che qualsiasi sito possa arrivare in prima pagina o prima posizione, è altrettanto sbagliato pensare che i social network possano avere influenza diretta sul posizionamento: tutto quello di cui disponiamo ad oggi, in effetti, sono discrete correlazioni tra gli eventi.

In altri termini è stato visto che possono esistere casi di pagina web ben posizionate per cui esiste anche un ottimo tasso di condivisione sui social; al tempo stesso, sembra un dato di fatto che il numero di click su un risultato (CTR) rispetto alle visualizzazioni dello stesso sia un fattore di posizionamento che finisce per influenzare, anche se in modo sostanzialmente imprevedibile, lo stesso. L’influenza dei social sulla SEO andava molto di moda anni fa, in cui stava diventando un argomento “da salotto” anche su testate specializzate molto autorevoli, che si sono (forse un po’ euforicamente) lasciate prendere la mano sull’argomento.

In realtà le condivisioni sui social network giocano un ruolo importante per il successo del sito, ma questo di norma avviene soltanto nella misura in cui producono visite immediate e sostanzialmente a basso costo; spesso basta produrre articoli con i titoli giusti, o esasperare il concetto suscitando la curiosità degli utenti (arrivando a fare puro click baiting, in sostanza) per ricevere ottime visite mediante Facebook o Twitter. Che questo influenzi la SEO è tutto da dimostrare, ma in effetti si tratta più di una strategia alternativa per fornire visite al sito magari in attesa del posizionamento sperato che altro.

Liberiamoci quindi, una volta per tutto, da questo assurdo stereotipo che i social possano direttamente influenzare il posizionamento dei siti web sui motori, e cerchiamo di privilegiare sempre la qualità e l’originalità delle nostre pagine web su qualsiasi altra considerazione in merito.

Ti piace questo articolo?

0 voti

Su Trovalost.it puntiamo sulla qualità dei contenuti da quando siamo nati: la tua sincera valutazione può aiutarci a migliorare ogni giorno.